Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

#BlueKayakDay #MediterraneoDaRemare2018: il 15 agosto tutti in canoa e kayak per #NoPlastic

Il 15 agosto 2018 è il #BlueKayakDay, evento della Federazione Italiana Canoa Kayak a sostegno di “Mediterraneo da remare” 2018, la campagna nazionale promossa dalla Fondazione [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Presentato XVI Rapporto “Gli italiani, il solare e la green economy”. Focus su “Storage, recycling & smart cities”

È stato presentato oggi, martedì 30 ottobre 2018, il XVI Rapporto “Gli italiani, il solare e la green economy” realizzato da Osservatorio sul solare della Fondazione [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
Rassegna stampa Concorso fotografico “Obiettivo Terra” 2018
Firma la petizione #OperaUnesco!

#pizzaUnesco
#pizzaUnesco: la Vittoria! L’Arte del Pizzaiuolo Napoletano è Patrimonio dell’Umanità IV ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Doha: un fallimento scandaloso

10 dicembre 2012 15:24

La proroga fino al 2020 del protocollo di Kyoto, ma con la defezione di Russia, Canada e Giappone (quindi ancora più indebolito) non può nascondere il fallimento scandaloso della Cop 18, ovvero la Conferenza delle Parti di Doha.

Sono anni ormai che questi vertici annuali si sono trasformati in un rituale delle occasioni mancate.

Ciò che rende ogni anno più gravi questi fallimenti sono le conferme che nel frattempo la natura ci sta dando sulle conseguenze dei cambiamenti climatici.

Siccità, alluvioni, fenomeni climatici estremi divenuti non più eccezionali sono la conferma che gli allarmi degli scienziati e degli ambientalisti non erano inventati.

E purtroppo l’Italia e l’Europa non giocano più un ruolo da protagonisti.

Certo abbiamo salvato il protocollo di Kyoto, ma vincola solo l’Unione Europea e pochi altri.

Tutto questo avviene mentre le opinioni pubbliche, nonostante la crisi, sono comunque più sensibili ai temi ambientali e perfino molti settori economici, per convinzione vera, per necessità o per semplice marketing sembrano virare sempre più verso scelte green.

Questo significa che sempre più dovremmo investire sulla società civilesulle realtà territoriali e sui settori economici più innovativi e progressisti per ottenere dal basso la svolta green che le istituzioni nazionali, e purtroppo anche internazionali, sanno delineare in teoria e nei programmi, ma su cui non riescono a dotarsi di strumenti e trattati vincolanti .

Solo una mobilitazione delle coscienze ed azioni concrete potranno smuovere anche le istituzioni più sclerotizzate ed ottenere anche quei finanziamenti necessari perché il Sud del Mondo possa svilupparsi in modo sostenibile.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr