Obiettivo Terra 2014
Get the Flash Player to see the slideshow.
Mediterraneo da remare
Green Pride

Come salvare i nostri oceani dai rifiuti?

Slat Boyant, un giovane olandese, fondatore di Ocean Cleanup Foundation, ha presentato un nuovo dispositivo tecnologico ed efficace che consente di pulire e riciclare circa [...] [leggi tutto]

Climate change, l'Italia sarà in grado di adattarsi?

Mentre l’Italia é impegnata a seguire il dibattito sulla riforma del Senato, il resto del mondo si concentra  sui dati diffusi dall’IPCC sui cambiamenti climatici, e [...] [leggi tutto]

A giugno in Italia il picco delle rinnovabili

16 giugno 2013: ricordatevi questa data. Perché quel giorno, per la prima volta e per un paio d’ore, tra le 14 e le 15, in [...] [leggi tutto]

Task Force Per un'Italia libera da Ogm

Sabato 5 aprile ci sarà una prima mobilitazione nazionale della Task Force: “Per un’Italia libera da Ogm”, promossa da una coalizione di 39 associazioni tra [...] [leggi tutto]
login

Registrati

Sostieni Obiettivo Terra
Firma la petizione #salvArte
#salvArte
archivio
fondazioneuniverde su
seguici su
seguici su google+

Mostra fotografica “Obiettivo Terra: la forza della Natura” a Napoli

22 luglio 2012 19:20

Da sinistra: Responsabile area Sud Italia - NH Hoteles Italia, Marc Sampietro, Alfonso Pecoraro Scanio e l'Ass.re al Commercio ed Attività produttive del Comunale di Napoli - Marco Esposito

Il giorno 26 luglio a Napoli presso l’Hotel NH Ambassador (via Medina 70) alle ore 17.30 si terrà l’inaugurazione della mostra fotografica “Obiettivo Terra: la forza della Natura”.

Trenta immagini di fotografi, professionisti e non, che ritraggono le meraviglie italiane dei Parchi Nazionali e Regionali. Scatti che emozionano e catturano l’attenzione dell’osservatore, proiettandolo nella straordinaria realtà naturalistica dei parchi del Bel Paese con l’intento di sensibilizzare i cittadini sull’importanza della biodiversità e della ricchezza ambientale dell’Italia.

Napoli sarà la terza tappa italiana della mostra 2012 dopo Milano (Sede Fondazione Collegio delle Università Milanesi) e Roma (Hotel NH Vittorio Veneto) e a questa seguiranno nei prossimi mesi Genova e Torino.
Inoltre, grazie all’accordo tra la Fondazione UniVerde e il Commissariato Generale per le Esposizioni Internazionali 2012 di Yeosu (Corea del Sud) e Venlo (Olanda) e considerata la grande attenzione rivolta dai milioni di visitatori di Floriade 2012 a Venlo per le foto vincitrici dell’edizione 2012 del concorso “Obiettivo Terra” esposte nel padiglione italiano, le stesse saranno esposte anche a Yeosu, in occasione dell’Esposizione Internazionale 2012 “Costa e Oceani che vivono”.  La mostra di Yeosu sarà inaugurata il 2 agosto presso il padiglione italiano, in occasione del National Day italiano e in presenza dell’On. Alfonso Pecoraro Scanio (Presidente della Fondazione UniVerde e già Ministro dell’Ambiente e dell’Agricoltura) e dell’Amb. Claudio Moreno (Commissario Generale per le Esposizioni Internazionali) e resterà esposta per tutta la durata dell’Expo.

Quest’anno il concorso fotografico “Obiettivo Terra“, promosso dalla Fondazione UniVerde e dalla Società Geografica Italiana, ha ricevuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, del Ministero degli Affari Esteri, di Roma Capitale, di Federparchi e di tutti i Parchi Nazionali italiani.

Le foto dell’edizione 2011 sono attualmente esposte nel foyer del Teatro Eliseo di Roma.

Qui è possibile scaricare l’invito: Invito inaugurazione mostra fotografica “Obiettivo Terra: la forza della Natura

Ingresso libero previa registrazione scrivendo a: info@fondazioneuniverde.it

In basso è possibile scaricare il materiale:

INVITO 26 luglio 2012

Mostra fotografica

Rassegna stampa:

Mediterraneo da remare per un mare sostenibile

20 luglio 2012 09:55

Per aderire alla campagna Mediterraneo da remare è necessario inviare una mail a: info@fondazioneuniverde.it specificando se si è un amministrazione/ente locale, un privato cittadino o uno stabilimento balneare indicando dati anagrafici dell’aderente, almeno un numero di telefono e un indirizzo mail dove poter essere ricontattati.

La Fondazione UniVerde con la collaborazione di Marevivo e del CTS – Centro Turistico Studentesco e giovanile ‐ ha lanciato la seconda edizione della campagna “Mediterraneo da Remare”.

La campagna, lanciata per la prima volta lo scorso anno nel Comune di San Benedetto del Tronto (AP), è stata promossa per sostenere le strutture turistiche operanti sui litorali marini, lacustri e fluviali che rinunceranno a noleggiare moto dʹacqua (acquascooter) e metteranno a disposizione dei propri clienti canoe o altre imbarcazioni a remi avviando così la diffusione di lidi, spiagge e villaggi acquascooter free.

L’iniziativa è rivolta principalmente ai gestori di stabilimenti balneari a cui si chiede un preciso impegno per la diffusione di modalità di fruizione del mare sostenibili (canoa, vela, windsurf ecc.) in alternativa ai mezzi più inquinanti, a partire dalle moto d’acqua.

Mediterraneo da Remare si profila anche come campagna di sensibilizzazione per il grande pubblico laddove incoraggia e favorisce la vacanza balneare a basso impatto ambientale garantendo, al tempo stesso, visibilità agli stabilimenti che avranno aderito.

In basso è possibile scaricare il materiale in PDF:

Comunicato Stampa Mediterraneo da Remare (25 luglio 2012)

Roma, 25 luglio 2012 – Programma

Mediterraneo da Remare 2011 (I edizione)

Il turismo in campagna

15 luglio 2012 09:01

Giovedì 19 luglio al Palazzo Rospigliosi (Sala delle Statue) in via XXIV Maggio 43 in Roma si terrà il convegno su: “L’Italia che piace: il turismo in campagna. La bellezza dei luoghi: valore ecologico, economico e culturale”.

Sarà presentato il II rapporto su: “Gli Italiani e l’agricoltura “con un focus su “Turismo e campagna” da Antonio Noto, Direttore di IPR Marketing e Sandra Cuocolo, ricercatrice di IPR Marketing.

Interverranno Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde; Sergio Marini, Presidente Nazionale di Coldiretti; Tulio Marcelli, Presidente Nazionale di Terranostra e Antonio Ciaschi, Professore di Geografia del Territorio all’Università delle Tuscia (Viterbo) e all’Università di Tor Vergata (Roma).

L’ingresso è gratuito previa registrazione da inviare a: info@fondazioneuniverde.it

In basso è possibile scaricare il materiale in PDF:

Roma, 19 luglio 2012 – L’Italia che piace. – Il turismo in campagna

Comunicato stampa 19 luglio 2012

II Rapporto Italiani e agricoltura-Focus su turismo e campagna

Rassegna stampa

I coralli sono distrutti. L’uomo perde un ecosistema unico

9 luglio 2012 10:26

«Sollecitiamo i Governi a garantire un futuro alle barriere coralline attraverso azioni globali per ridurre le emissioni di Co2 e di altre sostanze inquinanti, e migliorare la protezione anche a livello locale». Questo l’appello lanciato dagli scienziati durante l’apertura del XII Simposio internazionale sui reef coralli partito oggi in Australia.

Più di 2.500 scienziati sono concordi nell’adottare misure urgenti per affrontare i danni causati agli ecosistemi corallini, di tutto il mondo, dall’aumento delle temperature e dall’acidificazione dell’oceano, dalla pesca eccessiva e dall’inquinamento.

Esperti provenienti da 80 Paesi tra i quali Spagna; Argentina; Brasile; Cile; Colombia; Panama; Portogallo e Venezuela si sono dati appuntamento in Australia dove la Grande Barriera Corallina, costituita da 3000 piccoli coralli e da più di 900 atolli, a largo di 2.600 chilometri, richiede una protezione urgente.

Anche in Panama questo grande patrimonio è a rischio. In 2.500 anni i coralli del Pacifico Orientale non sono cresciuti e hanno subito un grave collasso a causa di un cambiamento climatico, iniziato 4000 anni fa, legato al Niño (El Niño-Oscillazione Meridionale, conosciuto anche come ENSO). Questo fenomeno ha influenzato lo sviluppo delle barriere coralline tropicali. Uno studio pubblicato su Science ne ha ricostruito la storia degli ultimi 6.000 anni, confermando un crollo dell’ecosistema di Panama causato da variazioni improvvise dell’ENSO.

I cambiamenti climatici in atto potrebbero distruggere le barriere in modo definitivo. Questa volta, però, la causa principale sarà l’azione dell’uomo sull’ambiente, in particolare l’inquinamento e la pesca eccessiva che rappresentano le minacce più gravi per la vita di questa immensa biodiversità.