Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

BLUE ECONOMY: UNA SFIDA GLOBALE. Isole Minori e dissalatori: opportunità e rischi.

(ROMA, 27 novembre 2018) Si è svolto oggi, alla Sala ISMA del Senato della Repubblica, il convegno “Blue economy: una sfida globale. Isole Minori e [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

BLUE ECONOMY: UNA SFIDA GLOBALE. DIRITTO ALL'ACQUA, TUTELA DELLE RISORSE IDRICHE E DIFESA DEGLI ECOSISTEMI MARINI

Si svolge a Roma, mercoledì 28 novembre 2018, alla Sala Aurora del Consiglio Nazionale Forense (Via del Governo Vecchio, 3), l’appuntamento dedicato a “Blue Economy: [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
Rassegna stampa Concorso fotografico “Obiettivo Terra” 2018
Firma la petizione #OperaUnesco!

#pizzaUnesco
#pizzaUnesco: la Vittoria! L’Arte del Pizzaiuolo Napoletano è Patrimonio dell’Umanità IV ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Il buco dell’ozono raggiunge l’Artico

4 ottobre 2011 14:12

La perdita dell’ozono sopra l’Artico è così grave che per la prima volta si parla di “buco dell’ozono” così come l’hanno definito un gruppo di scienziati che hanno pubblicato un nuovo studio sulla rivista Nature. Una perdita che secondo i ricercatori del California Institute of Technology (Caltech) quest’anno è paragonabile a quella verificatasi sopra l’Antartide. Un fenomeno, osservato grazie ai satelliti della Nasa: l’Aura e Calipso, che per la prima volta coinvolge anche il Nord del Pianeta.

A circa 20 chilometri al di sopra dell’Artico, in un solo anno, l’80 per cento di ozono si è distrutto, secondo i dati raccolti dagli scienziati. La causa è da attribuirsi alla presenza del tutto insolita di una corrente fredda a grandi quote e a una maggiore quantità di gas che riduce l’ozono nell’area. Il periodo di basse temperature quest’anno, a determinate latitudini, è durato trenta giorni in più rispetto a qualsiasi altro inverno artico, attivando processi chimici che trasformano il cloro in sostanze dannose che danneggiano questa forma di ossigeno che si accumula naturalmente nella stratosfera (dai 15 ai 35 chilometri al di sopra della superficie terrestre) e che protegge la vita degli esseri viventi dai raggi ultravioletti del sole.

I composti clorurati (vietati dal Protocollo di Montreal del 1989, la cui azione però persiste per anni) prodotti dall’uomo, inoltre, contribuiscono alla distruzione di questo gas e sono molto più attivi in climi freddi. In genere questo fenomeno si registra in primavera sulle due regioni polari, anche se nell’Artico (Polo Nord) è meno grave che in Antartide (Polo Sud).

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr