Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Proposta di risoluzione su mais GM NK603 x T25 resistente al glifosato

Nel corso della riunione del 1° dicembre, la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (COMENVI) del Parlamento europeo ha adottato, con [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su google+
Firma la world petition!
Scarica il modulo per la raccolta firme #pizzaUnesco
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Fertilizzare gli oceani non aiuta il clima

2 febbraio 2011 16:57

Secondo uno studio internazionale, pubblicato dalle Nazioni Unite, l’idea di fertilizzare gli oceani non ha molte possibilità di successo. La proposta avanzata qualche tempo fa da un gruppo internazionale di scienziati, prevede di rilasciare ferro nelle profondità marine, una delle principali sostanze nutritive del fitoplancton, piccole alghe fotosintetiche in grado di catturare CO2. Secondo alcuni ricercatori, infatti, l‘aumento del ferro porterebbe portare al proliferare del plancton e quindi ha una maggior assorbimento di anidride carbonica.

Uno studio realizzato da un team di ricercatori di sette diversi Paesi della Intergovernmental Oceanographic Commission dell’Unesco chiarisce i dubbi sull’esperimento e sostiene che non solo sarà molto difficile misurarne l’efficacia, ma che potrebbe avere un effetto del tutto limitato. Inoltre, è impossibile quantificare quanta Co2 viene effettivamente assorbita e solo il 15 % raggiunge il fondo marino e viene definitivamente sepolta sotto di sedimenti.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr