Mediterraneo da remare
Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Scarica gratis il libro in PDF!
Obiettivo Terra 2015
Get the Flash Player to see the slideshow.
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Climate change, l'Italia sarà in grado di adattarsi?

Mentre l’Italia é impegnata a seguire il dibattito sulla riforma del Senato, il resto del mondo si concentra  sui dati diffusi dall’IPCC sui cambiamenti climatici, e [...] [leggi tutto]

Rinnovabili: le aziende che rischiano e ce la fanno nonostante la crisi

In seguito alla pubblicazione dei dati del XII rapporto: “Gli italiani e il solare”, abbiamo ricevuto questa interessante testimonianza che abbiamo deciso di pubblicare. ITALIA. [...] [leggi tutto]

Proposta di risoluzione su mais GM NK603 x T25 resistente al glifosato

Nel corso della riunione del 1° dicembre, la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (COMENVI) del Parlamento europeo ha adottato, con [...] [leggi tutto]
login

Registrati

Osservatorio Europa
Firma la world petition!
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO
Scarica il modulo per la raccolta firme #pizzaUnesco
L’Italia non spenga il sole
seguici su
fondazioneuniverde su
seguici su google+
archivio

Osservatorio Europa: bande e gare green europei

26 novembre 2014 19:44


PER

PER RICHIEDERE INFORMAZIONI USARE IL FORM IN BASSO:

Green Pride: le eccellenze sostenibili

21 novembre 2014 23:53

La Società Geografica Italiana e la Fondazione UniVerde con il patrocinio Expo 2015 Milano, per la giornata di giovedì 27 novembre 2014, ore 9.30, organizzano il convegno: “Green Pride: le eccellenze sostenibili”, un evento del Programma Nazionale della Settimana UNESCO di Educazione allo Sviluppo Sostenibile - DESS 2014 (23-30 novembre 2014).

Il luogo dell’incontro sarà la Società Geografica Italiana, Palazzetto Mattei in Villa Celimontana, Via della Navicella, 12  in Roma.

Interverranno: Sergio Conti, Presidente Società Geografica Italiana;  Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente Fondazione UniVerde;  Giovanni Puglisi, Presidente Commissione Nazionale Italiana Unesco;  Fulco Pratesi, Presidente onorario WWF Italia;  Livio De Santoli, Energy Manager “Sapienza” Università di Roma;  Rosalba Giugni, Presidente Marevivo;  Francesca Rocchi, Vice Presidente Slow Food Italia e  Sandra Leonardi, Responsabile Ambiente Società Geografica Italiana.

Saranno consegnati dei riconoscimenti Green Pride alle best practice di green economy a:

Giuseppe Ferrarello – Sindaco del Comune di Gangi;
Fabrizio Caniglia – Responsabile Progetto PianetaForesty;
Simona Limentani e Ghila Debenedetti – Fondatrici Zolle srl.

Ingresso libero previa registrazione al seguente indirizzo mail: info@fondazioneuniverde.it


In basso è possibile scaricare il programma in Pdf:

Green Pride_le eccellenze sostenibili

In basso è possibile scaricare la Rassegna stampa in PDF:

Rassegna stampa Green Pride 27 novembre Roma

In basso è possibile scaricare il materiale in PDF:

Comunicato Stampa Green Pride 25 novembre 2014

Comunicato Stampa 27 novembre Pecoraro Scanio Green Pride, le eccellenze green

In basso è possibile scaricare gli interventi in PDF:

Sandra Leonardi, Responsabile Ambiente Società Geografica Italiana

Presentazione Rosalba Giugni MareVivo Sole Vento e Mare

Presentazione Rosalba Giugni MareVivo Tavola blu

Rinnovabili: le aziende che rischiano e ce la fanno nonostante la crisi

 10:54

In seguito alla pubblicazione dei dati del XII rapporto: “Gli italiani e il solare”, abbiamo ricevuto questa interessante testimonianza che abbiamo deciso di pubblicare.

ITALIA. PUGLIA. TARANTO. In una via che lambisce quello che negli anni ‘70 era stato pensato come centro direzionale della città, quartiere di uffici e centri amministrativi di un polo industriale in pieno boom economico, ha sede l‘azienda per cui lavoro dal giugno 2011. Ironia della sorte e per mia somma soddisfazione, in una città legata al destino dell’acciaieria più grande d’Europa, ho trovato impiego nel settore delle energie rinnovabili. Ah, quasi dimenticavo, mi chiamo Lorenzo.

La GSC Tecnology per cui lavoro ormai da tre anni a mio avviso può considerarsi frutto, oltre che dell’abilità del suo amministratore, anche delle recenti politiche nazionali in materia di energie rinnovabili. Sono stato assunto in pieno Quarto Conto Energia per soddisfare la crescente richiesta di impianti fotovoltaici residenziali - questa la direzione scelta dalla mia azienda all’epoca in cui la maggior parte degli operatori presenti sul mercato invece inseguiva il sogno dell’impianto a terra da diversi megawatt-. Ed ecco che grazie a questa scelta per noi oggi esiste ancora un mercato, più piccolo e problematico, ma pur sempre garante di lavoro. Altri invece, pur avendo all’attivo progettazioni per milioni di euro, si sono dissolti come bolle di sapone ai primi aliti di vento contrario. Si legga fine del Quinto Conto Energia.

Non erano preparati, dopo aver gestito affari milionari, spesso maturati in pranzi o cene di lavoro con dirigenti di banca, rappresentanti di fondi, consorzi internazionali e aziende produttrici di moduli fotovoltaici, a doversi misurare dinanzi ad un caffè con la signora Maria e suo marito Ignazio, circondati dal resto della famiglia, ad evidenziare i vantaggi di un impianto fotovoltaico domestico abbinato al meccanismo della detrazione fiscale. Eppure è proprio per queste persone che il fotovoltaico ha senso in un Paese come l’Italia. Incidere sui costi dell’energia elettrica, sgravare di un peso costante chi ha un piccolo reddito e deve già fare i conti con il carovita. E facendo questo creare economia interna, lavoro sano, soprattutto nel famigerato Sud Italia, premiato da un maggiore irraggiamento solare, oltre che dal maggior tasso di disoccupazione giovanile, allontanando al contempo gli avvoltoi stranieri che sotto le mentite spoglie di gruppi finanziari legati al fotovoltaico dei megawatt hanno spolpato il grosso degli incentivi statali. Renzi, vuoi fare una manovra rivoluzionaria? Metti su una politica energetica nazionale che guardi al residenziale come opportunità per l’Italia intera. Fidati Matteo, verrai ricordato come un grande uomo!

Valorizza come accade in Germania – la cui economia ti piace tanto – i meccanismi di accumulo di energia, in modo che le famiglie possano sfruttare meglio il proprio impianto frutto di grandi sacrifici e veder accrescere il proprio autoconsumo. La mia azienda – 12 dipendenti – ci ha creduto e da un piccolo centro depresso economicamente come Taranto, offrendo consulenza gratuita ai potenziali acquirenti delle proprie tecnologie si è tirata su, fino a diventare prima in Italia per installazione di impianti residenziali con accumulo nelle file del gruppo Viessmann. Ho visto con i miei occhi in questi anni bollette energetiche ridursi drasticamente, persino quelle del gas, quale effetto indiretto dell’utilizzo di pompe di calore e piani cottura ad induzione.

Che sia simpatico o no, che se ne conoscano o meno i benefici, il fotovoltaico resta una soluzione reale, green e sostenibile. Ah, non ve ne eravate accorti?

Lorenzo Laporta

Modulo raccolta firme petizione #PizzaUnesco

20 novembre 2014 23:14
Dal  1  maggio  2015  l’italia  ospiterà  l’Expo  Universale  “Nutrire  il  Pianeta,  Energia  per  la  Vita” dedicata all’agricoltura e alla sostenibilità.
È importante che nel marzo 2015 l’Italia, sbloccando la pratica ferma dal marzo 2011, formalizzi al Comitato Intergovernativo dell’UNESCO la candidatura dell’“Arte della pizza” che sicuramente è il prodotto della tradizione italiana più conosciuto al mondo, nella certezza che tal misura contribuirebbe a garantire l’origine italiana degli ingredienti e la qualità igienico sanitaria nella preparazione.
Per questo chiediamo al Prof. Giovanni Puglisi, Presidente della Commissione Italiana dell’UNESCO ed al Consiglio direttivo di indicare l’arte della pizza napoletana come proposta italiana per l’iscrizione nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità.

I moduli debitamente firmati dovranno essere inviati per posta al seguente indirizzo:

FONDAZIONE UNIVERDE, VIA ANTONIO SALANDRA, 6 • 00187 ROMA

È possibile anticipare i moduli via mail a: INFO@FONDAZIONEUNIVERDE.IT oppure via fax allo 0642083677

In basso è possibile scaricare il Modulo in PDF:

Modulo raccolta firme #pizzaUnesco

Festa degli Alberi all’Università di Parma

 11:55

In occasione della “Festa degli Alberi”, venerdì 21 novembre 2014, ore 9.00 si terrà un incontro presso l’Università di Parma, Parco Aree delle Scienze – Giocampus in Viale delle Scienze a Parma.

Durante l’incontro saranno messi a dimora due alberi di Maggiociondolo (Laburnum anagyroides). Una specie, presente in tutte le regioni italiane, grazie allo sviluppo radicale esteso ed è molto adatto al consolidamento di scarpate e pendici ghiaiose ed è quindi un presidio naturale contro il dissesto idrogeologico.

Interverranno: Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente Fondazione UniVerde, già Ministro dell’Agricoltura e dell’Ambiente; Guido Barilla,
Presidente Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition; Pier Luigi Fedele, Comandante Provinciale Corpo Forestale dello Stato di Parma; Carlo Quintelli, ProRettore Università di Parma.

Ingresso libero previa registrazione al seguente indirizzo mail: info@fondazioneuniverde.it

La pizza è un’arte, mettiamoci la firma

16 novembre 2014 18:11

Continua la raccolta firme per chiedere che l‘arte della pizza napoletana sia inserita nell’elenco dei beni tutelati dall’Unesco.

Dopo Napoli, Roma e l’incontro europeo a Londra, sarà Milano la prossima città dove sarà presentata la petizione lanciata su Change.org da Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde, per mobilitare tutti i sostenitori del Nord della penisola.

Oltre 30.000 sostenitori raggiunti tra cui il Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, gli attori lombardi Claudio Bisio e Renato Pozzetto, il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, il Vicepresidente della Coldiretti Ettore Prandini, il piemontese e inviato di Striscia la Notizia Jimmy Ghione, il fondatore di Eataly Oscar Farinetti, il Sindaco di Torino Piero Fassino, il Presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo. E ancora tra i firmatari: Alessandro Circiello, Presidente della FEDERAZIONE ITALIANA CUOCHI – FIC Lazio e PIF, conduttore televisivo e regista del film: “La mafia uccide solo d’estate”.

Per rilanciare questi ottimi risultati e continuare a diffondere la petizione fino a Marzo 2015, mercoledì 19 Novembre la Fondazione UniVerde organizza, in collaborazione con Rossopomodoro, Coldiretti, Associazione Pizzaiuoli Napoletani e Change.org, nel capoluogo lombardo l’evento “Dopo la Dieta Mediterranea anche l’Arte della Pizza nel Patrimonio Mondiale Unesco. Per una pizza fatta a regola d’arte, genuina, con ingredienti italiani di qualità”.

All’incontro, che si svolgerà presso Rossopomodoro al The Brian and Berry Building, 4° piano Via Durini 28 (P.zza San Babila) parteciperanno: Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente Fondazione UniVerde; Franco Manna, Presidente Rossopomodoro; Ettore Prandini, Vice Presidente Nazionale Coldiretti; Elena Dell’Agnese, Vicepresidente Unione Internazionale Geografi (IGU); Gino Sorbillo, Maestro Pizzaiolo; Sergio Miccù, Presidente Associazione Pizzaiuoli Napoletani.

L’ingresso è libero previa registrazione. RSVP: info@fondazioneuniverde.it

Per sostenere la petizione è possibile firmare qui:http://chn.ge/1y241Uv

Agricoltura e Parchi: le opportunita del Turismo Sostenibile

15 novembre 2014 10:52

Il prossimo evento organizzato dalla Fondazione UniVerde in collaborazione con FederParchi è il convegno sul tema: “Agricoltura e Parchi: le opportunita del Turismo Sostenibile”, che si terrà martedì 18 novembre 2014, alle ore 17.00 presso l’Enoteca regionale del Palazzo della Provincia (Sala Convegni), in piazza XV Marzo a Cosenza.

Ad aprire i lavori dell’incontro: Mario Occhiuto, Presidente della provincia di Cosenza.

Intervengono: Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente Fondazione UniVerde, Docente CdLM in Turismo e Sviluppo Locale, Università degli Studi di Milano “Bicocca” e di Roma “Tor Vergata”; Pietro Molinari, Presidente regionale Coldiretti; Sonia Ferrari, Commissario Parco nazionale della Sila, Presidente CdL in Scienze Turistiche, Università della Calabria; Domenico Pappaterra, Presidente Parco nazionale del Pollino, Giuseppe Bombino, Presidente Parco nazionale dell’Aspromomonte; Nicodemo Nazzareno Oliverio, Commissione Agricoltura, Camera dei Deputati e Daniele Perrone, Vicepresidente nazionale Giovani Coldiretti.

Si prega di inviare una mail per registrarsi a: info@fondazioneuniverde.it

In basso è possibile scaricare il programma in PDF:

Agricoltura e Parchi 18 novembre Cosenza

In basso è possibile scaricare la Rassegna Stampa in PDF:

Rassegna Stampa_Cosenza

Osservatorio Europa: bandi nella green economy

13 novembre 2014 22:47

Titolo: Belgio-Bruxelles: Contratto quadro relativo all’analisi economica delle politiche ambientali e in materia di efficienza delle risorse

Numero: 2014/S 211-372947

Procedura: aperta

Ente appaltante: Commissione europea, direzione generale dell’Ambiente, SRD.2 — Finanze  BU-9 01/005

Descrizione: L’obiettivo generale del contratto quadro sarà il sostegno all’analisi economica delle  politiche ambientali. Il contratto riguarderà problemi che potranno emergere ma che  attualmente non possono essere previsti nei settori relativi a:   1. sostegno nel contesto dell’analisi economica;   2. sostegno per specifiche valutazioni d’impatto e altre valutazioni;  3. sostegno nel contesto degli sviluppi della politica relativa all’efficienza delle  risorse.

Importo: 14 000 000 EUR

Scadenza: 15 dicembre2014

Titolo: Montenegro-Podgorica: IPA — Sviluppare l’utilizzo sostenibile dell’energia

Numero: 2014/S 212-374543

Procedura: ristretta

Ente appaltante: Unione europea, rappresentata dalla Commissione europea, in nome e per conto del  paese partner, Podgorica, MONTENEGRO.

Descrizione: L’obiettivo globale è contribuire alle ulteriori riforme del settore energetico in  Montenegro al fine di adempire agli obblighi dell’«acquis» energetico.   L’obiettivo del presente contratto è sviluppare e rafforzare il quadro normativo  pertinente al fine di aumentare l’utilizzo sostenibile dell’energia, con un’attenzione  particolare al settore dei trasporti.  Risultati da raggiungere:   — studi di analisi e definizione del potenziale utilizzo delle fonti d’energia rinnovabili e  delle misure di efficienza energetica nel settore dei trasporti, quadro normativo e  legislativo completato per l’utilizzo sostenibile dell’energia nei trasporti, un piano  d’azione volto a definire progetti e misure da realizzare al fine di favorire lo sviluppo  dell’utilizzo di fonti d’energia rinnovabili e di misure di efficienza energetica nel  settore dei trasporti, migliore monitoraggio della produzione di biocarburanti e  dell’utilizzo di energia nel settore dei trasporti in conformità alla politica energetica  dell’UE e alla realizzazione di misure prioritarie principali,  — uno studio volto a definire soluzioni strategiche ed economiche per l’adempimento  dell’obbligo relativo alle riserve di petrolio greggio di 90 giorni, uno studio volto a  definire il potenziale e gli esempi dell’utilizzo del  teleraffreddamento/teleriscaldamento e della cogenerazione ad alta efficienza, un  piano d’azione per lo sviluppo dell’utilizzo della cogenerazione ad alta efficienza e  consulenze in merito ai cambiamenti nella politica energetica dell’UE al fine di  aumentare la sostenibilità e la sicurezza dell’intero settore energetico in Montenegro,   — una formazione dettagliata per il personale governativo a livello locale e nazionale  per presentare la situazione attuale e i benefici e le opportunità che il Montenegro  potrebbe ottenere mediante lo sviluppo del settore dell’energia sostenibile e una  campagna di sensibilizzazione incentrata sulle buone pratiche e la politica energetica  dell’UE.

Importo: 800 000 EUR

Scadenza: 8 dicembre 2014

Titolo: Belgio-Bruxelles: Appalto per la prestazione di servizi a sostegno del  monitoraggio e della valutazione della pesca e dell’acquacoltura nell’ambito di  EMFF 2014–2020 — FAME — MARE/2014/02

Numero: 2014/S 213-376370

Procedura: aperta

Ente appaltante: Commissione europea, direzione generale della Pesca e degli affari marittimi,  direzione A — Sviluppo e coordinamento delle politiche

Descrizione: La DG MARE intende aggiudicare un appalto per l’ottenimento di servizi di  assistenza a favore della Commissione e degli Stati membri relativi al monitoraggio e  alla valutazione della pesca e dell’acquacoltura (FAME) nell’ambito del Fondo  europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP) 2014–2020.

Importo: 1 000 000 EUR

Scadenza: 19 gennaio 2015

Titolo: Italia-Ispra: Fornitura di veicoli elettrici: L6e, N1, M1

Numero: 2014/S 214-378229

Procedura: aperta

Ente appaltante: Commissione europea, Centro comune di ricerca (JRC), gestione del sito di Ispra

Descrizione: Fornitura di veicoli elettrici (L6e, N1, M1)  Lotti: Il contratto è suddiviso in 4 lotti.   Lotto n.1: fornitura di 10 quadricicli leggeri categoria «L6e». Descrizione: Quadriciclo  leggero, di categoria L6e con massa a vuoto non superiore a 350 kg (escluso le  batterie) destinato al trasporto di persone. Valore: tra 88 000 e 95 000 EUR.   Lotto n.2: fornitura di 5 autoveicoli in conformità alla categoria «N1». Descrizione:  autocarro furgone non vetrato, di categoria N1 con massa complessiva non  superiore a 3 500 kg destinato al trasporto di cose. Valore: tra 105 000 e 115 000  EUR.   Lotto n.3: fornitura 2 autoveicoli in conformità alla categoria «N1». Descrizione:  Autocarro vetrato, di categoria N1 con massa complessiva non superiore a 3 500 kg  destinato al trasporto di cose. Valore: tra 42 000 e 45 000 EUR.   Lotto n.4: 1 autoveicolo di tipo minibus in conformità alla categoria «M1».

Descrizione: Minibus, di categoria M1 con massa complessiva non superiore a 3 500  kg destinato al trasporto di persone

Importo: tra 330 000 e 360 000 EUR

Scadenza: 16 dicembre 2014

PER RICHIEDERE INFORMAZIONI USARE IL FORM IN BASSO:

XII rapporto “Gli italiani e il solare”

10 novembre 2014 14:39

Sarà presentato il 12 novembre alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Gian Luca Galletti, il XII rapporto: “Gli italiani e il solare” con un focus su “Accumulo di energia e riciclo dei componenti di sistema”. I dati saranno divulgati durante l’incontro: “Energie rinnovabili e smart grids: un’opportunità per l’Italia”, organizzato dalla Fondazione UniVerde e IPR Marketing alla Camera dei deputati Palazzo Marini, nella Sala delle Colonne in via Poli, 19 in Roma alle ore 10:00.

Ad aprire i lavori dell’incontro: Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde.

Interverranno: Gian Luca Galletti, Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare; Luigi Nicolais, Presidente CNR, Luigi Carbone, Componente Autorità per l’energia elettrica, il gas ed il sistema idrico; Livio De Santoli, Coordinatore Osservatorio sul solare della Fondazione UniVerde ed Energy Manager alla Sapienza Università di Roma; Giancarlo Morandi, Presidente Cobat e Alessandro Fiocco, Amministratore delegato Terna Plus e Terna Storage. A presentare i dati: Antonio Noto, Direttore IPR Marketing.

Modererà l’incontro: Antonio Cianciullo, giornalista del quotidiano la Repubblica.

Durante il convegno saranno presentate anche best practice di green economy.

Per registrarsi all’evento è necessario inviare una mail a: info@fondazioneuniverde.it

In basso è possibile scaricare il programma in PDF:

Roma, 12 novembre 2014 – Programma

In basso è possibile scaricare il materiale in PDF:

COMUNICATO STAMPA LE RINNOVABILI SERVONO ALL’ITALIA

In basso è possibile scaricare il Rapporto in PDF:

XII Rapporto sul solare. Focus su accumulo e riciclo

Neapolitan pizza is art, la petizione a Londra

9 novembre 2014 20:30

La petizione per richiedere che l’arte della pizza sia inserita nella “Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell’umanità” dell’Unesco volerà a Londra il 14 Novembre nella pizzeria RossoPomodoro, Covent Garden, Monmouth st 50-52.

Proprio nella capitale multietnica inglese, dove è possibile trovare cibo proveniente da ogni angolo del Pianeta, il presidente della Fondazione UniVerde, Alfonso Pecoraro Scanio, già Ministro dell’Agricoltura e dell’Ambiente, rilancerà la raccolta firme per sbloccare la pratica, ancora in attesa di esame dal 2011, e formalizzare così la candidatura al Comitato Intergovernativo dell’Unesco.

«La petizione – sottolinea Alfonso Pecoraro Scanio –  è rivolta a tutti coloro che amano la specialità gastronomica più conosciuta e diffusa del pianeta, simbolo del paese Italia e dell’incontro culturale degli italiani nel mondo. Occorre perciò difendere l’origine italiana di quest’arte, la qualità degli ingredienti e l’economia legata alle sane tradizioni nate dalle sapienti mani dei pizzaiuoli napoletani. Il riconoscimento dell’arte della pizza quale patrimonio dell’umanità da parte dell’Unesco è un’occasione unica per difendere il Made in Italy dal moltiplicarsi delle contraffazioni alimentari».

All’evento, realizzato in partnership con Coldiretti, Associazione Pizzaiuoli napoletani e Change.org parteciperà anche Franco Manna, Presidente di Rossopomodoro e Leonardo Simonelli, Presidente della Camera di Commercio italiana a Londra.

Trai i sostenitori della petizione anche il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti che ha firmato la petizione in occasione della 14° edizione del Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione organizzato da Coldiretti a Villa d’Este di Cernobbio.

L’appuntamento è alle ore 18 locali. RSVP: info@rossopomodoro.co.uk

È ancora possibile firmare la petizione su Change.org #pizzaunesco qui: http://chn.ge/1y241Uv

In basso è possibile scaricare il materiale  in PDF:

Unesco pizza with bleeding.pdf