Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Valutazione degli impatti e dei rischi per gli scarichi dei dissalatori. Fondazione UniVerde e Marevivo: “Colmare vuoto legislativo per tutelare le Aree Marine Protette e gli habitat marini”.

Il Sottosegretario al Ministero dell’Ambiente, Salvatore Micillo, e la Presidente del Gruppo Misto al Senato, Loredana De Petris, sottoscrivono il “decalogo” che definisce criticità tecniche [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

BLUE ECONOMY: UNA SFIDA GLOBALE. DIRITTO ALL'ACQUA, TUTELA DELLE RISORSE IDRICHE E DIFESA DEGLI ECOSISTEMI MARINI

Si svolge a Roma, mercoledì 28 novembre 2018, alla Sala Aurora del Consiglio Nazionale Forense (Via del Governo Vecchio, 3), l’appuntamento dedicato a “Blue Economy: [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
Rassegna stampa Concorso fotografico “Obiettivo Terra” 2018
Firma la petizione #OperaUnesco!

#pizzaUnesco
#pizzaUnesco: la Vittoria! L’Arte del Pizzaiuolo Napoletano è Patrimonio dell’Umanità IV ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

I tessuti acrilici e in poliestere inquinano gli oceani

25 ottobre 2011 19:19

Secondo i risultati di uno studio realizzato da un gruppo di scienziati irlandesi, britannici e australiani, pubblicato sul Journal of Enviromental  Science & Technology, fare la lavatrice, un gesto di ordinaria vita domestica, causa l’inquinamento degli oceani e compromette la nostra salute.

I ricercatori, esaminando le spiagge di diverse aree costiere a livello internazionale, hanno rilevato un accumulo di microscopiche molecole di plastica inferiori al millimetro, concentrate in maggior parte nelle zone più densamente popolate.
Analizzando la composizione chimica di queste microparticelle si è scoperto che la causa di questo tipo di inquinamento è il lavaggio in lavatrice di capi d’abbigliamento usati abitualmente dalla popolazione.
Le nostre acque vengono, dunque, inquinate da fibre di tessuti acrilici e in poliestere provenienti dal lavaggio degli indumenti sintetici che, essendo microscopici, riescono ad attraversare i filtri degli impianti di depurazione giungendo direttamente nei nostri mari e negli oceani.
La ricerca dimostra che un singolo indumento lavato in lavatrice può generare e liberare circa 1900 microfibre, composte da poliesteri e materiale acrilico che si dividono in altre microparticelle.

L’inquinamento, però, non riguarda esclusivamente i mari e gli oceani, ma interessa anche gli abitanti di queste zone che, con molta probabilità, integreranno le particelle di plastica nella loro alimentazione. Tale processo si ripercuoterà sull’intera catena alimentare, minacciando in questo modo la salute della popolazione.

Come si potrebbe contrastare tale fenomeno?

Gli scienziati sostengono che si potrebbe limitare questo inquinamento provvedendo all’inserimento di sistemi di filtraggio, in grado di impedire il passaggio di queste particelle nelle acque di scarico, e adattando i filtri dell’impianto di depurazione delle acque reflue con impianti adeguati allo smaltimento delle particelle in sospensione.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr