Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Animal Geographies/Animal Spaces

Come cambiano i rapporti fra esseri umani e animali nello spazio urbano e nello spazio rurale? Quali sono le conseguenze geografiche delle nostre scelte alimentari? [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
#pizzaUnesco
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

L’Italia perde il 66% delle zone umide

1 febbraio 2012 11:29

Domani è la Giornata mondiale delle zone umide, gli ecosistemi più a rischio del Pianeta e al contempo eccezionali ambienti ricchi di biodiversità.
Le zone umide sono bacini naturali e artificiali permanenti o temporanei, con acqua stagnante o corrente, dolce, salmastra o salata, incluse le aree marine la cui profondità non supera i sei metri durante la bassa marea.

La giornata dedicata alle zone umide è un’ importante occasione finalizzata alla conoscenza, alla valorizzazione e in particolar modo alla tutela di questi straordinari ecosistemi.

Il primo trattato internazionale che garantì la conservazione delle risorse naturali fu la Convenzione Ramsar, stipulata nel 1971 nella cittadina iraniana di Ramsar. La convenzione ha un’importanza internazionale soprattutto per gli habitat degli uccelli acquatici come il fenicottero (Phoenicopterus), il cormorano (Phalacrocorax carbo) le anatre e di diversi uccelli trampolieri.

Il 90% delle aree umide sono sparite nell’ultimo secolo. Secondo la Commissione europea, fra il 1950 e il 1985, le perdite maggiori si sono verificate in Francia (67%), in Italia (66%), in Grecia (63%), in Germania (57%) e Olanda (55%).
In Italia ci sono 52 siti Ramsar. Dei circa 3 milioni di ettari originari, all’inizio del ventesimo secolo ne rimanevano 1.300.000 ettari, fino a precipitare ai 300mila ettari nel 1991. Oggi ne restano lo 0,2%, tra aree interne e marittime.

L’esigenza della tutela di queste zone umide è importante soprattutto perché sono una preziosa riserva idrica, producono il 24% del cibo del Pianeta e permettono la vita di molte specie animali e vegetali.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr