Mediterraneo da remare
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Sostieni Obiettivo Terra
Scarica gratis il libro in PDF!
Obiettivo Terra 2015
Get the Flash Player to see the slideshow.
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Climate change, l'Italia sarà in grado di adattarsi?

Mentre l’Italia é impegnata a seguire il dibattito sulla riforma del Senato, il resto del mondo si concentra  sui dati diffusi dall’IPCC sui cambiamenti climatici, e [...] [leggi tutto]

Rinnovabili: le aziende che rischiano e ce la fanno nonostante la crisi

In seguito alla pubblicazione dei dati del XII rapporto: “Gli italiani e il solare”, abbiamo ricevuto questa interessante testimonianza che abbiamo deciso di pubblicare. ITALIA. [...] [leggi tutto]

Proposta di risoluzione su mais GM NK603 x T25 resistente al glifosato

Nel corso della riunione del 1° dicembre, la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (COMENVI) del Parlamento europeo ha adottato, con [...] [leggi tutto]
login

Registrati

Osservatorio Europa
Firma la world petition!
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO
Scarica il modulo per la raccolta firme #pizzaUnesco
L’Italia non spenga il sole
seguici su
fondazioneuniverde su
seguici su google+
archivio

Green Pride Lazio con Edoardo Bennato – Roma, 19 dicembre 2012

26 novembre 2012 21:15


Torna l’appuntamento con il Green Pride a Roma presso il Teatro Ambra Jovinelli (in via Guglielmo Pepe 43),  il 19 dicembre 2012, alle ore 21.00, la Fondazione UniVerde presenta:  ”Green Pride Lazio: l’isola che non c’è”, un incontro per conoscere le eccellenze della Green Economy del Lazio con Edoardo Bennato.

Interveranno: Alfonso Pecoraro Scanio, Domenico De Masi, Angelo Consoli, Rosalba Giugni, Fulco Pratesi, Francesca Rocchi, Rosario Trefiletti.

Modera: Emilio Casalini (Giornalista di Report – RAI3).

Ingresso libero previa registrazione

RSVP: info@fondazioneuniverde.it

L’invito con programma scaricabile in pdf:

Invito_al_Green_Pride_con_Edoardo_Bennato

Comunicato stampa Green Pride Lazio 2012 con premiati

Rassegna stampa:

Rassegna stampa

Il fotovoltaico d’avanguardia: scenari transitori e post incentivi verso la grid-parity

24 novembre 2012 11:46

Il 12 dicembre si terrà il workshop gratuito: “Il fotovoltaico d’avanguardia: scenari transitori e post incentivi verso la grid-parity” organizzato da Idea (Ingegneri d’Europa associati), Intellienergia srl con il sostegno dei partner Mastergem, Fondazione Univerde ed Enmoveme cui parteciperà anche il Presidente della Fondazione UniVerdeOnAlfonso Pecoraro Scanio.

L’appuntamento è per il prossimo 12 dicembre alla Sala meeting Dnb (sala Berlinzani) in via Cavour 85/A in Roma a partire dalle 09:00.

Ai lavori interverranno: On. Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della Fondazione Univerde; l’ingegnere Alessandro Caffarelli, Vice Presidente Intellienergia S.r.l.; il Dott. Francesco Meneguzzo, CNR; Dott. Ing. Alessandro Visalli, Vice Presidente ATER; Dott. Ing. Massimo Venturelli, Presidente ATER e il Dott. Ing. Marcello Ramiconi, Schueco.

Introduce i lavori Dott. Ing. Carla Cappiello, Presidente dell’Associazione IdEA, Ingegneri d’Europa Associati. Modera Dott. Giulio Meneghello, Qualenergia.

L’ingresso è gratuito previa registrazione:

Form di iscrizione gratuita per partecipare al workshop

In basso è possibile scaricare il programma in PDF:

Locandina IdEA fv 12 dic_2

Mostra Obiettivo Terra: la forza della natura a Firenze

23 novembre 2012 21:00

Dopo il grande successo della mostra “Obiettivo Terra: la forza della Natura”, in occasione degli EXPO Internazionali di Venlo (Olanda) e Yeosu (Corea del Sud) e delle prime tappe italiane tra cui Milano, Roma e Napoli, continuano le esposizioni della mostra in Italia.

La prima inaugurazione ci sarà Martedì 4 dicembre alle ore 17:30, a Roma, presso l’Ufficio relazioni con il pubblico del Corpo Forestale dello Stato, in via Antonio Salandra 44, il  giorno 6 dicembre 2012, alle ore 17.00 ci sarà l’inaugurazione a Firenze, presso NH Porta Rossa in Via Porta Rossa 19.

A Roma la mostra sarà allestita dal 4 al 21 dicembre 2012 e sarà possibile visionarla nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 14.30, il martedì e il giovedì fino alle ore 17.00.

Seguiranno ulteriori esposizioni nel 2013.

In basso è possibile scaricare il materiale della mostra in PDF:

Invito mostra Obietto Terra – Firenze 6 dicembre 2012

Invito mostra obiettivo terra – Roma 4 dicembre 2012

Locandina Mostra Obiettivo Terra 2012 – Roma 4 dicembre 2012

Le foto in mostra

Mostra fotografica 2012


RASSEGNA STAMPA:

Rassegna stampa


Protocollo di Kyoto: cosa succederà al negoziato sul clima di Doha?

22 novembre 2012 21:39

22 novembre 2012

L’ultimo bollettino della World Meteorological Organization del 20 novembre scorso mostra che la concentrazione atmosferica di anidride carbonica, il principale gas ad effetto serra, nel 2011 ha raggiunto il valore record di 391 ppm (parti per milione), cioè il 40% in più rispetto all’epoca preindustriale (che comincia nel 1750) con un ritmo di crescita che è stato pari a 2 ppm per anno in questi ultimi dieci anni. Questo significa che è stato aggiunto all’effetto serra naturale un effetto serra non naturale, che solo tra il 1990 e il 2011 è aumentato del 30%. Principale causa sono state le emissioni globali in atmosfera provenienti dalle attività umane inquinanti, emissioni che ammontano al valore record di oltre 34 miliardi di tonnellate di anidride carbonica che si aggiungono agli oltre 1700 miliardi di tonnellate di anidride carbonica complessivamente scaricate in atmosfera dall’epoca pre-industriale.

Nel frattempo, l’Agenzia Europea per l’Ambiente il 21 novembre ha pubblicato il rapportoClimate change, impacts and vulnerability in Europe 2012” nel quale, tra l’altro, sono mostrate le conseguenze negative e i danni che i cambiamenti climatici stanno provocando in Europa e che ancor più colpiranno l’Europa nel prossimo futuro. Il rapporto conclude con il monito di procedere urgentemente a realizzare le idonee azioni di adattamento ai cambiamenti climatici per prevenire conseguenze irreversibili e danni irreparabili.

In questo quadro si apre il 26 novembre, sotto la presidenza di Mr. Abdullah bin Hamad Al-Attiyah, vice Primo Ministro del Qatar, la 18-esima sessione negoziale della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, nella quale sono all’ordine del giorno molti argomenti di importanza cruciale per raggiungere l’obiettivo di mantenere il surriscaldamento climatico entro i 2 °C rispetto all’epoca pre-industriale. Questo obiettivo comporta la stabilizzazione delle concentrazioni atmosferiche di gas serra al di sotto di 450 ppm e un’inversione dell’attuale andamento crescente delle emissioni globali per riportarle entro il 2050 e comunque prima del 2100, al di di sotto della soglia dei 24 miliardi di tonnellate di anidride carbonica per anno (equivalenti a circa 5 miliardi di tonnellate di carbonio).

In questo contesto, il tema più urgente sul breve periodo, ma anche il più scottante nell’agenda dei lavori, è il protocollo di Kyoto che scade il 31 dicembre 2012. Che cosa succederà dal 1 gennaio 2013? Disimpegno totale? Il 20 novembre scorso i quattro paesi emergenti Cina, India, Brasile e Sud Africa hanno confermato con unadichiarazione ministeriale congiunta che il protocollo di Kyoto deve proseguire dopo il 2012 con una seconda fase, nella quale siano contenuti impegni molto ambiziosi di riduzione delle emissioni da parte dei paesi industrializzati, accompagnati da impegni concreti di cooperazione internazionale per sostenere lo sviluppo sostenibile dei paesi più poveri.

Nell’ultima sessione di Durban l’Unione Europea aveva già manifestato la volontà di proseguire con il protocollo di Kyoto, benché, per dissidi interni, l’Unione Europea non intenda assumere impegni più ambiziosi, oltre a quelli già presi di riduzione delle emissioni del 20% entro il 2020 rispetto al 1990. Per l’attuazione dei suoi impegni ha già messo in atto un sistema di “carbon market“, noto come sistema ETS (commercio dei crediti di emissione) fin dal 2005 e intende portarlo avanti fino al 2020, anche se sono comparsi problemi di gestione e di controllo di questo mercato. L’Australia e la Nuova Zelanda hanno parimenti dichiarato di voler proseguire con il protocollo di Kyoto. Anche loro hanno, di recente, messo a punto un sistema di commercio dei permessi di emissione, non ancora operativo. Probabilmente anche la Svizzera intenderà proseguire il protocollo di Kyoto, avendo preparato un sistema simile di “carbon market” anche se con regole diverse. Ma questa trentina paesi sono una minoranza in termini di emissioni.

I maggiori emettitori mondiali come USA, Canada, Russia e Giappone, infatti, non intendono più aderire al protocollo di Kyoto, ma sono disponibili a prendere in considerazione un trattato internazionale di riduzione delle emissioni, solo dopo che Cina, insieme a India, Brasile e Sud Africa, si impegnino a ridurre le proprie emissioni. Con il suo ultimo rapporto China’s Policies and Actions for Addressing Climate Change, del 21 novembre, la Cina ha fatto sapere che ha già intrapreso in ambito nazionale azioni efficaci per uno sviluppo a bassa intensità di carbonio. Tra il 2006 e il 2010 la Cina ha ridotto le sue emissioni di 1,46 miliardi di tonnellate ed entro il 2017 ridurrà ulteriormente le sue emissioni del 17%, ma è disponibile a impegnarsi formalmente in un trattato internazionale con obblighi e scadenze, solo dopo che anche gli USA avranno fatto altrettanto.

Se sul protocollo di Kyoto le premesse del negoziato di Doha appaiono già abbastanza conflittuali, non  meno sembra essere la cosiddetta “piattaforma di Durban” nella quale è prevista, assieme al destino del protocollo di Kyoto, la definizione entro il 2015 del nuovo trattato globale legalmente vincolante che entrerà in vigore il 2020 e che riguarderà tutti i paesi UNFCCC (194 Paesi). Oltre alla piattaforma di Durban, si dovrà decidere su un altro argomento molto importante: come avviare operativamente il “Green Climate Fund“, per aiutare i paesi più poveri, sia a intraprendere la strada dello sviluppo pulito, sia a prevenire i possibili danni dei cambiamenti del clima (azioni di adattamento). Purtroppo questo fondo è una scatola vuota. Non è stato ancora finanziato nonostante le promesse. L’Unione Europea ha confermato, pur nella difficile situazione economica in cui si trova, il proprio contributo di 7,2 miliardi di euro per la fase iniziale (fast track) e ha ribadito l’importanza che l’UE, insieme agli altri Paesi industrializzati, continuino a fornire il sostegno economico oltre il 2012 per le politiche di mitigazione e adattamento dei Paesi in via di sviluppo.

Infine, ci sono altri problemi minori, ma non meno difficili, da discutere e decidere, come le regole e meccanismi per la lotta contro la deforestazione e il degrado del suolo, i meccanismi di trasferimento tecnologico e di “capacity building” e i meccanismi finanziari con le loro modalità di amministrazione e gestione.

Nella delegazione italiana a Doha sarà presente l’ENEA che parteciperà ai lavori scientifici paralleli. Il primo intervento è previsto per martedì 27 novembre con una proposta, che presenterà Sergio La Motta, esperto ENEA di valutazioni ambientali, su un nuovo meccanismo di riduzione delle emissioni basato sulla fiscalità ambientale, adatto a disincentivare i prodotti industriali e commerciali ottenuti con produzioni inquinanti e ad alte emissioni di anidride carbonica.

Questo è un meccanismo – ha spiegato Sergio La Motta – che stimola l’innovazione tecnologica e che, proprio perché orientato al prodotto, è più efficace per la riduzione delle emissioni di quello attualmente utilizzato nel Protocollo di Kyoto, basato su limiti alle emissioni e su un “mercato del carbonio” imperniato esclusivamente sul commercio dei crediti di emissione o dei permessi di emissione.
Vincenzo Ferrara
(Direttore responsabile ENEA – EAI)

Nord obeso e Sud denutrito: serve una giustizia alimentare mondiale

9 novembre 2012 18:00

In occasione della Settimana Unesco di educazione allo Sviluppo Sostenibile (19-25 NOVEMBRE 2012), la Fondazione UniVerde e la Società Geografica Italiana organizzano il 23 novembre a Villa Celimontana alle 10:00 la giornata di studio: “Madre Terra nutre tutti”, Alimentazione sostenibile: dall’obesità al fitness, dalla denutrizione al diritto al cibo. Un Nord obeso e un Sud denutrito: serve una giustizia alimentare mondiale.

Oggi oltre ottocento milioni di persone nel mondo soffre la fame (FAO, 2012) mentre un ugual numero manifesta patologie connesse all’eccessiva assunzione di cibo, come l’obesità o le malattie cardiovascolari. Per questo motivo, trovare una soluzione alla mancata parità di accesso alle risorse alimentari è un dovere morale e una sfida per tutti i Paesi del mondo. Scopo del seminario sarà di mettere a confronto, in ottica geografica, transcalare e interdisciplinare, autorevoli accademici, ricercatori del CNR e rappresentanti delle Nazioni Unite (FAO, Bioversity) per diffondere nei giovani la conoscenza, la consapevolezza e la necessità di rispettare l’ambiente per costruire un mondo migliore e sostenibile. L’iniziativa è rivolta prevalentemente agli studenti universitari e a quelli della scuola media superiore con i loro insegnanti, ma comunque con una partecipazione aperta a tutti.

Al seminario parteciperanno Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione Univerde e Franco Salvatori, Presidente della Società Geografica Italiana.

Interverranno: Giuseppe Vadala’, Direttore della divisione sicurezza agroambientale e agroalimentare e Responsabile Naf del Corpo Forestale dello Stato; Francesca Rocchi, Presidente Slow Food – Lazio; Alessandro Circiello, Presidente Federazione italiana cuochi – Lazio; Rossella Belluso, Geografa Sapienza Università di Roma; Fabio Pollice, Geografo Università degli Studi del Salento; Matteo Puttilli, Geografo Politecnico di Torino; Leslie Amoroso, Programme officer nutrition and consumer protection division – Fao-Rome; Jessica Raneri, Research assistant bioversity international – Rome e Roberto Volpe, Ricercatore Cnr – Roma.

Modera Alberto Matano, Giornalista Tg1.

In basso è possibile scaricare il programma in PDF:

PROGRAMMA – Roma, 23 Novembre 2012