Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Animal Geographies/Animal Spaces

Come cambiano i rapporti fra esseri umani e animali nello spazio urbano e nello spazio rurale? Quali sono le conseguenze geografiche delle nostre scelte alimentari? [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
#pizzaUnesco
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Gli abissi marini catturano Co2

20 gennaio 2011 11:07

La Fossa delle Marianne, nota anche come abisso ‘Challenger‘, la zona più profonda dell’Oceano Pacifico, svolge un ruolo chiave nell’assorbimento del carbonio e nella regolazione del clima.

Solo due esploratori finora erano stati in grado di esplorare questa profondità, ma un nuovo sottomarino, senza pilota, equipaggiato con le più moderne tecnologie, è riuscito a ottenere dati importanti su questa zona sconosciuta dell’Oceano. A guidarlo un team di ricercatori dell’Istituto di microbiologia marina Max Planck di Brema (Germania), l’Agenzia per il Giappone per la scienza marina e terrestre (JAMSTEC) e l’Università di Copenhagen (Danimarca), che attraverso il sommergibile è riuscito a raggiungere i 10.900 metri di profondità per monitorare la quantità di carbonio immagazzinata.

Sebbene la fossa riesca a coprire solo il 2% della superficie dell’Oceano, si pensa possa essere fondamentale nell’accumulare carbonio, perché agisce come una sorta di trappola, e nel fondo riesce a catturare più materiale organico che in altre parti dell’Oceano, come hanno dimostrato i primi esperimenti.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr