Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

#BlueKayakDay #MediterraneoDaRemare2018: il 15 agosto tutti in canoa e kayak per #NoPlastic

Il 15 agosto 2018 è il #BlueKayakDay, evento della Federazione Italiana Canoa Kayak a sostegno di “Mediterraneo da remare” 2018, la campagna nazionale promossa dalla Fondazione [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Animal Geographies/Animal Spaces

Come cambiano i rapporti fra esseri umani e animali nello spazio urbano e nello spazio rurale? Quali sono le conseguenze geografiche delle nostre scelte alimentari? [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
Firma la petizione #OperaUnesco!

#pizzaUnesco
#pizzaUnesco: la Vittoria! L’Arte del Pizzaiuolo Napoletano è Patrimonio dell’Umanità IV ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Una colonia segreta per le foche monache

13 gennaio 2011 21:30

Un gruppo di rare foche monache (Monachus monachus) del Mediterraneo ha trovato rifugio in un colonia di in una piccola isola della Grecia. A scoprirle un gruppo di ricercatori che per difenderle ha deciso di mantenere segreto il luogo esatto in cui si trovano. Si tratta,infatti, di una delle specie più minacciate, e uno dei mammiferi marini maggiormente in pericolo d’estinzione, di cui sono rimasti circa 600 esemplari.

Il luogo è anche l’unico posto in cui le foche si sdraiano sulle spiagge in libertà. Generalmente, invece, tendono a nascondersi nelle insenature delle coste dove vivono e si riproducono, lontane dagli uomini.

Gli scienziati da oltre 20 anni monitorano e studiano questi mammiferi, ma il compito è reso sempre più difficile perché questi animali tendono a sfuggire in luoghi del tutto invisibili. L’attività umana, infatti, ha provocato un forte impatto sulla loro riproduzione. Le foche madri per partorire si nascondono in grotte, e solo pochi cuccioli alla fine riescono a sopravvivere alle mareggiate.

Nella colonia, invece, il numero di foche che è stato scoperto è uno dei più alti in tutta l’area Mediterranea, e gli animali vengono seguiti a distanza attraverso l’uso di telecamere. Questo però non servirà a proteggerle. Sarebbe necessario rendere l’area una riserva marina protetta, sicura per la vita delle foche.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr