Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Climate change, l'Italia sarà in grado di adattarsi?

Mentre l’Italia é impegnata a seguire il dibattito sulla riforma del Senato, il resto del mondo si concentra  sui dati diffusi dall’IPCC sui cambiamenti climatici, e [...] [leggi tutto]

Rinnovabili: le aziende che rischiano e ce la fanno nonostante la crisi

In seguito alla pubblicazione dei dati del XII rapporto: “Gli italiani e il solare”, abbiamo ricevuto questa interessante testimonianza che abbiamo deciso di pubblicare. ITALIA. [...] [leggi tutto]

Proposta di risoluzione su mais GM NK603 x T25 resistente al glifosato

Nel corso della riunione del 1° dicembre, la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (COMENVI) del Parlamento europeo ha adottato, con [...] [leggi tutto]
archivio

Auguri green a tutti

23 dicembre 2012 09:46

A tutti gli amici che seguono il blog, e il sito della Fondazione UniVerde, voglio formulare i più sinceri auguri per queste festività che mi auguro siano quanto più possibile ecosostenibili, rispettando quei valori del Green Pride che come Presidente della Fondazione UniVerde sto cercando di diffondere.

Mercoledì 19 al teatro Ambra Jovinelli, infatti, abbiamo salutato tanti sostenitori della Fondazione UniVerde e delle nostre iniziative dedicate al Green Pride ovvero all’orgoglio delle tante buone pratiche per l’ambiente che si stanno diffondendo nel nostro Paese.

È stata una serata entusiasmante con centinaia di persone presenti, con il contributo di Edoardo Bennato e la bellissima conduzione di un amico: Emilio Casalini, giornalista di Report.

Sono intervenuti tanti esponenti del mondo della green economy e della green society e abbiamo assegnato anche tanti riconoscimenti attribuiti a quanti hanno realizzato delle buone pratiche sia nell’economia che nella società, legate alla nuova riconversione ecologica del nostro stile di vita.

Con spirito entusiasta per questo evento e ottimista per un futuro che potrà essere sempre più green auguro a tutti i sostenitori del blog e della Fondazione UniVerde di trascorrere con gioia e serenità le prossime festività e un ottimo 2013.

Alfonso Pecoraro Scanio


Obiettivo Terra: il fascino e la natura in mostra a Firenze

13 dicembre 2012 17:21

La Fondazione UniVerde e la Società Geografica Italiana in collaborazione con NH Hoteles Italia, in occasione di Pitti Immagine Uomo, organizzano il BioAperitivo e la visita alla Mostra Fotografica sui Parchi Nazionali e Regionali italiani Obiettivo Terra: il fascino e la natura”, La bellezza e i colori della natura come ispirazione per l’arte e la creatività.

L’appuntamento è giovedì 10 Gennaio 2013, alle ore 18.00 presso l’hotel NH Porta Rossa (via Porta Rossa 19—Firenze)

L’ingresso libero previa registrazione

RSVP: info@fondazioneuniverde.it

Parte delle foto in mostra saranno esposte a Firenze presso l’hotel NH Anglo American in via Giuseppe Garibaldi 9. Le mostre all’NH Porta Rossa e all’NH Anglo American sono visitabili gratuitamente tutti i giorni (Ore 9.00—21.00).

In basso è possibile scaricare il materiale in PDF:

INVITO a Firenze, 10 Gennaio 2013 – Mostra Obiettivo Terra, il fascino e la natura

Mostra fotografica 2012

Doha: un fallimento scandaloso

10 dicembre 2012 15:24

La proroga fino al 2020 del protocollo di Kyoto, ma con la defezione di Russia, Canada e Giappone (quindi ancora più indebolito) non può nascondere il fallimento scandaloso della Cop 18, ovvero la Conferenza delle Parti di Doha.

Sono anni ormai che questi vertici annuali si sono trasformati in un rituale delle occasioni mancate.

Ciò che rende ogni anno più gravi questi fallimenti sono le conferme che nel frattempo la natura ci sta dando sulle conseguenze dei cambiamenti climatici.

Siccità, alluvioni, fenomeni climatici estremi divenuti non più eccezionali sono la conferma che gli allarmi degli scienziati e degli ambientalisti non erano inventati.

E purtroppo l’Italia e l’Europa non giocano più un ruolo da protagonisti.

Certo abbiamo salvato il protocollo di Kyoto, ma vincola solo l’Unione Europea e pochi altri.

Tutto questo avviene mentre le opinioni pubbliche, nonostante la crisi, sono comunque più sensibili ai temi ambientali e perfino molti settori economici, per convinzione vera, per necessità o per semplice marketing sembrano virare sempre più verso scelte green.

Questo significa che sempre più dovremmo investire sulla società civilesulle realtà territoriali e sui settori economici più innovativi e progressisti per ottenere dal basso la svolta green che le istituzioni nazionali, e purtroppo anche internazionali, sanno delineare in teoria e nei programmi, ma su cui non riescono a dotarsi di strumenti e trattati vincolanti .

Solo una mobilitazione delle coscienze ed azioni concrete potranno smuovere anche le istituzioni più sclerotizzate ed ottenere anche quei finanziamenti necessari perché il Sud del Mondo possa svilupparsi in modo sostenibile.