Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Parte l’8 edizione della campagna nazionale “Mediterraneo da remare” con focus “No plastic”

(ROMA, 28 giugno 2018) È stata presentata questa mattina, dalla sede galleggiante di Marevivo, l’8a edizione di “Mediterraneo da remare”, la campagna nazionale di sensibilizzazione alla tutela [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Animal Geographies/Animal Spaces

Come cambiano i rapporti fra esseri umani e animali nello spazio urbano e nello spazio rurale? Quali sono le conseguenze geografiche delle nostre scelte alimentari? [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
Firma la petizione #OperaUnesco!

#pizzaUnesco
#pizzaUnesco: la Vittoria! L’Arte del Pizzaiuolo Napoletano è Patrimonio dell’Umanità IV ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Barriere coralline in pericolo

10 aprile 2012 13:05

L’acidificazione degli oceani sta compromettendo la formazione delle barriere coralline che sta già calando in tutto il mondo. Le barriere coralline rappresentano un mondo sommerso variopinto e altamente ricco in biodiversità. Le caratteristiche uniche dell’habitat che si crea a ridosso delle barriere sono dovute alla presenza dei coralli stessi che offrono riparo e protezione a migliaia di specie di pesci, crostacei, molluschi ed echinodermi.
Numerosi organismi marini, tra cui i coralli polipi,  per costruire gli scheletri esterni e le conchiglie utilizzano  il carbonato di calcio in acqua di mare, un processo conosciuto come calcificazione.
Gli oceani hanno assorbito circa un terzo della C02 che è stata rilasciata nell’atmosfera dall’inizio della rivoluzione industriale e ciò ha incrementato l’acidità dell’acqua, diminuendo in questo modo la concentrazione di carbonato.
Quando l’acqua di mare è più acida, il livello di calcificazione decresce poiché le strutture di carbonato di calcio cominciano a disgregarsi.
Una nuova ricerca ha utilizzato un modello state of the art al computer per simulare l’acidificazione della corrente oceanica e i tassi di calcificazione. I risultati appaiono drammatici per la vita delle barriere coralline.
Tali considerazioni sono state possibili utilizzando i dati storici sulle emissioni di CO2 dal 1750 al 2005 e prendendo in esame le concentrazioni di aerosol , i mutamenti dell’orbita terrestre, i cambiamenti di uso del suolo e l’attività vulcanica e solare.
Il modello preannuncia una drastico calo della calcificazione delle aree coralline del mondo nel prossimo secolo.
Le conclusioni della ricerca hanno sottolineato che nel Pacifico tropicale occidentale e negli oceani Caraibici i tassi di calcificazione sono circa del 15% inferiori a quelli rilevati nel periodo preindustriale. Se le emissioni antropiche di C02 continueranno ad aumentare rendendo in questo modo le acque sempre più acide, si assisterà a un calo della crescita delle barriere coralline  del 60% entro la fine del secolo.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr