Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

#BlueKayakDay #MediterraneoDaRemare2018: il 15 agosto tutti in canoa e kayak per #NoPlastic

Il 15 agosto 2018 è il #BlueKayakDay, evento della Federazione Italiana Canoa Kayak a sostegno di “Mediterraneo da remare” 2018, la campagna nazionale promossa dalla Fondazione [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Presentato XVI Rapporto “Gli italiani, il solare e la green economy”. Focus su “Storage, recycling & smart cities”

È stato presentato oggi, martedì 30 ottobre 2018, il XVI Rapporto “Gli italiani, il solare e la green economy” realizzato da Osservatorio sul solare della Fondazione [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
Rassegna stampa Concorso fotografico “Obiettivo Terra” 2018
Firma la petizione #OperaUnesco!

#pizzaUnesco
#pizzaUnesco: la Vittoria! L’Arte del Pizzaiuolo Napoletano è Patrimonio dell’Umanità IV ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Il disastro economico del Golfo del Messico

16 febbraio 2012 13:09

L’incidente del Golfo del Messico provocherà, secondo le stime di alcuni ricercatori, un danno economico di 8,7 miliardi di dollari e una perdita di 22 mila posti di lavoro nel settore ittico entro il 2017, con un impatto sullo sviluppo locale.  L ‘esplosione della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon, avvenuta nell’aprile 2010, determinò un  incendio ed innescò un’immensa fuoruscita di idrocarburi  nelle acque del golfo del Messico, al largo delle coste della Louisiana. Le conseguenze sono ancora oggetto di studio da parte dei  ricercatori ed economisti dell’Università canadese British Columbia e dell’Università britannica della East Anglia. Le valutazioni e le previsioni future sono state pubblicate sul  Canadian Journal of Fisheries and Aquatic Sciences (CJFAS).

Nello studio gli esperti hanno riscontrato in mare un volume di 4,9 milioni di barili di petrolio,  pari a 780 milioni di litri, uno dei più gravi incidenti petroliferi verificatosi in acque americane.

I danni più importanti hanno interessato le attività dei pescatori, la maricoltura e le attività industriali  legate alla produzione ittica. Più difficile è  invece quantificare gli effetti negativi non direttamente congiunti al settore ittico, come i probabili pericoli per la salute umana e quelli sociali. Inoltre,  le ripercussioni di breve e lungo periodo  sull’ambiente sono ancora più ardue da stimare. L’incidente ha avuto un forte impatto sugli ecosistemi marino-pelagici, compresi quelli bentonici, sugli ecosistemi marino-costieri e sulla biodiversità. Anche gli anfibi e gli uccelli marini hanno risentito di tale disastro, la cui vita dipende  direttamente o indirettamente  dalla stabilità del sistema ambientale del Golfo del Messico.

Considerando l’ampiezza complessiva dei danni causati da questo episodio, potrà essere possibile constatare l’entità  delle conseguenze effettive solo fra molti anni.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr