Partecipa a Obiettivo Terra!
Obiettivo Terra 2015
Get the Flash Player to see the slideshow.
Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Osservatorio Europa
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Mediterraneo da remare
Green Pride

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Climate change, l'Italia sarà in grado di adattarsi?

Mentre l’Italia é impegnata a seguire il dibattito sulla riforma del Senato, il resto del mondo si concentra  sui dati diffusi dall’IPCC sui cambiamenti climatici, e [...] [leggi tutto]

Rinnovabili: le aziende che rischiano e ce la fanno nonostante la crisi

In seguito alla pubblicazione dei dati del XII rapporto: “Gli italiani e il solare”, abbiamo ricevuto questa interessante testimonianza che abbiamo deciso di pubblicare. ITALIA. [...] [leggi tutto]

Proposta di risoluzione su mais GM NK603 x T25 resistente al glifosato

Nel corso della riunione del 1° dicembre, la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (COMENVI) del Parlamento europeo ha adottato, con [...] [leggi tutto]
login

Registrati

L’arte della pizza patrimonio Unesco
Get the Flash Player to see the slideshow.
Firma la world petition!
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO
Scarica il modulo per la raccolta firme #pizzaUnesco
L’Italia non spenga il sole
seguici su
fondazioneuniverde su
seguici su google+
archivio

Il commercio illegale di specie selvatiche passa da Parigi

21 giugno 2010 15:18

In Europa arrivano 270 tonnellate di carne illegale, attraverso l’aeroporto di Parigi, uno dei più attivi del vecchio Continente. Un commercio pericoloso non solo per la salute dell’uomo, ma anche per la vita di molti animali minacciati d’estinzione.

Un gruppo di ricercatori francesi, cambogiani e inglesi ha analizzato per 17 giorni tutti i sequestri di carne che venivano eseguiti all’aeroporto Charles de Gaulle della capitale francese, e durante un controllo 134 passeggeri provenienti da diversi Paesi africani nascondevano 188 chili di selvaggina appartenente a 11 specie diverse di scimmie, coccodrilli e alcuni roditori. Quattro di queste sono inserite nell’Appendice I e seriamente in pericolo. Gli autori hanno stimato che circa cinque tonnellate di carne di animali selvatici sono introdotte ogni settimana nei bagagli personali dei passeggeri.

Per Marcus Rowcliffe della Società zoologica di Londra (Zsl), coautore dello studio, non si tratta di consumo personale ma di un vero e proprio business: “Quattro chili di scimmia in Europa costa 100 euro, in Camerun solo cinque”. Difficilmente sono imposte multe per l’importazione di carne e di pesce illegale, come denunciano gli esperti, anche perché questo tipo di commercio è proficuo, ma i controlli andrebbero aumentati per ridurne il flusso. I risultati dell’indagine sono stati pubblicati sulla rivista Conservation Letters.

AG

Livorno-Biomasse: la vera filiera corta e sostenibilità ambientale

18 giugno 2010 13:34

Biomasse: la vera filiera corta e sostenibilità ambientale“: questo il titolo dell-intervento che Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della Fondazione UniVerde, terrà il 21 Giugno alle 10, in occasione del convegno organizzato da Polieco in cui si parlerà di: “Agricoltura, energia e ambiente:quali opportunità territoriali, attualità nei suoi aspetti giuridici, tecnici, economici, logistici (km zero)“.

Programma