Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Parte la 9a edizione della campagna nazionale “Mediterraneo da remare” con focus “No plastic”

Fondazione UniVerde e Marevivo: “Italia tuteli la bellezza della biodiversità anche con l’istituzione di nuove aree marine protette” (ROMA, 15 maggio 2019) È stata presentata [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

“OBIETTIVO TERRA” 2019: vince Rosario Scariati con la foto dei cavallucci marini dell'Area Marina Protetta Punta Campanella

Premio Cobat per la mobilità sostenibile all’Area Marina Protetta Capo Carbonara e premio Fiaba Onlus al Parco Naturale Adamello Brenta per l’accessibilità e la fruibilità [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
Rassegna stampa Concorso fotografico “Obiettivo Terra” 2018
Firma la petizione #OperaUnesco!

#pizzaUnesco
#pizzaUnesco: la Vittoria! L’Arte del Pizzaiuolo Napoletano è Patrimonio dell’Umanità IV ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Presentata OPERA2030, la prima piattaforma che promuove l’attivismo civico e la democrazia diretta attraverso le “buone azioni” contro fake news e haters.

22 maggio 2019 12:34

Sarà online a giugno con la prima campagna #LessPlasticIsMoreLife, realizzata per coinvolgere gli influencers di Instagram in azioni #NoPlastic.

L’iniziativa è promossa dalla Fondazione UniVerde con la collaborazione scientifica dell’Università degli Studi Link Campus e di realtà innovative, con l’obiettivo di creare strumenti per migliorare la legislazione nazionale ed europea e dare vita a una nuova classe dirigente diffusa.

(ROMA, 22 maggio 2019) Si è svolto ieri, alla Sala Corallo dell’Hotel Nazionale di Piazza Montecitorio, l’evento di lancio di OPERA2030 Action Now – 1° Open Day, la prima piattaforma che, attraverso gli strumenti innovativi messi a disposizione dal web e dai social media, si pone l’obiettivo di promuovere e valorizzare l’attivismo civico, la diffusione delle buone pratiche e contrastare, allo stesso tempo, il fenomeno diffuso delle fake news e l’atteggiamento violento e indiscriminato degli haters che inquinano di odio e provocazione le discussioni online.

L’iniziativa, trasmessa in diretta streaming su Radio Radicale, è stata promossa dalla Fondazione UniVerde, con la partnership scientifica dell’Università degli Studi Link Campus University e la collaborazione di realtà come Change.org, Fanpage.it, GreenStyle, LifeGate, Fondazione Homo Ex Machina e di altre startup innovative impegnate in azioni e campagne di attivismo civico, con il sostegno di Genera Group Holding Spa e Green Capital. Nel corso del 1° Open Day, sono intervenuti rappresentanti delle istituzioni, di associazioni e dei movimenti ambientalisti, dei consumatori, di piattaforme operanti nel campo della sostenibilità e della certificazione delle fonti, attivisti e professionalità del mondo dell’imprenditoria e dell’informazione green.

Hanno aperto l’evento, Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde, e Pasquale Russo, Direttore Generale dell’Università degli Studi Link Campus University, e con una nota di sostegno all’iniziativa, Riccardo Fraccaro, Ministro per i Rapporti con il Parlamento e per la Democrazia diretta che ha sottolineato: “Ogni strumento di partecipazione serve per rafforzare il dialogo tra cittadini e istituzioni. Se il cittadino ha il potere di indicare ai rappresentanti come utilizzare le risorse, come trattare le questioni relative ai diritti civili, quelle relative ai diritti sociali, o comunque di partecipare attivamente alla formazione delle decisioni politiche, certamente la vita della comunità migliora perché migliorano le regole alla base della convivenza dei cittadini all’interno della società”.

Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde, ha dichiarato: “Se il Parlamento approverà il testo del referendum propositivo, interverremo direttamente con la piattaforma Opera2030 a formulare una prima proposta di legge, ispirata ai temi dei 17 Obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu per lo Sviluppo Sostenibile. Questa iniziativa si propone come espressione innovativa di attivismo civico e di democrazia diretta, e nasce dalla necessità di mettere insieme le migliori energie di questo Paese, cittadini, influencers, startup innovative, con l’obiettivo di fornire loro strumenti utili per migliorare la legislazione nazionale ed europea e contribuire a formare una nuova classe dirigente diffusa. Vogliamo offrire occasioni di formazione e partecipazione a migliaia di amministratori locali, dirigenti pubblici e privati, docenti e professionisti, imprenditori e attivisti – ha aggiunto – per raggiungere gli Obiettivi Onu del 2030, attraverso azioni coerenti con quegli impegni”.

Pasquale Russo, Direttore Generale dell’Università degli Studi Link Campus University, ha spiegato: “La principale finalità della piattaforma che stiamo sviluppando è quella di promuovere e valorizzare le best practice del nostro Paese, educando l’intelligenza artificiale a reperire nel web le migliaia di buone azioni che, dal basso, rappresentano il valore aggiunto della società. Con Opera2030 sperimenteremo forme e modalità di esercizio di cittadinanza partecipata e attiva, anche su base territoriale, per stimolare la responsabilità individuale e collettiva, al fine di finalizzare in positivo diritti, doveri, bisogni e opportunità comuni”.

Da parte sua, Stephanie Brancaforte, Executive Director di Change.org Italia, ha rimarcato la necessità di “creare una nuova massa critica capace di realizzare nuove narrazioni e cambiamenti tangibili. Il primo elemento per combattere le fake news è il coraggio – ha sottolineato – e da parte nostra, stiamo rafforzando le policy per verificare le petizioni online”.

Sullo stesso tema, Domenico De Masi, Presidente del Comitato Scientifico della Fondazione UniVerde e di Opera2030, ha evidenziato: “Oggi, il nemico della democrazia sono le fake news, è indiscutibile, perché inquinano alla base il consenso popolare. Poter contare su una piattaforma che fornisce dati accertati, e che consente di dialogare sulla base dei fatti o non sulle opinioni, significa permettere alla volontà dei cittadini di compiere un decisivo passo in avanti”.

I vari panel sono stati moderati da: Francesco Piccinini (Direttore di Fanpage.it), Carlo Medaglia (Prorettore della Link Campus University), Jacopo Mele (Presidente della Fondazione Homo Ex Machina), Matteo Campofiorito (Direttore di GreenStyle). È intervenuto, complimentandosi per il lancio dell’iniziativa, il Presidente della Commissione Ambiente di Roma Capitale, Daniele Diaco. Sono inoltre intervenuti, tra gli altri: Alessio Falconio, Direttore di Radio Radicale, che ha incassato il sostegno di tutti i presenti per la difesa della storica emittente; Filippo Ghirelli, Presidente di Genera Group Holding Spa, partner di Opera2030, che ha posto l’accento sul ruolo fondamentale delle imprese davvero green; Gennarino Masiello, Vicepresidente nazionale di Coldiretti, che ha rilanciato la ICE #stopciboanonimo, che sarà presente sulla piattaforma; e ancora, Rosalba Giugni, Presidente di Marevivo, Rosario Trefiletti, leader storico dei consumatori italiani, Fabrizia Pratesi, promotrice della ICE #stopvivisection.

Nel corso dei lavori, sono stati trattati i temi dedicati alla partecipazione diretta dei cittadini alla vita democratica del Paese, attraverso campagne, petizioni, referendum, iniziative dei cittadini europei (ICE) e leggi di iniziativa popolare. Sono state inoltre illustrate le strategie per scongiurare la diffusione delle fake news con informazioni certificate e blockchain, è stato poi messo in luce l’attivismo civico ed ecologista di innovatori e startupper, insieme all’impegno dei green e civic influencer nella strategia 2030 dell’ONU, con le testimonianze, tra gli altri, dei giovani protagonisti di Fridays for Future e di startup innovative come Influgramer, con l’intervento di Andrea Zagato, che ha annunciato il lancio di una prima campagna su Opera2030 dedicata a “Less Plastic Is More Life”, attraverso la quale 25.000 influencers verranno incoraggiati a promuovere, nella vita quotidiana di centinaia di migliaia di followers, la riduzione dell’uso della plastica monouso in favore di oggetti in materiali riciclabili.

L’evento, con la partecipazione di Jimmy Ghione, inviato di Striscia la notizia, che sarà il primo testimonial di Opera2030, è stato concluso dalla presentazione del libro “European Psycho” (Aracne editrice) di Angelo Consoli, Direttore dell’Ufficio Europeo di Jeremy Rifkin. Il volume indaga l’evolversi della fotografia dell’Europa, dalla visione del Manifesto di Ventotene all’attualità politica ed economica, tra finanza internazionale e governance dell’Euro. Ne hanno approfondito i vari aspetti, insieme all’autore del libro, Livio de Santoli, Prorettore presso la Sapienza Università di Roma, l’eurodeputato Dario Tamburrano, relatore ombra del Pacchetto Clima ed Energia al Parlamento Europeo, il Presidente della Fondazione UniVerde Alfonso Pecoraro Scanio, e Pier Virgilio Dastoli, Presidente del Consiglio italiano del Movimento europeo (CIME) e storico assistente di Altiero Spinelli.

OPERA2030 Action Now – 1° Open Day. Nasce la piattaforma per combattere haters e fake news e sostenere l’attivismo civico

17 maggio 2019 15:26

Si svolge a Roma, martedì 21 maggio 2019, dalle ore 10.00, presso l’Hotel Nazionale, a Piazza Montecitorio, l’evento di lancio di OPERA2030 Action Now – 1° Open Day, la prima piattaforma per combattere le fake news attraverso gli strumenti innovativi messi a disposizione dal web e dai social media.

L’iniziativa è promossa dalla Fondazione UniVerde, con la partnership scientifica dell’Università degli Studi Link Campus University e la collaborazione di Change.Org, FanPage, GreenStyle, LifeGate e altre startup innovative impegnate in azioni e campagne di attivismo civico.

I lavori saranno aperti dagli interventi da Alfonso Pecoraro Scanio (Presidente della Fondazione UniVerde), Pasquale Russo (Direttore Generale della Link Campus University), Stephanie Brancaforte (Executive Director di Change.org Italia) e da Domenico De Masi (Presidente del Comitato Scientifico della Fondazione UniVerde e di Opera2030. I panel saranno moderati da: Francesco Piccinini, Direttore di Fanpage.it, Carlo Medaglia (Prorettore della Link Campus University), Jacopo Mele (Presidente della Fondazione Homo Ex Machina), Matteo Campofiorito (Direttore di GreenStyle).

“L’iniziativa Opera 2030 Action Now, che presenteremo, vuole porsi come piattaforma di attivismo civico e democrazia diretta, indirizzata non solo all’associazionismo e agli amministratori locali ma, più in generale, alla classe dirigente diffusa del nostro Paese. L’ambizioso progetto è quello di promuovere valorizzare quelle migliaia di buone azioni dal basso, indispensabili per realizzare i 17 Obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu per lo Sviluppo Sostenibile e combattere haters e fake news con “truth-lovers” e informazioni certificate”, dichiara Alfonso Pecoraro Scanio, promotore dell’iniziativa.

Durante i lavori, verranno trattati i temi dedicati alla partecipazione dei cittadini alla vita democratica del Paese, attraverso gli strumenti del referendum, di petizioni, campagne e leggi di iniziativa popolare. Inoltre, sarà illustrato come sconfiggere le fake news grazie alla nuova tecnologia della blockchain, e verrà messo in luce l’attivismo civico ed ecologista di giovani startupper ed innovatori, insieme all’impegno di green e civic influencer nella strategia degli Obiettivi 2030 dell’ONU con le testimonianze, tra gli altri, dei giovani protagonisti di Fridays for Future.

Chiude l’evento, la presentazione del libro “European Psycho” di Angelo Consoli, con gli interventi di Livio de Santoli, Prorettore presso la Sapienza Università di Roma, l’eurodeputato Dario Tamburrano, relatore ombra del Pacchetto Clima ed Energia al Parlamento Europeo, il Presidente della Fondazione UniVerde Alfonso Pecoraro Scanio, e Pier Virgilio Dastoli, Presidente del Consiglio italiano del Movimento europeo (CIME) e storico assistente di Altiero Spinelli.

Nel corso della giornata, interverrà l’On. Riccardo Fraccaro, Ministro per i Rapporti con il Parlamento e per la democrazia diretta.

Ingresso libero previa registrazione, fino ad esaurimento posti.

RSVP: info@fondazioneuniverde.it

Scarica l’invito, clicca: qui.

Convegno “Bolletta elettrica nazionale e oneri generali di sistema: i consumatori sanno per cosa pagano?

15 maggio 2019 15:12

Si svolge a Roma, lunedì 20 maggio 2019, ore 11:00, alla Sala Caduti di Nassiriya di Palazzo Madama (Piazza Madama, 11), il convegno dal titolo “Bolletta elettrica nazionale e oneri generali di sistema: i consumatori sanno per cosa pagano?”, promosso da Indagini3 – Centro Ricerche Ambiente Consumo e da Fondazione UniVerde. Ingresso libero previa registrazione, fino ad esaurimento posti.

RSVP: info@fondazioneuniverde.it

Parte la 9a edizione della campagna nazionale “Mediterraneo da remare” con focus “No plastic”

 14:56

Fondazione UniVerde e Marevivo: “Italia tuteli la bellezza della biodiversità anche con l’istituzione di nuove aree marine protette”

(ROMA, 15 maggio 2019) È stata presentata questa mattina alla Sala Caduti di Nassiriya di Palazzo Madama, presso il Senato della Repubblica, la 9a edizione di “Mediterraneo da remare”, la campagna nazionale di sensibilizzazione alla tutela del Mare Nostrum, promossa dalla Fondazione UniVerde, in collaborazione con Marevivo, e con l’adesione del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera. L’ambizioso obiettivo è quello di promuovere una riconversione e una rivoluzione culturale che possano guidare la collettività a ritornare in sintonia con Madre Terra, a partire dai piccoli gesti quotidiani.

Eventi itineranti lungo le coste italiane, tappe internazionali, remate simboliche in varie località balneari e in collaborazione con gli stabilimenti che segnaleranno, ai soggetti promotori, iniziative concrete per la tutela degli ecosistemi marini, lacustri e fluviali. Le iniziative, che si svolgeranno nel corso dell’estate 2019, saranno prevalentemente dedicate a contrastare la dispersione delle macro e micro plastiche in mare, con lo slogan #NoPlastic, ma anche a rilanciare il focus “Acquascooter Free” promuovendo la mobilità a remi e la diffusione dell’uso delle canoe in luogo del noleggio di moto d’acqua.

Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde, che da Ministro dell’Ambiente aggiunse alla denominazione del dicastero la “tutela del Mare” e che ha ideato la campagna “Mediterraneo da remare”, ha dichiarato: “Le coste della penisola e le aree marine protette italiane rappresentano un patrimonio ambientale inestimabile, ma sono sempre più minacciate dall’inquinamento causato dalla dispersione di macro e micro plastiche. Oggi rilanciamo la campagna Mediterraneo da remare, consapevoli che proprio a dicembre l’Italia ospiterà a Napoli la Conferenza delle Parti della Convezione di Barcellona sulla protezione dell’ambiente marino del Mediterraneo. Sarebbe importante presentarsi come un Paese capace di tutelare la biodiversità che la contraddistingue, anche attraverso l’istituzione di nuove aree marine protette”.

Per Rosalba Giugni, Presidente di Marevivo: “Eliminare la plastica monouso, ma soprattutto raccoglierla, ripulire le coste per far respirare l’ambiente e apprezzarlo nella sua completa bellezza, sono questi gli obiettivi che ci siamo posti con la campagna Mediterraneo da remare. Un’onda blu, amica del mare, sta attraversando le coscienze di giovani e giovanissimi, e su questo movimento dobbiamo contare sempre di più, perché un pianeta sano è un habitat migliore nel quale vivere”.

Alla presentazione di “Mediterraneo da remare” 2019 è intervenuto anche l’Ammiraglio Giovanni Pettorino, Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera: “Il Mediterraneo è un mare fragile, per questo è fondamentale diffondere la cultura della tutela degli ambienti marini. In linea con la nostra missione, la Guardia Costiera pone in essere programmi di comunicazione ed educazione in materia ambientale, rivolti soprattutto alle giovani generazioni”.

In occasione dell’evento, sono inoltre intervenuti: Irene Di Girolamo, Funzionario del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Referente Ambiente Marino dell’Ufficio del Sottosegretario Salvatore Micillo, che ha inviato con una nota di sostegno all’iniziativa, la Senatrice Loredana De Petris, Presidente del Gruppo Misto al Senato della Repubblica e Gennaro Cirillo, Consigliere federale della Federazione Italiana Canoa Kayak - FICK che rinnova, anche quest’anno, la partnership tecnica al fianco della campagna “Mediterraneo da remare” per contrastare l’inquinamento marino, salvaguardare le specie animali e vegetali, promuovere le aree marine e lacustri, divulgare messaggi sulla tutela ambientale attraverso lo sport tra i più giovani.

Ha inoltre preso parte alla presentazione dell’iniziativa anche il campione olimpionico Bruno Mascarenhas, tecnico federale della Federazione Italiana di Canottaggio e testimonial di “Mediterraneo da remare”.

Main partner dell’edizione 2019 è Castalia Consorzio Stabile S.C.p.A., la società consortile, attiva da oltre trent’anni in Italia, che raggruppa armatori e imprese che operano nel mare territoriale e offshore specializzati nelle attività marittime, nell’antinquinamento marino e nel pronto intervento.

Presentazione 9a edizione campagna nazionale “Mediterraneo da remare” con focus “No plastic”

9 maggio 2019 14:04

Sarà presentata mercoledì 15 maggio 2019, ore 11:00, alla Sala Caduti di Nassiriya di Palazzo Madama, presso il Senato della Repubblica, la 9a edizione di “Mediterraneo da remare”, la campagna nazionale di sensibilizzazione alla tutela del Mare Nostrum, promossa dalla Fondazione UniVerde, in collaborazione con Marevivo, e con l’adesione della Guardia Costiera. Eventi itineranti lungo le coste italiane, tappe internazionali, remate simboliche in varie località balneari e in collaborazione con gli stabilimenti che segnaleranno, ai soggetti promotori, iniziative concrete per la tutela degli ecosistemi marini, lacustri e fluviali. Le iniziative, che si svolgeranno durante l’estate 2019, saranno prevalentemente dedicate a contrastare la dispersione delle macro e micro plastiche in mare, con lo slogan #NoPlastic.

Main partner dell’edizione 2019 è Castalia Consorzio Stabile S.C.p.A., la società consortile, attiva da oltre trent’anni in Italia, che raggruppa 33 armatori e imprese che operano nel mare territoriale e offshore specializzati nelle attività marittime, nell’antinquinamento marino e nel pronto intervento. Partner tecnico è la Federazione Italiana Canoa e Kayak – FICK.

RSVP: info@fondazioneuniverde.it