Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Proposta di risoluzione su mais GM NK603 x T25 resistente al glifosato

Nel corso della riunione del 1° dicembre, la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (COMENVI) del Parlamento europeo ha adottato, con [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
#pizzaUnesco
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

“OBIETTIVO TERRA” 2018: selezionate le 30 foto finaliste. La Giuria di esperti decreterà lo scatto vincente.

29 marzo 2018 16:30

1.494 le immagini candidate, da tutta Italia, alla 9° edizione del concorso fotografico dedicato alle bellezze e alle peculiarità dei Parchi e delle Aree Marine Protette della Penisola. Vincitori e vincitrici saranno annunciati a Roma, il 23 aprile, alla cerimonia di premiazione a Villa Celimontana.

“Obiettivo Terra” ha avuto ancora una volta un riscontro straordinario. Un successo che conferma quanto il concorso, promosso da Fondazione UniVerde e Società Geografica Italiana Onlus, sia apprezzato dai fotoamatori italiani.

I numeri. Per selezionare le 30 finaliste della 9a edizione del contest, ampiamente rappresentative delle diverse aree protette di tutta la Penisola, il Comitato promotore, coadiuvato dal documentarista e naturalista Emanuele Coppola, ha esaminato 1.494 foto (192 in più rispetto alla precedente edizione), di cui circa la metà pervenute da under 35. Di queste, 1.440 (96%) sono risultate conformi al regolamento e dunque ammesse (le non ammesse sono 54 pari al 4%). Delle foto ammesse, 534 sono state scattate da donne (37%) e 906 da uomini (63%). Ogni partecipante ha avuto la possibilità di presentare al contest una sola foto a colori di cui: Parchi Nazionali (611 foto, pari al 42% delle foto ammesse), Parchi Regionali (697 foto, pari al 49%) e delle Aree Marine Protette (132 foto, pari al 9%).

La cerimonia di premiazione di “Obiettivo Terra” 2018 si terrà lunedì 23 aprile a Villa Celimontana (Roma), nell’ambito delle celebrazioni della 48a Giornata Mondiale della Terra (22 aprile). La foto vincitrice sarà esposta in gigantografia in piazza Barberini a Roma e all’autore del fortunato scatto sarà riconosciuto un premio del valore di 1.000 € (mille euro), una targa e la copertina della pubblicazione 2018.

Tra le finaliste non vincitrici del primo premio saranno selezionate, in base ai voti della Giuria di esperti, anche le seguenti menzioni: Alberi e foreste, Animali, Area costiera, Fiumi e laghi, Paesaggio agricolo, Turismo sostenibile e la menzione speciale Madre Terra (premio dedicato al 2018 “Anno nazionale del cibo italiano” alla foto più rappresentativa di un prodotto agricolo tipico, di un piatto tradizionale o dell’artigianalità enogastronomica dai parchi). Le menzioni speciali Borghi (alla più bella foto di un borgo all’interno di un parco italiano, in collaborazione con l’Associazione “I borghi più belli d’Italia); Patrimonio geologico (alla foto che meglio rappresenti il patrimonio e il paesaggio geologico dei parchi, i siti a valenza geologica e opere antropiche che si integrano nel contesto geologico o geomorfologico, in collaborazione con la Società Italiana di Geologia Ambientale – SIGEA); Earth Day (allo scatto che meglio rappresenti l’accessibilità e la fruibilità per le persone con disabilità e a ridotta mobilità in un parco, in collaborazione con FIABA Onlus); Obiettivo Mare (alla migliore foto subacquea scattata in un’Area Marina Protetta, in collaborazione con Marevivo) saranno decretate dai partner co-promotori di ciascuna menzione.

È stata inoltre istituita, per la prima volta, la menzione speciale “Fanpage”. Fino al 10 aprile, attraverso un sondaggio, il pubblico web potrà votare sul quotidiano online Fanpage l’immagine più bella, tra le 30 finaliste.

Oltre ai premi ai partecipanti è previsto un Premio speciale, in collaborazione con FIABA Onlus, all’Area Protetta che si sia maggiormente distinta per favorire l’accessibilità e la fruibilità per le persone con disabilità e a ridotta mobilità.

La Giuria di esperti 2018 è composta dai presidenti dei soggetti promotori: Alfonso Pecoraro Scanio (Presidente Fondazione UniVerde) e Filippo Bencardino (Presidente Società Geografica Italiana), e da: Gianfranco Amendola (già Magistrato ed esperto in normativa ambientale), Elena dell’Agnese (Vice Presidente International Geographical Union), Vincenzo De Luca (Direttore Generale per la Promozione del Sistema Paese, MAECI), Loredana De Petris (Presidente Gruppo Misto del Senato della Repubblica), Maria Carmela Giarratano (Direttore Generale per la Protezione della Natura e del Mare, MATTM); Rosalba Giugni (Presidente Marevivo), Vincenza Lomonaco (Rappresentante Permanente d’Italia presso l’UNESCO), Giancarlo Morandi (Presidente Cobat), Francesco Palumbo (Direttore Generale per il Turismo, MiBACT), Fulco Pratesi (Presidente onorario WWF Italia), Giampiero Sammuri (Presidente Federparchi), Pierluigi Sassi (Presidente Earth Day Italia).

Grazie alla rinnovata partnership con Earth Day Italia Onlus, le foto vincitrici di Obiettivo Terra 2018 saranno mostrate, nel pomeriggio del 23 aprile, sui maxischermi del “Villaggio per la Terra” (Roma, 21-25 aprile, Terrazza del Pincio – Galoppatoio di Villa Borghese).

Obiettivo del concorso fotografico è quello di valorizzare il lavoro quotidiano dei Parchi e delle Aree Marine Protette, orientato alla tutela ambientale, alla salvaguardia della biodiversità, alla difesa delle tipicità locali e permettere la diffusione di un modello di turismo veramente ecosostenibile e responsabile. La realizzazione di questo ambizioso progetto è supportata da Cobat – Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo (main partner del concorso); Clhub (partner tecnico) e dall’associazione SOS Terra Onlus che destinerà una parte del 5×1000 alla prossima edizione del concorso.

Inoltre, grazie alla collaborazione con Pianeta Foresty, anche quest’anno i concorrenti avranno l’occasione di contribuire al rimboschimento di alcune aree italiane attraverso i kit Foresty che tradurranno l’impegno dimostrato da ognuno dei partecipanti, in veri alberi forestali.

L’edizione 2018 di “Obiettivo Terra” ha già ricevuto il patrocinio morale del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Comune di Roma, di Federculture, Federparchi e di tutti i Parchi Nazionali d’Italia.

Media partner dell’edizione 2018: Fanpage, Lifegate, Teleambiente, Trekking&Outdoor.

I 30 finalisti di “Obiettivo Terra” 2018.

Fondazione UniVerde, Società Geografica Italiana e Campagna Amica celebrano la Festa degli Alberi al Liceo Cavour di Roma

21 marzo 2018 15:48

“Celebrare la Festa degli Alberi significa ricordare alle nuove generazioni, e non solo, l’importanza della tutela dell’ambiente e della biodiversità, attraverso la valorizzazione e la difesa dei patriarchi vegetali, delle foreste e di tutto il patrimonio arboreo. Piantare giovani alberi è un atto d’amore verso Madre Terra per ristabilire un contatto con la natura e favorire una vera elevazione culturale e delle coscienze. Oggi, in particolare, abbiamo dato agli studenti anche l’opportunità di imparare a conoscere le colture legate alle tradizioni del paesaggio e alla dieta mediterranea attraverso la piantumazione di un melo (Malus domestica – Mela cerina) e un pero (Pirus communis – Pera spina) donati da Campagna Amica e Coldiretti oltre ai tre alberi, carpino, olmo e frassino, donati dal Comune di Roma”.

A dichiararlo è Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde e coordinatore del Comitato Scientifico della Fondazione Campagna Amica, che questa mattina ha celebrato, con gli studenti e gli insegnanti del Liceo scientifico statale C. Cavour di Roma, la ricorrenza che, da Ministro delle Politiche Agricole, reintrodusse anche nell’ambito dell’offerta formativa. La “Festa degli Alberi” fu infatti istituita, nelle giornate del 21 marzo (Giorno di San Benedetto, Patrono d’Europa) e del 4 ottobre (Giorno di San Francesco, Patrono d’Italia), con Decreto Interministeriale del 4 agosto 2000 a firma di Pecoraro Scanio e dell’allora Ministro della Pubblica Istruzione, Tullio De Mauro, quale importante occasione per stimolare una sana coscienza ecologica e la valorizzazione dei nostri patrimoni naturali.

“A Roma siamo fortemente impegnati in un’importante azione di riforestazione urbana partecipata chiamata #alberiperilfuturo. E parlando di futuro non si può che pensare alle giovani generazioni, proprio per questo nell’ambito delle proposte formative finalizzate a integrare l’attività didattica delle scuole di Roma – afferma Pinuccia Montanari, Assessora alla Sostenibilità Ambientale di Roma Capitale – stiamo promuovendo diverse attività per rilanciare la salvaguardia della biodiversità e progetti di convivenza con la natura e tra le persone, per un futuro sostenibile e a misura di ambiente. Insieme alle associazioni stiamo lavorando anche sul nuovo regolamento del verde della città di Roma”.

L’iniziativa di questa mattina è stata organizzata da Fondazione UniVerde, Società Geografica Italiana Onlus e Fondazione Campagna Amica, in collaborazione con il Comando unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare dell’Arma dei Carabinieri (CUTFAA), Coldiretti e SOS Terra Onlus, per celebrare, insieme alla “Festa degli Alberi”, l’inizio della Primavera e la 6° Giornata Internazionale delle Foreste, istituita nel 2012 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con l’obiettivo di accresce la consapevolezza verso l’importanza dei polmoni verdi per la sussistenza del Pianeta.

All’evento hanno inoltre preso parte: Ester Rizzi (Dirigente Scolastico, Liceo scientifico statale Camillo Cavour), Gen. Cinzia Gagliardi (Comandante Carabinieri Forestale Lazio), Elisabetta Montesissa (Vice direttore Fondazione Campagna Amica), Daniele Diaco (Presidente Commissione Ambiente, Comune di Roma), Stefano Zago (Direttore TeleAmbiente, Media Partner dell’evento).

“OBIETTIVO TERRA” 2018: ultimi giorni per partecipare al concorso fotografico. Iscrizioni entro il 21 marzo. Al vincitore, premio di 1.000 euro e gigantografia a Roma.

16 marzo 2018 15:23

Ultimi giorni per iscriversi alla 9a edizione di “Obiettivo Terra” 2018, il concorso di fotografia geografico-ambientale promosso da Fondazione UniVerde e Società Geografica Italiana Onlus, dedicato alla valorizzazione e alla promozione del patrimonio ambientale, del paesaggio, dei borghi, delle peculiarità e delle tradizioni enogastronomiche, agricole, artigianali, storico-culturali e sociali dei Parchi Nazionali, Regionali, Interregionali e delle Aree Marine Protette d’Italia. La cerimonia di premiazione del contest nazionale si terrà a Roma, lunedì 23 aprile 2018, per celebrare la 48a Giornata Mondiale della Terra (22 aprile).

Sono centinaia le foto già candidate al concorso (www.obiettivoterra.eu/lista-partecipanti-2018). I fotoamatori possono ancora partecipare inviando un’immagine a colori scattata in un Parco Nazionale, Regionale, Interregionale o in un’Area Marina Protetta: le iscrizioni scadono il 21 marzo 2018. La foto vincitrice sarà esposta in gigantografia in una delle piazze di Roma e all’autore del fortunato scatto sarà riconosciuto un premio del valore di € 1.000 (euro mille).

Il contest. È aperto a tutti i cittadini, italiani e stranieri, residenti o domiciliati in Italia che abbiano compiuto i 18 anni di età entro il 21 marzo 2018, data di chiusura del concorso. La partecipazione è totalmente gratuita, basta registrarsi sul portale www.obiettivoterra.eu e caricare una fotografia a colori, secondo le caratteristiche tecniche previste dal regolamento. È ammessa la candidatura di una sola foto per partecipante. Obiettivo del concorso è quello di sostenere il lavoro quotidiano dei Parchi e delle Aree Marine Protette, orientato alla tutela ambientale e alla salvaguardia della biodiversità, e permettere la diffusione di un modello di turismo veramente ecosostenibile e responsabile.

Menzioni e Menzioni Speciali. Oltre al primo premio, saranno premiate le Menzioni: Alberi e foreste; Animali; Area costiera; Fiumi e laghi, Paesaggio agricolo, Turismo sostenibile. Per questa edizione sono state istituite le Menzioni Speciali: Borghi (alla più bella foto di un borgo all’interno di un parco italiano, in collaborazione con l’Associazione “I borghi più belli d’Italia”); Patrimonio geologico (alla foto che meglio rappresenti il patrimonio e il paesaggio geologico dei parchi, i siti a valenza geologica e opere antropiche che si integrano nel contesto geologico o geomorfologico, in collaborazione con la Società Italiana di Geologia Ambientale – SIGEA); Earth Day (allo scatto che meglio rappresenti l’accessibilità e la fruibilità per le persone con disabilità e a ridotta mobilità in un parco, in collaborazione con FIABA Onlus); Madre Terra (premio dedicato al 2018 “Anno nazionale del cibo italiano” alla foto più rappresentativa di un prodotto agricolo tipico, di un piatto tradizionale o dell’artigianalità enogastronomica dai parchi); Obiettivo Mare (alla migliore foto subacquea scattata in un’Area Marina Protetta, in collaborazione con Marevivo).

È inoltre istituito un premio speciale, in collaborazione con FIABA Onlus, all’Area Protetta che si sia maggiormente distinta per favorire l’accessibilità e la fruibilità per le persone con disabilità e a ridotta mobilità.

Anche quest’anno, Main Partner di “Obiettivo Terra” è Cobat – Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo e, per il primo anno, Partner Tecnico è Clhub, incubatore di imprese e startup innovative.

L’edizione 2018 ha già ricevuto il patrocinio morale del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e di tutti i Parchi Nazionali d’Italia.

Regolamento e risultati su:
www.obiettivoterra.eu, www.fondazioneuniverde.it, www.societageografica.it

“Green Pride” 2018: riconoscimenti a tre best practice italiane in e-mobility, turismo sostenibile e cooperazione internazionale

28 febbraio 2018 12:15

Fondazione UniVerde e ZapGrid hanno consegnato oggi in Senato i primi riconoscimenti “Green Pride” 2018 a iniziative imprenditoriali sociali e amiche dell’ambiente. L’evento si inserisce tra le iniziative a sostegno dell’azione per realizzare l’Agenda 2030 e gli obiettivi di Sviluppo Sostenibile quali, tra gli altri, la mitigazione dei cambiamenti climatici in atto, garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo, l’edificazione di società pacifiche.

(ROMA, 28 febbraio 2018) La Fondazione UniVerde, presieduta dall’ex Ministro delle Politiche Agricole e dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio, e ZapGrid, progetto sviluppato dalla E.S.Co. G.M.T. S.p.A., presieduta da Gianfranco Nicolé, hanno consegnato oggi, presso la Sala dell’Istituto di Santa Maria in Aquiro del Senato della Repubblica, i primi tre “Green Pride” 2018, in occasione dell’evento dedicato a “Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile: E-mobility, turismo sostenibile e cooperazione internazionale”.

“A partire dall’affermazione di un nuovo modello di economia basato sulle tecnologie green e su progetti solidali di cooperazione internazionale, abbiamo il dovere di affrontare e vincere le sfide per il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità previsti dall’Agenda 2030 – dichiara il Presidente della Fondazione UniVerde, Alfonso Pecoraro Scanio -. Promuovere la diffusione della cultura della sostenibilità significa mettere al centro della crescita del Paese la vera green economy per dare nuova occupazione, creare strumenti per le comunità rurali più svantaggiate, garantire modelli di consumo e produzione responsabili per la tutela consapevole dell’ecosistema terrestre – sottolinea l’ex Ministro -. La sostenibilità è il fulcro per la promozione di una crescita economica duratura e inclusiva, della giustizia sociale e della pace nel mondo e i Green Pride conferiti oggi sono un riconoscimento meritato per le tre realtà che hanno intrapreso il percorso evolutivo della responsabilità d’impresa verso la green society con concreti obiettivi etici ed ecologici”.

Un progetto ambizioso è quello ideato dalla società G.M.T. S.p.A. per il settore della E-mobility: ZapGrid, esempio virtuoso di un sistema che permette la gestione smart delle colonnine di ricarica elettrica.

Il Presidente di G.M.T. S.p.A. Gianfranco Nicolè ha dichiarato: “Oggi esco da questo incontro molto orgoglioso e soddisfatto del lavoro che stiamo facendo per rispondere alla domanda latente, strettamente legata alle problematiche evidenziate dall’Agenda 2030: come possiamo limitare o addirittura ridurre gli impatti ambientali di una società in continuo sviluppo, senza rinunciare alla crescita tecnologica inevitabilmente legata a una richiesta sempre maggiore di energia? La nostra società è nata proprio per rispondere a questa domanda, con la consapevolezza che ogni criticità rappresenta una opportunità per scardinare modus operandi consolidati nel tempo, non più ecosostenibili, e proporre alternative che lo siano. La nostra mission consiste proprio nello sviluppare soluzioni nuove, economiche che tutelino l’ambiente e che siano accessibili a tutti. Come E.S.Co. stiamo investendo in progetti di sostenibilità ambientale ed efficientamento energetico, collaborando con realtà come quelle che abbiamo avuto il piacere di premiare oggi e che hanno come noi il coraggio di porre le basi per un nuovo domani”.

In occasione dell’evento moderato da Stefania Marignetti, giornalista di Adnkronos Prometeo, sono intervenuti la Sen. Loredana De Petris (Presidente del Gruppo Misto del Senato), Ottavia Ricci (Consigliera del Ministro dei Beni Culturali per il turismo sostenibile), S.E. Albert Tshiseleka Felha (Ambasciatore della Repubblica Democratica del Congo e Decano degli Ambasciatori d’Africa in Italia), Giorgio Novello (Senior Vice President relazioni istituzionali, Avio Spa), Carmine Marinucci (Direttore direzione Board dei Direttori, ENEA), Davide Chiaroni (Direttore divisione Corporate Education, MIP Business School internazionale del Politecnico di Milano), Alessandra Chiari (Amministratore delegato G.M.T. S.p.A.), Davide Bovi (Responsabile progetto ZapGrid, S.p.A.) e Luca Ferrarese (Responsabile divisione ET, GMT S.p.A.).

Nell’ambito dell’iniziativa, sono stati consegnati i riconoscimenti “Green Pride” 2018 a: Sonepar Italia, per aver sviluppato progetti nel mercato dell’e-mobility contribuendo all’incremento dell’installazione di infrastrutture di ricarica (ha ritirato il “Green Pride” Sergio Novello); Coltivatori di Emozioni, prima piattaforma di digital farming italiana, per aver ideato un nuovo ciclo produttivo responsabile a sostegno dell’ambiente e delle microeconomie locali (ha ritirato il “Green Pride” Paolo Galloso); Slow Trade per il “Progetto Kyondo”, con l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita delle famiglie produttrici di caffè della comunità del Tuungane, creando una rete economica indipendente ed ecosostenibile (ha ritirato il “Green Pride” Giovanni Salvaggio).

La Fondazione UniVerde dal 2008, promuove la riconversione ecologica dell’informazione, della politica, della società e dell’economia favorendo il cambiamento degli stili di vita in armonia con l’ambiente naturale per un futuro ecosostenibile. I Green Pride, istituiti nel 2011, sono i riconoscimenti assegnati dalla Fondazione UniVerde allo scopo di valorizzare le innovative best practice italiane nel campo della green economy.

ZapGrid è il nuovo sistema di gestione delle colonnine di ricarica dei veicoli elettrici che permette l’interoperabilità tra le infrastrutture di ricarica gestite da operatori differenti, proponendosi come risposta al limite della diffusione, su larga scala, della mobilità elettrica in Italia. Fruibile con smartphone tramite una semplice App, ZapGrid mette in rete le stazioni di ricarica rendendole accessibili a tutti, in un’ottica di E-mobility smart. Il progetto è sviluppato da G.M.T. S.p.A., E.S.Co. (Energy Service Company) certificata UNI CEI 11352, accreditata presso l’Autorità per l’Energia Elettrica ed il gas fra le “società operanti nel settore dei servizi energetici”.

Di seguito è possibile visualizzare e scaricare il materiale relativo all’evento in formato PDF:

2 - Motivazioni riconoscimenti “Green Pride” 2018

3 - Programma dell’evento “Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile: E-mobility, turismo sostenibile e cooperazione internazionale”

4 – Opuscolo G.M.T. S.p.A.

5 - Opuscolo ZapGrid

6 - Sonepar Italia – Scheda di presentazione

6.1 -  Depliant – Sonepar Italia

7 - Coltivatori di Emozioni – Scheda di presentazione

7.1 – Depliant – Coltivatori di Emozioni

8 - Associazione Wartoy Slowtrade – Scheda di presentazione

8.1 -  Depliant – Progetto Kyondo

9 - Scheda “Green Pride” 2018

Osservatorio Europa. I bandi di Febbraio 2018

16 febbraio 2018 17:14

BANDI GREEN FEBBRAIO 2018

1) Italia-Ispra: Progettazione, fornitura e installazione di impianti fotovoltaici presso il Centro comune di ricerca di Ispra (Varese)

2018/S 030-064302

Amministrazione aggiudicatrice

Commissione europea, JRC — Joint Research Centre, JRC.R — Resources (Brussels), JRC.R.I.4 — Infrastructure

Oggetto

L’oggetto del presente appalto è la progettazione, costruzione (fornitura e installazione, collegamento alla rete elettrica, opere civili ove richiesto), collaudo, servizi di manutenzione durante il periodo di garanzia, di otto nuovi impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica da realizzare in vari luoghi del Centro comune di ricerca, sede di Ispra (Varese), Italia.

Valore totale stimato

Valore, IVA esclusa: 700 000.00 EUR

Criteri di aggiudicazione

Il prezzo non è il solo criterio di aggiudicazione e tutti i criteri sono indicati solo nei documenti di gara

Durata in mesi: 54

Il contratto d’appalto è oggetto di rinnovo: no

Termine per il ricevimento delle offerte o delle domande di partecipazione

Data: 20/03/2018

Ora locale: 16:00

Lingue utilizzabili per la presentazione delle offerte o delle domande di partecipazione:

Inglese, Bulgaro, Ceco, Danese, Tedesco, Greco, Spagnolo, Estone, Finlandese, Francese, Irlandese, Croato, Ungherese, Italiano, Lituano, Lettone, Maltese, Olandese, Polacco, Portoghese, Rumeno, Slovacco, Sloveno, Svedese

Periodo minimo durante il quale l’offerente è vincolato alla propria offerta

Durata in mesi: 6 (dal termine ultimo per il ricevimento delle offerte)

Modalità di apertura delle offerte

Data: 21/03/2018

Ora locale: 11:00

Luogo:

Via Enrico Fermi 2749, I-21027 Ispra (VA), Italia.

2) Italia-Crema: Servizi di trattamento di terreni contaminati

2018/S 029-063836

Ente aggiudicatore

Stogit S.p.A.
Crema
26013
Italia

Descrizione dell’appalto:

Bonifica terreno presso lo stabilimento Stogit di Settala (MI) le cui attività principali comprendono:

— approntamento area di cantiere,

— caratterizzazione dei terreni con esecuzione di carotaggi (attività opzionale),

— sbancamento aree da bonificare e trasporto in discarica del terreno inquinato,

— separazione del terreno non inquinato da riutilizzare in sito,

— raccolta e smaltimento di eventuali liquidi inquinati,

— ripristino delle aree con materiale non inquinato e con materiale di nuova acquisizione,

— relazione tecnica al termine della bonifica, comprendente tutte le certificazioni dei nuovi terreni, delle analisi e prove eseguite.

Altre caratteristiche saranno indicate nella documentazione di gara che sarà inviata dall’ente aggiudicatore ai candidati, la cui richiesta di partecipazione risulterà conforme ai requisiti indicati nel presente avviso.

Criteri di aggiudicazione

Il prezzo non è il solo criterio di aggiudicazione e tutti i criteri sono indicati solo nei documenti di gara

Durata del contratto d’appalto, dell’accordo quadro o del sistema dinamico di acquisizione

Durata in mesi: 36

Il contratto d’appalto è oggetto di rinnovo: no

Termine per il ricevimento delle offerte o delle domande di partecipazione

Data: 18/03/2018

Ora locale: 12:00

3) Italia-Valmadrera: Servizi di individuazione e monitoraggio delle sostanze inquinanti e di bonifica

2018/S 028-062155

Amministrazione aggiudicatrice

Silea S.p.A.
23868 Valmadrera
Italia

Oggetto dell’appalto

Procedura aperta, con carattere d’urgenza ai sensi dell’art. 60, comma 3 del D.Lgs 50/2016 per l’affidamento del servizio di: prelievo, trasporto, trattamento e/o smaltimento delle polveri cadenti dalle caldaie e dai filtri a maniche — codice EER 190105* provenienti dall’impianto di termoutilizzatore dei rifiuti ubicato in Valmadrera e il prelievo, trasporto, trattamento e/o smaltimento dei fanghi — codice EER 190205* – provenienti dall’impianto di trattamento delle acque gara n. 6988281 CIG 7379850CDD
Valore dell’appalto:

1118250,00 euro
Termine per il ricevimento delle offerte o delle domande di partecipazione

28.2.2018 – 12:00
Modalità di apertura delle offerte

Data: 1.3.2018 – 10:00
Luogo: Via L. Vassena 6

Silea S.p.A.

Persone ammesse ad assistere all’apertura delle offerte: sì

Invito al Senato – Roma 28 febbraio ore 10 “Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile: E-mobility, turismo sostenibile e cooperazione internazionale”

7 febbraio 2018 16:13

Ore 10:00 Registrazione
Ore 10:30 Apertura dei lavori:
Alfonso Pecoraro Scanio – Presidente Fondazione UniVerde
Gianfranco Nicolè – Presidente GMT S.p.A. – ZapGrid
Ore 11:00 Saluti istituzionali:
Sen. Loredana De Petris – Presidente Gruppo Misto
Ottavia Ricci – Consigliera del Ministro dei Beni Culturali per il turismo sostenibile
S. E. Albert Tshiseleka Felha – Ambasciatore della Repubblica Democratica del Congo e Decano degli Ambasciatori d’Africa in Italia
Ore 11:45
Argomento: Norvegia: esempio virtuoso dell’e-mobility
Relatore: Giorgio Novello – Senior Vice President relazioni istituzionali, Avio Spa
già Ambasciatore d’Italia presso il Regno di Norvegia
Ore 12:00
Argomento: Matera Capitale europea della cultura
Relatore: Carmine Marinucci – Direttore direzione Board dei Direttori, ENEA
Ore 12:15
Argomento: I numeri del mercato della e-mobility
Relatore: Davide Chiaroni – Direttore divisione Corporate Education, MIP Business School internazionale del Politecnico di Milano
Ore 12:30
Argomento: Introduzione ZapGrid
Relatore: Alessandra Chiari – Amministratore delegato G.M.T. S.p.A.
Ore 12:45
Argomento: Applicazione ZapGrid
Relatore: Davide Bovi – Responsabile progetto Zapgrid, G.M.T. S.p.A.
Relatore: Luca Ferrarese – Responsabile divisione ET, G.M.T. S.p.A.
Modera:
Stefania Marignetti – Giornalista Adnkronos Prometeo
In occasione dell’evento saranno conferiti i primi riconoscimenti Green Pride 2018.
Green Pride è la campagna promossa dalla Fondazione UniVerde che, dal 2011, conferisce riconoscimenti alle realtà e alle best practice italiane che si sono distinte per idee innovative nel campo della green economy, spaziando tra i diversi settori.
R.S.V.P. info@fondazioneuniverde.it

Visualizza e scarica il programma dell’evento, in formato PDF: clicca qui.

Associazione “Dossetti” e Fondazione UniVerde: “Rivedere con urgenza il Piano Nazionale di Contrasto dell’Antimicrobico-Resistenza”

1 febbraio 2018 15:17


Trasparenza sui dati effettivi del numero di morti in Italia causati dai “superbatteri”; una filiera responsabile del cibo di origine animale verso il superamento degli allevamenti intensivi; finanziamenti urgenti a sostegno della ricerca pubblica per trovare sia antagonisti naturali, efficaci nella lotta biologica, che nuovi farmaci accessibili a tutti in caso di emergenza sanitaria. Sono alcune delle richieste avanzate al Governo e al Parlamento dall’Associazione culturale “Giuseppe Dossetti: i Valori-Tutela e Sviluppo dei Diritti” Onlus e dalla Fondazione UniVerde per contrastare la crescente emergenza sanitaria e ambientale dell’antibiotico resistenza, illustrate stamattina in occasione della conferenza stampa “Emergenza sanitaria ed ambientale: migliaia di morti l’anno a causa dei superbatteri” promossa su iniziativa del Presidente del Gruppo Misto al Senato, Sen. Loredana De Petris, dall’Associazione “Dossetti” e dalla Fondazione UniVerde e svoltasi presso la Sala Caduti di Nassiriya di Palazzo Madama.

“Il Piano di contrasto della ministra Lorenzin – ha dichiarato la Presidente del Gruppo Misto, Sen. Loredana De Petris – è in realtà inesistente. Si limita a tracciare una linea di indirizzo senza stanziare un euro per contrastare il problema. Nella prossima Legislatura sarà nostro incessante impegno sconfiggere con un vero Piano di contrasto questa piaga prima che assuma dimensioni anche più tragiche di quelle attuali”.

“Per quanto riguarda le infezioni ospedaliere la situazione è quanto mai preoccupante: circa il 5-7% dei pazienti ricoverati negli ospedali italiani (fino al 15% nei reparti di terapia intensiva), 500-700 mila casi in totale, con una mortalità del 3%, non possiamo tacere! In Italia si muore per sepsi dai reparti di neonatologia a quelli di terapia intensiva – ha dichiarato Claudio Giustozzi, Segretario Nazionale dell’Associazione “Dossetti” – Ci rendiamo conto che un luogo come l’ospedale che dovrebbe preservare la vita diviene luogo di morte? Ci rendiamo conto che un neonato con appena 26 ore di vita muore per sepsi? Le commissioni di indagini interne o gli ispettori inviati dal Ministero non riporteranno in vita nessuno e a quanto pare il loro lavoro viene vanificato in quanto l’esito delle indagini non è conosciuto quasi mai né tantomeno quali provvedimenti di prevenzione si sia deciso di adottare a seguito. La verità è che in Italia negli ospedali si muore per sostenibilità, si muore perché la prevenzione è un costo”.

“L’ECDC, Centro Europeo per la prevenzione ed il controllo delle malattie – incalza Giustozzi – ha reso noto, mediante un rapporto pubblicato a dicembre 2017, che a seguito della sua Country visit, la situazione riscontrata negli ospedali e nelle regioni italiane costituisce una grave minaccia alla salute pubblica del nostro Paese. Scrive inoltre di aver avuto l’impressione che questi alti livelli di antimicrobico-resistenza siano accettati dai vari attori del sistema sanitario come se si trattasse di un inevitabile stato delle cose. Ciò che desta sospetto è come mai da dicembre ad oggi non se ne sia parlato. Tramite l’Avvocato Antonella Minieri, del Foro di Roma, l’Associazione “Dossetti” fa sapere che presenterà un esposto alla Procura della Repubblica in difesa del diritto dei cittadini alla salute”.

Al giorno d’oggi, i batteri resistenti causano oltre 700 mila morti ogni anno nel mondo, di questi oltre 25 mila solo in Europa. In Italia, le infezioni da “superbatteri”si aggirano intorno ai 300 mila casi clinici e causano tra i 5 mila e i 7 mila decessi l’anno e una delle cause principali della diffusione dell’antibiotico resistenza è senza dubbio rappresentata dagli allevamenti intensivi. Secondo il rapporto ESVAC l’Italia, tra i Paesi UE, è il terzo maggiore utilizzatore di antibiotici negli allevamenti: il 71% degli antibiotici venduti in Italia è destinato agli animali negli allevamenti intensivi. Il consumo medio di antibiotici in Italia, nell’anno 2014 è stato oltre il doppio rispetto al resto dell’UE e il triplo della sola Francia.

Rimaste inascoltate le richieste avanzate al Ministro Lorenzin, in una lettera firmata da 20 associazioni, Associazione “Dossetti” e Fondazione UniVerde rimarcano la necessità di puntare, entro il 2020, alla riduzione del 70% dell’uso di antibiotici negli allevamenti intensivi, una percentuale notevolmente maggiore rispetto al 30% proposto nel Piano Nazionale di Contrasto dell’Antimicrobico-Resistenza (PNCAR), approvato a novembre dal Ministero della Salute, e di vietare l’uso routinario e preventivo degli stessi negli allevamenti.

“Secondo le previsioni del primo rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, la resistenza agli antibiotici è una delle principali minacce alla salute pubblica mondiale – sottolinea il Presidente della Fondazione UniVerde, Alfonso Pecoraro Scanio – Da ora al 2050, i superbatteri saranno responsabili di almeno 10 milioni di morti l’anno e già nel 2025, nella sola Europa, si prevedono un milione di morti. Dobbiamo superare modelli di gestione irresponsabile degli antibiotici, a partire dagli allevamenti intensivi, adoperandoci anche per il benessere degli animali oltre che per garantire la tutela della salute umana. Il Parlamento deve affrontare la questione con fermezza e il Governo rivedere gli obiettivi, molto poco ambiziosi, del PNCAR se vogliamo anticipare e affrontare il rischio emergente di una pandemia da infezioni multiresistenti”.

“Occorre da subito prevedere regole rigorose di bonifica di sale operatorie, strutture ospedaliere e altri luoghi pubblici dai superbatteri, anche usando le tecniche di lotta biologica, e investendo sulla ricerca – rilancia Pecoraro Scanio – Serve una forte azione per abbattere l’uso di antibiotici negli allevamenti e sostenere tutte le azioni per il superamento degli allevamenti intensivi come le proposte di reinserimento di attività nelle aree collinari e montane dell’Appennino, con effetti positivi su ambiente, benessere animale e occupazione”.

Le misure proposte da Associazione “Dossetti” e Fondazione UniVerde e unitamente alle già note misure di prevenzione (lavaggio delle mani; sanificazione biologica nei luoghi pubblici, nelle strutture sanitarie frequentate da persone vulnerabili e negli allevamenti intensivi; contrasto al “fai da te”, e campagne informative e di sensibilizzazione della popolazione, delle Istituzioni e delle professioni nonché un aumento dei controlli), potranno certamente permettere di arginare il rischio epidemiologico.

Conferenza Stampa – Roma, 1 febbraio 2018. Emergenza sanitaria ed ambientale: migliaia di morti l’anno a causa dei superbatteri

31 gennaio 2018 10:05

Il Segretario Nazionale dell’Associazione culturale “Giuseppe Dossetti: i Valori-Tutela e Sviluppo dei Diritti” Onlus, Claudio Giustozzi, e il Presidente della Fondazione UniVerde, On. Alfonso Pecoraro Scanio, sono lieti di invitarLa alla conferenza stampa convocata a Roma il giorno giovedì 1 febbraio 2018, alle ore 11:00, presso la Sala Caduti di Nassiriya di Palazzo Madama, Senato della Repubblica, Piazza Madama.

In occasione della conferenza saranno rese note le richieste al Governo e al Parlamento per contrastare l’emergenza da “superbatteri” antibiotico resistenti in particolare nei luoghi pubblici, nelle strutture sanitarie e negli allevamenti intensivi.

Sono stati invitati tutti i Parlamentari.

N.B. Le opinioni e i contenuti espressi nell’ambito dell’iniziativa sono nell’esclusiva responsabilità dei proponenti e dei relatori e non sono riconducibili in alcun modo al Senato della Repubblica o ad organi del Senato medesimo.

L’accesso alla sala – con abbigliamento consono e, per gli uomini, obbligo di giacca e cravatta – è consentito fino al raggiungimento della capienza massima.

R.S.V.P. : relazioniesterne@dossetti.it

I giornalisti devono accreditarsi secondo le modalità consuete inviando un fax al numero 0667062947.

#ZeroWar2020, la presentazione dell’iniziativa a Roma

29 gennaio 2018 09:28

Martedì 30 gennaio 2018, a Roma, presso la sala convegni del Consiglio Nazionale Forense (Via del Governo Vecchio, 3), si terrà la presentazione dell’iniziativa #ZeroWar2020, promossa dal Consiglio Nazionale Forense e dalla Fondazione UniVerde per dire stop alle guerre, a partire dalla tregua olimpica: «Gli avvocati possono svolgere un ruolo fondamentale per favorire la pace – dichiara il Presidente Alfonso Pecoraro Scanio – Non a caso il diritto è lo strumento principale per la risoluzione dei conflitti». Appuntamento alle 10:30.

Osservatorio Europa. I bandi di Gennaio 2018

18 gennaio 2018 16:12

BANDI GREEN GENNAIO 2018

Italia-Ispra – Studi relativi alle tecnologie energetiche pulite

2016/S 112-198640

Invito a manifestare il proprio interesse

Ente appaltante:
Commissione europea, Joint Research Centre (JRC), Institute for Energy and Transport

Descrizione generale della procedura:
Le parti interessate sono invitate a manifestare il proprio interesse ai sensi delle norme stabilite nel presente avviso.
L’ente appaltante stilerà un elenco dei fornitori che hanno espresso il loro interesse

Utilizzo dell’elenco risultante dal presente avviso:
L’elenco risultante dal presente avviso sarà utilizzato esclusivamente per gli appalti pubblici di questo tipo:
— appalti di servizi inferiori a 135 000 EUR per contratto.

Descrizione completa dei settori contemplati del presente invito a manifestare interesse:
In quanto servizio scientifico interno della Commissione, la missione del Centro comune di ricerca è quella di fornire alle politiche dell’UE un sostegno scientifico e tecnico indipendente fondato su dati comprovati durante l’intero ciclo di elaborazione delle stesse. L’Istituto dell’energia e dei trasporti del JRC (JRC-IET) è uno dei 7 istituti scientifici appartenenti al Centro comune di ricerca della Commissione europea. Il personale JRC-IET è situato a Petten, Paesi Bassi e Ispra, Italia. La missione del JRC-IET è sostenere le politiche dell’UE e l’innovazione tecnologica onde garantire la produzione, la distribuzione e l’utilizzo di energia sostenibili, sicuri ed efficienti e promuovere trasporti sostenibili ed efficienti in Europa. Tra le altre attività, il JRC fornisce dati, analisi e informazioni sulla politica e le prestazioni in materia di ricerca e innovazione (R&I) nel campo energetico a livello dell’UE, nazionale e regionale, compresi i progressi in importanti paesi al di fuori dell’Europa. Ciò sostiene la politica dell’UE in materia di R&I nel campo energetico, in particolare l’attuazione del piano strategico europeo per le tecnologie energetiche (piano SET). In questo contesto, il JRC fornisce valutazioni indipendenti sullo stato dell’arte di diverse tecnologie energetiche, e individua le barriere di mercato, le migliori pratiche per la mobilitazione di fondi pubblici e privati e per le misure politiche, con l’obiettivo di facilitare lo sviluppo tecnologico e l’impiego di soluzioni tecnologiche innovative nel settore dell’energia a basse emissioni di carbonio. In alcuni casi può richiedere un supporto esterno sotto forma di relazioni di studio incentrate su tecnologie specifiche, le catene di valore e i mercati associati, nonché altre questioni connesse.
L’invito a manifestare interesse è suddiviso in 3 sottoelenchi come segue:
Sottoelenco A — valutazione dello stato di sviluppo delle tecnologie di approvvigionamento energetico e della loro tendenza.
Può essere richiesto un supporto esterno per la preparazione di relazioni che forniscano una valutazione aggiornata dello stato dell’arte per uno qualunque dei settori relativi alle tecnologie di approvvigionamento energetico elencati di seguito. Tali valutazioni si baseranno sui dati, le informazioni e i risultati di recenti progetti finanziati dall’UE nonché di progetti, pubblicazioni e altre fonti appropriate a livello internazionale, nazionale e regionale. I settori tecnologici interessati, descritti in dettaglio nel documento del piano SET «Verso una tabella di marcia integrata» (https://setis.ec.europa.eu/set-plan-process/integrated-roadmap-and-action-plan), sono:
• energia eolica,
• fotovoltaico,
• elettricità eliotermica,
• riscaldamento e raffreddamento solare;
• energia oceanica,
• energia geotermica,
• energia idroelettrica,
• calore ed energia dalla biomassa,
• cattura, utilizzo e stoccaggio del carbonio,
• generazione flessibile/di back-up,
• combustibili fossili non convenzionali,
• biocarburanti avanzati sostenibili,
• celle a combustibile e idrogeno,
• combustibili alternativi avanzati.
Potranno inoltre essere richieste relazioni che descrivano le esigenze e le tendenze di sviluppo tecnologico, le barriere tecnologiche all’impiego su larga scala e le proiezioni (dei costi) tecno-economiche a lungo termine previste.
Ogni appalto di servizi riguarderà 1 singolo settore.
Sottoelenco B — integrazione delle tecnologie di approvvigionamento energetico nel sistema energetico.
Possono essere richieste relazioni mirate concernenti:
i) l’analisi delle sinergie e delle problematiche sorte nel sistema energetico a seguito dell’introduzione e dell’impiego di diverse tecnologie relative all’energia a basse emissioni di carbonio, con particolare attenzione per l’integrazione dei sistemi energetici; e
ii) l’analisi delle sfide transettoriali dei sistemi energetici che si presentano in tutti i diversi settori dei sistemi energetici (ad es. approvvigionamento energetico e trasporti) a seguito dell’introduzione e dell’impiego di diverse tecnologie a basse emissioni di carbonio.
Sottoelenco C — valutazione dei mercati delle tecnologie e delle informazioni relative allo sviluppo industriale per le tecnologie di approvvigionamento energetico.
Può essere richiesto un supporto esterno per la preparazione di relazioni su specifiche tecnologie che valutino gli sviluppi recenti nei mercati delle tecnologie in uno qualunque dei settori elencati di seguito, in Europa e a livello globale. Ogni relazione di questo tipo dovrà analizzare prospettive a medio e lungo termine (2050), evidenziando la relativa posizione delle parti interessate dell’UE. In particolare, può essere necessario trattare problematiche quali il livello di preparazione al mercato di una tecnologia, la quota della tecnologia nell’attuale sistema energetico europeo e mondiale, l’impiego recente e le tendenze di mercato, confronti tra impiego e obiettivi dell’UE, la descrizione della struttura di mercato della tecnologia, nonché l’identificazione dei principali attori in termini di quota di mercato, di attori e mercati emergenti, delle principali barriere all’espansione del mercato e delle prospettive di mercato europee e mondiali.
Può inoltre essere richiesto un supporto esterno per brevi relazioni sullo stato del settore industriale dell’energia a basse emissioni di carbonio, sugli sviluppi recenti e le prospettive industriali a medio e lungo termine, sui meccanismi politici e di sostegno in vigore nell’UE e a livello mondiale e sul relativo impatto, compreso se del caso l’impatto delle strategie di specializzazione regionale e di cooperazione internazionale. Una relazione di questo tipo può inoltre essere richiesta per: i) descrivere le catene di valore di una tecnologia e la posizione dell’UE (punti di forza, punti deboli, società principali); ii) definire e quantificare gli indicatori principalmente sulla base del livello e della distribuzione dell’investimento pubblico e delle imprese nella R&S e dell’attività delle imprese nel campo dei brevetti; e iii) valutare le politiche di sostegno industriale che hanno un impatto sulle catene di valore.
I settori tecnologici che possono essere interessati sono:
• energia eolica,
• fotovoltaico,
• elettricità eliotermica,
• riscaldamento e raffreddamento solare;
• energia oceanica,
• energia geotermica,
• energia idroelettrica,
• calore ed energia dalla biomassa,
• cattura, utilizzo e stoccaggio del carbonio,
• generazione flessibile/di back-up,
• combustibili fossili non convenzionali,
• biocarburanti avanzati sostenibili,
• celle a combustibile e idrogeno,
• combustibili alternativi avanzati.
Ogni appalto di servizi riguarderà 1 singolo settore.

Luogo della prestazione:
JRC Ispra, Institute for Energy and Transport, via Enrico Fermi 2749, 21027 Ispra VA, ITALIA.
JRC Petten, Institute for Energy and Transport, Westerduinweg 3, 1755 LE Petten, PAESI BASSI (indirizzo visitatori); PO Box 2, 1755 ZG Petten, PAESI BASSI (indirizzo postale).

Scadenza dell’elenco risultante dal presente invito a manifestare interesse:
L’elenco risultante dal presente avviso è valido per 5 anni a partire dalla spedizione del presente avviso. Le parti interessate possono presentare una candidatura in qualsiasi momento prima degli ultimi 3 mesi di validità dell’elenco.

Italia-Sesto San Giovanni: Servizi di protezione dell’ambiente

2018/S 006-010445

Bando di gara

Servizi ambientali

Amministrazione aggiudicatrice

Parco Nord Milano
Italia
Telefono: +49 022410161

Oggetto dell’appalto

Procedura aperta ai sensi dell’art. 60 del D.Lgs. 50/2016 da svolgersi in modalità telematica mediante l’uso della piattaforma Sintel di Arca Lombardia per l’affidamento del servizio di: “Svuotamento dei cestini rifiuti nel parco anni 2018/2019/2020” — CIG: 7310690C3A
Luogo principale di esecuzione dei lavori, di consegna delle forniture o di prestazione dei servizi: Sesto San Giovanni (MI), Via Clerici 150

L’appalto nella sua globalità vuole garantire un servizio di gestione completa delle operazioni di svuotamento dei cestini per i rifiuti nelle aree di proprietà o in consegna all’Ente attenendosi a criteri gestionali volti alla buona tecnica e al rispetto delle caratteristiche intrinseche del parco e ai diversi livelli di fruizione dello stesso.
Valore stimato, IVA esclusa: 323 000,00 EUR
Criteri di aggiudicazione

Offerta economicamente più vantaggiosa

Termine per il ricevimento delle offerte o delle domande di partecipazione

12.2.2018 – 12:00
Italia-Firenze: Gestione ambientale

2017/S 247-519337

Bando di gara

Servizi

Amministrazione aggiudicatrice

Regione Toscana Direzione Ambiente ed Energia

Oggetto

Il presente appalto ha per oggetto il servizio di raccolta delle biomasse algali associata all’attività di risospensione dei sedimenti soffici superficiali e gestione dei sistemi di ricircolo idraulico per il biennio 2018/2019 nella laguna di Orbetello, comprese le attività di manutenzione dei mezzi, degli impianti e delle attrezzature.

Valore, IVA esclusa: 1 404 626.88 EUR

Criteri di aggiudicazione

Il prezzo non è il solo criterio di aggiudicazione e tutti i criteri sono indicati solo nei documenti di gara

Termine per il ricevimento delle offerte o delle domande di partecipazione

Data: 06/02/2018

Ora locale: 13:00