#ObiettivoTerra


Obiettivo Terra 2013
Get the Flash Player to see the slideshow.
Green Pride
Mediterraneo da remare

Come salvare i nostri oceani dai rifiuti?

Slat Boyant, un giovane olandese, fondatore di Ocean Cleanup Foundation, ha presentato un nuovo dispositivo tecnologico ed efficace che consente di pulire e riciclare circa [...] [leggi tutto]

Climate change, l'Italia sarà in grado di adattarsi?

Mentre l’Italia é impegnata a seguire il dibattito sulla riforma del Senato, il resto del mondo si concentra  sui dati diffusi dall’IPCC sui cambiamenti climatici, e [...] [leggi tutto]

A giugno in Italia il picco delle rinnovabili

16 giugno 2013: ricordatevi questa data. Perché quel giorno, per la prima volta e per un paio d’ore, tra le 14 e le 15, in [...] [leggi tutto]

Task Force Per un'Italia libera da Ogm

Sabato 5 aprile ci sarà una prima mobilitazione nazionale della Task Force: “Per un’Italia libera da Ogm”, promossa da una coalizione di 39 associazioni tra [...] [leggi tutto]
login

Registrati

Firma la petizione #salvArte
#salvArte
archivio
fondazioneuniverde su
seguici su
seguici su google+

Green Pride:orgoglio verde in Toscana

23 gennaio 2012 15:16

Giovedì 26 gennaio ci sarà il primo incontro Green Pride Toscana: Ecologia etica ed economia per raccogliere storie ed esperienze sostenibili nel settore dell’agricoltura, dell’energia, dell’edilizia e dei trasporti realizzate dai Verdi, dalle associazioni e dal mondo della Green Economy.

Un incontro, organizzato dalla Fondazione Univerde, dal mensile Modus Vivendi e dalla Green economy association (Gea), che vuole lanciare una nuova sfida Verde con la Terza rivoluzione industriale.

Interverranno l’On.Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della Fondazione UniVerde; Andrea Fusari (capogruppo dei Verdi di Pistoia); Gianluca Carrabs ( amministratore ASSAM e Presidente dei Verdi delle Marche). A dare il suo supporto all’iniziativa anche Carlo Petrini e sarà lanciato un appello al Comune di Pistoia per l’adozione di un orto (vegan) dei 1.000 orti in Africa realizzati da Slow Food.

L’appuntamento è alla Sala Maggiore del Comune in piazza Duomo, 1 a Pistoia.


Quali rischi ambientali avrà la Concordia?

21 gennaio 2012 12:11

Il naufragio della Costa Concordia, avvenuto nell’Isola del Giglio (Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano), un’area naturale di notevole importanza ecologica, rischia di provocare un grave disastro ambientale.

I fondali della zona presentano un’enorme varietà di specie come i coralli, le gorgonie, i molluschi e le praterie sottomarine messe a rischio dagli scarichi e dai residui prodotti dal relitto.

La nave, date le sue enormi dimensioni, sta privando il fondale della luce necessaria a tutte le piante, un fondale prezioso considerando la presenza della prateria di Posidonia, una delle più importanti nell’Arcipelago Toscano.

A contaminare le acque, e a minacciare la ricchezza della biodiversità, non sarebbe solo la possibile fuoriuscita di 2.300 tonnellate di carburante, ma tutti i rifiuti emessi dalla Concordia: detersivi; metalli; liquidi oleosi e sostanze tossiche.

Il rischio è che la nave emetta scarichi che contaminino anche il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, considerato una delle aree marine più importanti d’Italia che ospita una popolazione stabile di delfini tursiopi (Tursiops truncatus) e costituisce una zona di passaggio per le balene che vivono nel Santuario dei Cetacei.

Per limitare i danni all’ecosistema marino, causato dalla dispersione di residui nocivi, sarebbe auspicabile che il relitto venisse trasportato tempestivamente fuori dalle acque e che il traffico marittimo fosse limitato per proteggere le nostre acque.

Germania: il futuro è nelle rinnovabili

16 gennaio 2012 14:26

Secondo gli studi dell’Associazione federale dell’energia e dell’acqua tedesca, la Bundersverband, il nucleare e il carbone stanno gradualmente cedendo il posto alle rinnovabili.

La Germania ha annunciato l’abbandono alle centrali nucleari entro il 2022 e la conferma concreta di questa decisione è ben delineata nel rapporto della Bundersband. La dismissione dei primi otto reattori nucleari ha fatto scendere il livello di energia elettrica prodotta dal nucleare dal 22, 4 % dell’anno precedente al 17,7 % nel 2011.

Le rinnovabili, invece, hanno avuto un incremento del 3,5 % rispetto al 2010, raggiungendo così il 19,90%, una percentuale in grado di sostenere circa un quinto della produzione energetica totale. Solo l’eolico è responsabile del 7,6% (6% nel 2010) della produzione complessiva di energia seguito dalle biomasse, dal fotovoltaico e dall’energia ottenuta dalla combustione dei rifiuti.

La città di Berlino, per quanto riguarda il settore solare teutonico, raggiunge quasi la metà della nuova capacità totale mondiale con 16,6 GW.

Anche se il carbone, combustibile molto utilizzato sul territorio tedesco, oggi copre il 24,6% della richiesta complessiva, il rapporto annuncia che il futuro è delle rinnovabili e che dal 2050 riusciranno a coprire l’80% del fabbisogno nazionale.

La BSW Solar invece, l’associazione federale del settore solare, è meno ottimista e sostiene che i tagli a sussidi statali per l’incremento delle rinnovabili, stabiliti dal governo tedesco sia per il 2011 che per il 2012, potrebbero compromettere lo sviluppo di questo settore.

Green Pride: “Le buone pratiche verdi negli Enti locali raccontate dagli amministratori”

6 gennaio 2012 17:03

Il Presidente della Fondazione UniVerde Alfonso Pecoraro Scanio e il Direttore di Modus Vivendi Marco Gisotti sono lieti di invitarLa venerdì 13 Gennaio 2012 all’incontro: Green Pride: “Le buone pratiche verdi negli Enti locali raccontate dagli amministratori” che si terrà alle ore 16.30 presso la Domus Talenti in via delle Quattro Fontane, 113 in Roma.

Interverranno: il sociologo Domenico De Masi; il Sen.Elio Lannuti (Presidente Adusbef); Fulco Pratesi (Presidente Onorario WWF Italia) e Angelo Consoli (Direttore CETRI).

Saranno raccontati dagli amministratori locali alcuni interventi green di successo operati sul territorio.

Sarà possibile seguire l’evento in diretta sul sito della Fondazione UniVerde; sul sito di Ecotv; sul sito di Modus Vivendi e sul sito del CETRI-TIRES

Seguirà cocktail & rinfresco

RSVP: redazione@modusvivendi.it

In basso è possibile scaricare l’invito in PDF:

Invito Green Pride – 13 Gennaio 2012