Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Animal Geographies/Animal Spaces

Come cambiano i rapporti fra esseri umani e animali nello spazio urbano e nello spazio rurale? Quali sono le conseguenze geografiche delle nostre scelte alimentari? [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
#pizzaUnesco
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

La biodiversità delle isole: un tesoro in pericolo

9 settembre 2013 14:12

I tesori in genere sono nascosti in luoghi remoti, ma questa volta, sugli arcipelaghi, i cacciatori non troveranno ricchezze sepolte, ma specie uniche e rare. Sebbene occupino il 5% della superficie terrestre, le isole, infatti, sono un tesoro mondiale ricco di biodiversità e giocano un ruolo chiave per la conservazione. Proteggono una diversità biologica e culturale che è stata plasmata dall’isolamento e da condizioni ambientali particolari, come si legge in uno studio, pubblicato su PNAS (Proceedings of the National Academy of Science), condotto da alcuni ricercatori tedeschi che hanno analizzato dati sul clima e l’ecologia di 17.883 arcipelaghi con una superficie maggiore di un Km². La ricerca è il primo tentativo di fornire una descrizione globale di circa 2.000 isole, appartenenti a 150 Paesi, e di ampliare il Global Island Database con informazioni scientifiche e biologiche.

Da un’analisi dettagliata, le isole del Sud – Est asiatico, quelle dei Caraibi e del Mediterraneo, sono molto ricche di biodiversità rispetto a quelle oceaniche. Le Canarie ospitano una varietà di specie radicate come la Viperina di Tenerife (Echium wildpretii) e la Laurisilva (Foresta dei Lauri). Le Baleari, invece, hanno avuto una storia geologica complessa e sono ricche di specie endemiche che soffrono l’intervento umano; l’introduzione di specie invasive e il climate change.

Le specie sono molto vulnerabili alla perdita di habitat; all’azione antropica e ai cambiamenti climatici che colpiscono maggiormente gli ecosistemi insulari. L’estinzione più grave dei vertebrati, infatti, si è verificata proprio sulle isole. Attualmente il 39% delle specie è in pericolo. Un altro studio pubblicato sulla rivista scientifica Science avverte sulla mancata protezione delle zone più ricche di diversità biologica, come i Caraibi e il Mediterraneo, dove l’impatto umano è notevole. Il 67% di tutte le specie endemiche del mondo, secondo i ricercatori, sono concentrate nel 17% della superficie terrestre ma meno di un sesto di quest’area è protetto.