Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Parte l’8 edizione della campagna nazionale “Mediterraneo da remare” con focus “No plastic”

(ROMA, 28 giugno 2018) È stata presentata questa mattina, dalla sede galleggiante di Marevivo, l’8a edizione di “Mediterraneo da remare”, la campagna nazionale di sensibilizzazione alla tutela [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Animal Geographies/Animal Spaces

Come cambiano i rapporti fra esseri umani e animali nello spazio urbano e nello spazio rurale? Quali sono le conseguenze geografiche delle nostre scelte alimentari? [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
Firma la petizione #OperaUnesco!

#pizzaUnesco
#pizzaUnesco: la Vittoria! L’Arte del Pizzaiuolo Napoletano è Patrimonio dell’Umanità IV ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Pianeta più caldo del 29 per cento

27 novembre 2011 21:22

L’Organizzazione metereologica mondiale (Omm) ha dichiarato, dopo l’analisi degli ultimi dati disponibili, che tra il 1990 e il 2010 il riscaldamento climatico provocato dai gas serra è aumentato del 29%.

I dati hanno superato le previsioni più negative raggiungendo livelli record e, come afferma l’Organizzazione mondiale per la meteorologia, la quantità di anidride carbonica, metano e protossido di azoto nell’atmosfera oggi è la maggiore mai registrata dai tempi della terza rivoluzione industriale.

Nonostante le notizie siano più che allarmanti, non ci sono segni di una possibile diminuzione dei gas serra nonostante la comunità internazionale è ben cosciente dell’urgente utilizzo di fonti alternative. L’anidride carbonica è responsabile di circa l’80% di questo forte aumento del cambiamento climatico “È il gas serra di origine umana più importante – dichiara l’Omm in una nota – e contribuisce per circa il 64% all’aumento del forcing radiativo (ovvero l’energia che ritorna sulla superficie terrestre a causa dei gas serra) globale dovuto all’insieme delle emissioni di gas serra persistenti”.

Il riscaldamento globale del Pianeta porterà a periodi di siccità, inondazioni tempeste e ondate di calore sempre più frequenti. Anche se tali emissioni venissero bloccate adesso l’equilibrio climatico e la vita del pianeta ne risentirebbero per decenni.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr