Sostieni Obiettivo Terra
Obiettivo Terra 2014
Get the Flash Player to see the slideshow.
seguici su
fondazioneuniverde su
seguici su google+
Mediterraneo da remare
Green Pride

Come salvare i nostri oceani dai rifiuti?

Slat Boyant, un giovane olandese, fondatore di Ocean Cleanup Foundation, ha presentato un nuovo dispositivo tecnologico ed efficace che consente di pulire e riciclare circa [...] [leggi tutto]

Climate change, l'Italia sarà in grado di adattarsi?

Mentre l’Italia é impegnata a seguire il dibattito sulla riforma del Senato, il resto del mondo si concentra  sui dati diffusi dall’IPCC sui cambiamenti climatici, e [...] [leggi tutto]

A giugno in Italia il picco delle rinnovabili

16 giugno 2013: ricordatevi questa data. Perché quel giorno, per la prima volta e per un paio d’ore, tra le 14 e le 15, in [...] [leggi tutto]

Task Force Per un'Italia libera da Ogm

Sabato 5 aprile ci sarà una prima mobilitazione nazionale della Task Force: “Per un’Italia libera da Ogm”, promossa da una coalizione di 39 associazioni tra [...] [leggi tutto]
login

Registrati

L’Italia non spenga il sole
Firma la petizione #salvArte
#salvArte
archivio

I coralli sono distrutti. L’uomo perde un ecosistema unico

9 luglio 2012 10:26

«Sollecitiamo i Governi a garantire un futuro alle barriere coralline attraverso azioni globali per ridurre le emissioni di Co2 e di altre sostanze inquinanti, e migliorare la protezione anche a livello locale». Questo l’appello lanciato dagli scienziati durante l’apertura del XII Simposio internazionale sui reef coralli partito oggi in Australia.

Più di 2.500 scienziati sono concordi nell’adottare misure urgenti per affrontare i danni causati agli ecosistemi corallini, di tutto il mondo, dall’aumento delle temperature e dall’acidificazione dell’oceano, dalla pesca eccessiva e dall’inquinamento.

Esperti provenienti da 80 Paesi tra i quali Spagna; Argentina; Brasile; Cile; Colombia; Panama; Portogallo e Venezuela si sono dati appuntamento in Australia dove la Grande Barriera Corallina, costituita da 3000 piccoli coralli e da più di 900 atolli, a largo di 2.600 chilometri, richiede una protezione urgente.

Anche in Panama questo grande patrimonio è a rischio. In 2.500 anni i coralli del Pacifico Orientale non sono cresciuti e hanno subito un grave collasso a causa di un cambiamento climatico, iniziato 4000 anni fa, legato al Niño (El Niño-Oscillazione Meridionale, conosciuto anche come ENSO). Questo fenomeno ha influenzato lo sviluppo delle barriere coralline tropicali. Uno studio pubblicato su Science ne ha ricostruito la storia degli ultimi 6.000 anni, confermando un crollo dell’ecosistema di Panama causato da variazioni improvvise dell’ENSO.

I cambiamenti climatici in atto potrebbero distruggere le barriere in modo definitivo. Questa volta, però, la causa principale sarà l’azione dell’uomo sull’ambiente, in particolare l’inquinamento e la pesca eccessiva che rappresentano le minacce più gravi per la vita di questa immensa biodiversità.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr