Concorso Obiettivo Terra 2015
Sostieni Obiettivo Terra
Obiettivo Terra 2014
Get the Flash Player to see the slideshow.
seguici su
fondazioneuniverde su
seguici su google+
Mediterraneo da remare

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Climate change, l'Italia sarà in grado di adattarsi?

Mentre l’Italia é impegnata a seguire il dibattito sulla riforma del Senato, il resto del mondo si concentra  sui dati diffusi dall’IPCC sui cambiamenti climatici, e [...] [leggi tutto]

Rinnovabili: le aziende che rischiano e ce la fanno nonostante la crisi

In seguito alla pubblicazione dei dati del XII rapporto: “Gli italiani e il solare”, abbiamo ricevuto questa interessante testimonianza che abbiamo deciso di pubblicare. ITALIA. [...] [leggi tutto]

La pizza patrimonio dell'Umanità

La pizza, piatto tipico della cucina italiana, o meglio napoletana, ha in sé il potere e l’armonia dei quattro elementi naturali citati su questo sito. [...] [leggi tutto]
login

Registrati

Scarica il modulo per la raccolta firme #pizzaUnesco
Firma la petizione!

L’arte della pizza patrimonio Unesco
Get the Flash Player to see the slideshow.
Green Pride
L’Italia non spenga il sole
archivio

Un 2012 di Pace e Natura

21 dicembre 2011 15:13

Il 2012 sarà l’anno di Rio+20, un grande impegno per il nostro Pianeta e per tutti noi.

Tanti auguri per una vita serena, ricca di amore e soddisfazioni, in armonia con Madre Terra.

Alfonso Pecoraro Scanio

Rinnovabili sostenibili e solare di qualità

14 dicembre 2011 15:23

Si terrà lunedì 19 dicembre alle ore 16:00 presso Domus Talenti in via delle Quattro Fontane,113 il convegno sul tema: “Rinnovabili sostenibili e solare di qualità: una ‘Green Economy’ amica dei consumatori”. In occasione dell’incontro, promosso dalla Fondazione UniVerde e IPR Marketing, sarà presentato il VI Rapporto: “Gli italiani e il solare” con focus su“Le Garanzie per i consumatori”.

Interverranno: Alfonso Pecoraro Scanio (Presidente Fondazione UniVerde e già Ministro dell’Ambiente); Antonio Noto (Direttore IPR Marketing); Fabio Patti (Amministratore Delegato Yingli Green Energy Italia); Paolo Foschini (Responsabile ADN Kronos / Prometeo); Giorgio Ruffini (Presidente Azione Energia Solare); Rosario Trefiletti (Presidente Federconsumatori). Modera Marco Gisotti (Direttore di Modus Vivendi). Saranno inoltre raccontate esperienze di “Green Economy”.

Si ringrazia Yingli Green Energy Italia; Olisistem ITQ Consulting SpA e Modus Vivendi.

Seguirà cocktail

RSVP: info@fondazioneuniverde.it

In basso è possibile scaricare il materiale in PDF:

Programma

VI Rapporto Gli italiani e il solare

Intervento di Fabio Patti (Yingli Green Energy Italia)

Intervento di Nicola Mantengoli (Morelli Giorgio Srl)

Rassegna stampa:

IGN – Adnkronos.com

Ipr-Fondazione Univerde_ il 92% degli italiani ha fiducia nel solare – zeroEmission News-1

Fotovoltaico

Infobuild energia

Italiani & Solare. Report Univerde

Fotovoltaico_i nuovi incentivi

Italiani sempre più propensi al solare, ma ancora poco informati _ SosTariffe

Stampa – Energia solare_ gli italiani la amano ma non la conoscono – ECO dalle CITTA’


Il clima minaccia l’Everest e l’Himalaya

11 dicembre 2011 19:32

La zona montagnosa in cui si trova l’Everest, e molte delle altre vette da record mondiale, è particolarmente sensibile alle variazioni climatiche. Il CNR, infatti, durante la conferenza per i cambiamenti climatici (Cop17), ha riscontrato un forte aumento di inquinamento nell’area.

Negli ultimi quattro anni, nella regione dell’Everest si è alzata notevolmente la quantità di black carbon. Le concentrazioni sono aumentate del 300% dal 2006 al 2010 e si è registrato un incremento dell’ozono troposferico del 30% nello stesso periodo. L’inquinamento atmosferico, inoltre, influisce notevolmente sullo stato delle montagne della catena himalayana, che racchiude immense riserve di acqua dolce.

Questa situazione preoccupante è emersa dai dati analizzati negli ultimi cinque anni dal comitato EvK2Cnr attraverso il progetto Share (Stations at High Altitude for Research on the Environment), presentati nell’ambito della Conferenza sui cambiamenti climatici tenutasi a Durban.

I dati rilevati attestano che tra marzo 2006 e dicembre 2010 nella regione dell’Everest si sono registrati oltre 164 giorni di inquinamento acuto, in particolare nel periodo primaverile che anticipa l’arrivo dei monsoni con il 56% dei giorni caratterizzati da picchi di inquinamento.

In questo periodo, le concentrazioni di ozono sono aumentate del 29%, quelle del particolato di carbonio del 352% . L’ozono troposferico è riconosciuto come il terzo più importante gas a effetto serra antropico, mentre le particelle di black carbon possono agire direttamente con la radiazione solare, alterare le proprietà micro-fisiche delle nubi e condizionare il rateo di scioglimento di nevi e ghiacciai nelle aree montane e polari.

Inoltre, l’aumento delle temperature ha effetti sulla neve, sul ghiaccio e sull’acqua, compromettendo la vita sia degli abitanti di questa zona, sia dei maggiori bacini fluviali delle valli circostanti. Il tasso di perdita di ghiacci è andato crescendo causando il ritiro dei ghiacciai sia nelle zone centrali dell’Himalaya, sia in quelle orientali. In particolare negli ultimi 30 anni, la perdita è stata del 22% nel Bhutan e del 21% in Nepal. Tale fenomeno impatta fortemente sull’ambiente, compromettendo la vita di diverse specie vegetali e animali.

I pascoli, che prima permettevano la vita di grandi mandrie di yak, diventano particolarmente più secchi. In alcune zone, le fonti di acqua per irrigare e dissetarsi si sono ridotte del 70-80%. Una situazione che ha spinto gli abitanti di alcuni villaggi a chiedere alle autorità locali e al governo di Kathmandu di essere considerati come “rifugiati ambientali”.

Green Pride: eccellenze verdi nella Green Economy e nella Green Society

 17:42

Il Presidente della Fondazione Univerde Alfonso Pecoraro Scanio e il Direttore di Modus Vivendi Marco Gisotti sono lieti di invitarLa al lancio della prima edizione del Green Pride, Storie di esperienze e di eccellenze nella Green Economy e nella Green Society che si terrà martedì 13 dicembre alle ore 19.00 presso Domus Talenti in via delle Quattro Fontane, 113. Sarà l’occasione per raccogliere esperienze positive di azioni verdi sul territorio, in economia, nella cultura, nella politica, nell’impresa e in ogni settore di innovazione green.
Seguirà Cocktail & light dinner
In basso è possibile scaricare il materiale in PDF:
Rassegna stampa:

Green Pride: l’innovazione è verde

 15:21


E’ partito Il primo censimento delle esperienze ed eccellenze nella green economy e nella green society promosso dalla Fondazione UniVerde.
Negli ultimi anni le eccellenze verdi nell’economia e nella società sono cresciute in modo esponenziale.
Tante le esperienze e le azioni verdi nelle associazioni, nelle istituzioni locali e nazionali, nelle imprese, università, professioni, cultura, politica, religione… C’è di che essere orgogliosi.

Certo tanto è ancora da fare e l’Italia non è ancora  un Paese green ma è pieno di storie verdi che meritano di essere raccontate.
Dall’anno di Chernobyl (1986), da quello della Prima Conferenza di Rio (1992), da quello della crisi della mucca pazza (2000) la coscienza verde è cresciuta, nell’energia rinnovabile, nella lotta al cambiamento climatico, nella sicurezza alimentare ecc…

Una commissione di esperti, fra i quali Gianfranco Amendola, Domenico De Masi, Stefano Di Marco, Tessa Gelisio, Marco Gisotti, Rosalba Giugni, Fulco Pratesi, Alfonso Pecoraro Scanio, Mario Tozzi e Giovanni Valentini, valuteranno le storie che ci arriveranno e in occasione della conferenza Rio+20, pubblicheremo il primo censimento del  Green Pride.

COME FARE PER SEGNALARCI LE STORIE
Occorre scrivere un breve riassunto dell’esperienza in massimo due cartelle dattiloscritte (3.200 caratteri). È obbligatorio, sia che si tratti di esperienze personali che il racconto di quelle di altri, inserire i propri dati anagrafici (nome, cognome, indirizzo), una mail valida e un numero di telefono (cellulare o fisso) dove possiate essere rintracciabili. NON SARANNO PRESE IN CONSIDERAZIONI SEGNALAZIONI PRIVE DI UN RECAPITO DOVE POSSIAMO CONTATTARVI
La documentazione va inviata a info@fondazioneuniverde.it e ricordatevi di inserire nell’oggetto della mail la dicitura “GREEN PRIDE”, oppure per posta tradizionale scrivetelo sulla busta: “GREEN PRIDE” e speditela a C/O FONDAZIONE UNIVERDE, via Salandra, 6 - 00187 Roma.

Biodiversità europea: in pericolo specie d’acqua dolce

4 dicembre 2011 16:10

La biodiversità in Europa è in serio pericolo. A dimostrarlo i dati raccolti nella Lista Rossa Europea, una parte della Lista Rossa IUCN delle specie minacciate, che hanno analizzato una parte significativa di fauna e flora native dell’Europa. Dai risultati è emerso che gran parte dei molluschi, pesci d’acqua dolce e piante vascolari europei sono seriamente minacciati.

L’osservazione di circa 6000 specie ha evidenziato  che il 44% di tutti i molluschi d’acqua dolce, il 37% dei pesci d’acqua dolce, il 23% degli anfibi, il 20% di una selezione di molluschi terrestri, il 19% dei rettili, il 15% di mammiferi e di libellule, il 13% di uccelli, 11% di una selezione di coleotteri saproxilici, il 9% delle farfalle e 467 specie di piante vascolari sono rischio d’estinzione.

Il gruppo più a rischio tra quelli stimati finora è rappresentato dai molluschi d’acqua docle. Ad esempio la margaritifera auricularia, che un tempo avevva una popolazione particolarmente estesa, è possibile rintracciarla solo in alcuni fiumi della Francia e della Spagna. Negli anni 80 era ritenuta quasi estinta, adesso è a grave rischio di estinzione. Per proteggerla sono stati avviati programmi d’azione e di conservazione, a livello europeo, che promettono miglioramenti futuri per la vita di questi molluschi.

A causa dell’inquinamento, della pesca eccessiva, della perdita di habitat e dell’inserimento di specie aliene anche la vita dei pesci d’acqua dolce come lo storione è seriamente compromessa.

La conferma però che i piani di protezione e di conservazione siano estremamente efficaci e indispensabili per evitare l’estinzione di alcune specie ce la offre la Centranthus trinervis, una specie vegetale endemica in Corsica, che è passata dalla categoria delle specie a grave rischio di estinzione a quelle in pericolo, proprio grazie a una misura rigorosa.

L’Unione europea,  per arrestare la perdita di biodiversità e il degrado dei servizi eco sistemici entro il 2020, ha ideato una nuova strategia di biodiversità . Per conseguire tale risultato è necessario migliorare la protezione degli ecosistemi e l’uso delle infrastrutture verdi, aumentare la sostenibilità dell’agricoltura e della silvicoltura, eseguire controlli più rigorosi sulle specie esotiche invasive, ottimizzare la gestione degli stock ittici e rispettare completamente l’ attuazione della legislazione europea in materia ambientale a tutela della biodiversità.

Pianeta più caldo del 29 per cento

27 novembre 2011 21:22

L’Organizzazione metereologica mondiale (Omm) ha dichiarato, dopo l’analisi degli ultimi dati disponibili, che tra il 1990 e il 2010 il riscaldamento climatico provocato dai gas serra è aumentato del 29%.

I dati hanno superato le previsioni più negative raggiungendo livelli record e, come afferma l’Organizzazione mondiale per la meteorologia, la quantità di anidride carbonica, metano e protossido di azoto nell’atmosfera oggi è la maggiore mai registrata dai tempi della terza rivoluzione industriale.

Nonostante le notizie siano più che allarmanti, non ci sono segni di una possibile diminuzione dei gas serra nonostante la comunità internazionale è ben cosciente dell’urgente utilizzo di fonti alternative. L’anidride carbonica è responsabile di circa l’80% di questo forte aumento del cambiamento climatico “È il gas serra di origine umana più importante – dichiara l’Omm in una nota – e contribuisce per circa il 64% all’aumento del forcing radiativo (ovvero l’energia che ritorna sulla superficie terrestre a causa dei gas serra) globale dovuto all’insieme delle emissioni di gas serra persistenti”.

Il riscaldamento globale del Pianeta porterà a periodi di siccità, inondazioni tempeste e ondate di calore sempre più frequenti. Anche se tali emissioni venissero bloccate adesso l’equilibrio climatico e la vita del pianeta ne risentirebbero per decenni.

Green Economy ed energia geotermica come risorsa delle aree vulcaniche italiane

22 novembre 2011 10:00

La Fondazione UniVerde e IPR Marketing organizzano l’incontro dal titolo: “Gli Italiani e l’energia della Terra tra speranze e paure” in occasione della XV edizione di incontri di Futuro Remoto. Un viaggio tra scienza e fantascienza che si sta tendendo in questi giorni alla Fondazione Idis-Città della Scienza di Napoli.

Dopo il risultato del Referendum sul nucleare, l’energia geotermica deve essere considerata, insieme alle altre energie rinnovabili, una realistica alternativa. Quali sono le sfide scientifiche e tecnologiche per lo sfruttamento della risorsa geotermica? Quali sono le potenzialità geotermiche nel territorio vulcanico napoletano? Quali sono le attese scientifiche e tecnologiche del progetto Campi Flegrei Deep Drilling? Di tutto questo si parlerà il 25 novembre dalle ore 10.30 presso la sala Galileo della Fondazione Idis-Città della Scienza di Napoli. Interverranno Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della Fondazione UniVerde; Antonio Noto di IPR Marketing e Giuseppe De Natale dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

Primo Rapporto Gli italiani e la Geotermia

Rassegna stampa

Energia geotermica

Alberi dell’Unità d’Italia

21 novembre 2011 17:03

In occasione della Giornata Nazionale dell’Albero parte il progetto “Alberi dell’Unità d’Italia” promosso dalla Società Geografica Italiana in collaborazione con la Fondazione UniVerde. Sostenuto dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, l’iniziativa è finalizzata a promuovere la conoscenza dei “patriarchi vegetali”, ovvero degli alberi secolari, e a valorizzare turisticamente le aree naturali protette, in particolare i Parchi Nazionali e Regionali italiani, allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della tutela degli habitat marini e terrestri.

L’elemento di coesione delle attività è il 150° Anniversario dell’Unità d’Italia che ricorre proprio nel 2011 dichiarato dall’ONU, Anno Internazionale delle Foreste.

Il progetto vedrà coinvolti in prima persona i ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori di tutto il territorio nazionale, attraverso la conoscenza e la scoperta diretta dell’ambiente forestale, al fine di promuovere tra i giovani un turismo eco-sostenibile che – afferma Franco Salvatori, Presidente della Società Geografica Italiana – “rappresenta la vera frontiera etica con la quale il turismo deve confrontarsi”.

Per Alfonso Pecoraro Scanio, già Ministro dell’Ambiente e Presidente della Fondazione UniVerde – “l’idea di ricordare i patriarchi vegetali quali unici testimoni viventi dell’Unità d’Italia aveva già avuto largo apprezzamento durante il concorso di fotografia geografico–ambientale “Obiettivo Terra”, ora vogliamo renderla ai giovani per rilanciare così la conoscenza e l’amore verso il nostro patrimonio boschivo, una preziosa risorsa per l’Italia”.

Grazie al contributo del Corpo Forestale dello Stato saranno prodotte delle schede informative che aiuteranno i ragazzi a riconoscere e datare gli alberi secolari. Tali schede verranno distribuite agli studenti di tutte le Regioni italiane che saranno invitati a partecipare ad escursioni guidate all’interno dei Parchi Nazionali e Regionali del Paese per realizzare reportage fotografici. Le foto pervenute saranno selezionate e diventeranno oggetto di una mostra che si terrà a Roma, presso la sede della Società Geografica Italiana, Palazzetto Mattei  in Villa Celimontana.

“Alberi dell’Unità d’Italia” coinvolgerà i Parchi Nazionali e Regionali di tutte le regioni italiane.

In basso è possibile scaricare il Comunicato stampa in PDF:

Comunicato Stampa Alberi dell’Unità d’Italia

L’inquinamento influisce sulle alluvioni e sulla siccità

 16:55

L’inquinamento e le polveri in atmosfera hanno delle conseguenze sulla formazione delle nuvole come dimostra una ricerca realizzata da da un gruppo di ricercatori americani dell’University of Maryland.

Zhanqing Li, professore di scienze atmosferiche e oceaniche e responsabile della ricerca, ha confermato l’esistenza di una relazione certa  tra gli aereosol nell’altezza con la struttura delle nuvole e con le variazioni di intensità e frequenza delle precipitazioni.

L’inquinamento però avrebbe effetti diversi a seconda delle regioni umide o secche. In quelle umide le polveri in atmosfera causano l’aumento di alluvioni e tempeste, nelle regioni secche invece portano a una diminuzione delle precipitazioni.

La ricerca inoltre ha considerato e valutato gli effetti diretti della diffusione delle sostanze inquinanti da parte del settore indutriale sull’atmosfera e, tali risultati, come dichiarano gli studiosi, hanno profonde implicazioni politiche per quanto riguarda l’organizzazione delle risorse, soprattutto nelle regioni dove la presenza di siccità e alluvioni è estremamente frequente.