#ObiettivoTerra


Obiettivo Terra 2013
Get the Flash Player to see the slideshow.
Green Pride
Mediterraneo da remare

Come salvare i nostri oceani dai rifiuti?

Slat Boyant, un giovane olandese, fondatore di Ocean Cleanup Foundation, ha presentato un nuovo dispositivo tecnologico ed efficace che consente di pulire e riciclare circa [...] [leggi tutto]

Climate change, l'Italia sarà in grado di adattarsi?

Mentre l’Italia é impegnata a seguire il dibattito sulla riforma del Senato, il resto del mondo si concentra  sui dati diffusi dall’IPCC sui cambiamenti climatici, e [...] [leggi tutto]

A giugno in Italia il picco delle rinnovabili

16 giugno 2013: ricordatevi questa data. Perché quel giorno, per la prima volta e per un paio d’ore, tra le 14 e le 15, in [...] [leggi tutto]

Task Force Per un'Italia libera da Ogm

Sabato 5 aprile ci sarà una prima mobilitazione nazionale della Task Force: “Per un’Italia libera da Ogm”, promossa da una coalizione di 39 associazioni tra [...] [leggi tutto]
login

Registrati

Firma la petizione #salvArte
#salvArte
archivio
fondazioneuniverde su
seguici su
seguici su google+

Ambiente: Una lezione con Amendola e Pecoraro Scanio

3 novembre 2008 15:13

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO “CARLO BO”
FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

 

Tavola Rotonda
AMBIENTE
Urbino – venerdì 7 novembre 2008 ore 15,30
Facoltà di Giurisprudenza – Via Matteotti, 1
Aula Magna

Saluti
Prof. Giovanni Bogliolo
Rettore dell’Università
Prof. Eduardo Rozo Acuña
Preside della Facoltà di Giurisprudenza
Presentazione
Prof. Guido Guidi
Università di Urbino
Relazioni
On. Avv. Alfonso Pecoraro Scanio
Adeguamento della normativa italiana a quella
europea
On. Avv. Gianfranco Amendola
Luci ed ombre del Testo Unico Ambientale
Interventi
Dott. Antonio Bianchi
Consigliere TAR Liguria
Prof. Avv. Daniele Granara
Università di Genova

In collaborazione con
Fondazione Università Verde

L’Italia gioca con la politica sui cambiamenti climatici

1 novembre 2008 10:02

IL’Italia rischia  di giocare il ruolo del “cattivo” nello smantellamento del coraggioso tentativo dell’Unione Europea di ridurre le emissioni di gas serra.
Silvio Berlusconi, Premier di centro destra è accusato di giocare con la  politica, mentre il Pianeta si surriscalda.

Questo è l’incipt di  un articolo del  Financial Times in cui si spiega ll’atteggiamento del Governo italiano nei confronti della direttiva europea per controllare l’effetto serra.

Secondo l’autorevole giornale finanziario l’attuale governo italiano è legato a doppio filo con la lobby industriale e la lotta ai cambiamenti climatici viene considerata un costo non affrontabile, specie in periodi di crisi.
Al contrario dello scorso anno quando i governi europei svelarono l’ambizioso piano “20-20-20″ (20% del taglio delle emissioni; 20% dell’energia da fonti rinnovabili; 20% di efficienza energetica entro il 2020) e l’Italia aveva corso in prima linea fra i sostenitori: ma all’epoca, ricorda il Ft, vi era un Verde alla guida del Ministero dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio, considerato come “fumo negli occhi” dal mondo industriale italiano.

Per chi volesse approfondire qui c’è la traduzione completa dell’articolo.