Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

AREE MARINE PROTETTE ED ECOSISTEMI MARINI: PATRIMONI DA TUTELARE. VALUTAZIONE D'IMPATTO AMBIENTALE E SANITARIO PER I DISSALATORI E QUALITÀ DELLE ACQUE.

Fondazione UniVerde e Marevivo, in collaborazione con Idroambiente, promuovono a Roma nella giornata di Martedì 26 febbraio 2019, ore 14:30, alla Sala dell’Istituto di Santa [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

BLUE ECONOMY: UNA SFIDA GLOBALE. DIRITTO ALL'ACQUA, TUTELA DELLE RISORSE IDRICHE E DIFESA DEGLI ECOSISTEMI MARINI

Si svolge a Roma, mercoledì 28 novembre 2018, alla Sala Aurora del Consiglio Nazionale Forense (Via del Governo Vecchio, 3), l’appuntamento dedicato a “Blue Economy: [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
Rassegna stampa Concorso fotografico “Obiettivo Terra” 2018
Firma la petizione #OperaUnesco!

#pizzaUnesco
#pizzaUnesco: la Vittoria! L’Arte del Pizzaiuolo Napoletano è Patrimonio dell’Umanità IV ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

LAZIO. Malagrotta, sigilli al gassificatore

1 dicembre 2008 09:57

All’impianto romano mancavano la certificazione di prevenzione incendi e altri requisiti di legge. Prima della data fissata per l’inaugurazione l’impianto era già in funzione. I carabinieri del Noe, su ordine della Procura di Roma, hanno sottoposto a sequestro preventivo il gassificatore di Malagrotta, risultato privo della certificazione di prevenzione incendi e di altri requisiti di legge. Inadempienze riferite dai carabinieri al procuratore della Repubblica di Roma e ai titolari del procedimento penale che hanno chiesto, in via d’urgenza, al Gip il sequestro preventivo. 
L’impianto servirà a bruciare in loco parte dei rifiuti urbani sotto la forma di cdr (combustibile da rifiuti). Il GIP ha ritenuto indubbio ed estremamente inquietante il periculum in mora desumibile dalla natura dell’attività svolta nell’impianto di gassificazione, dai materiali utilizzati per il processo di combustione e dalla presenza nelle immediate vicinanze di siti pericolosi, in particolare una raffineria ed un deposito di Gpl. Sussiste, infatti, fondato pericolo che la prosecuzione dell’esercizio dell’impianto e la libera disponibilità di cose pertinenti al reato possa agevolare o protrarre le conseguenze del reato, ovvero agevolare la commissione di altri reati, trattandosi di esercizio di impianto in totale carenza dei requisiti di legge. Il Gip ha peraltro autorizzato l’accesso e l’uso al solo fine di consentire il completamento dei lavori necessari alla messa in sicurezza, per poter così richiedere e ottenere il nulla osta dei Vigili del fuoco, necessario per l’attivazione dell’impianto.La discarica romana di Malagrotta era già finita sotto i riflettori, per la condanna inflitta dal giudice monocratico di Roma, Francesco Patrone, a Francesco Rando, responsabile della Giovi s.r.l per la gestione della discarica di Malagrotta. La pena è a un anno di reclusione, con 15mila euro di ammenda e il risarcimento dei danni morali e patrimoniali da liquidarsi in sede civile a favore di alcune delle parti lese costituitesi al processo. Motivo della condanna, lo smaltimento senza alcuna autorizzazione di rifiuti pericolosi derivanti dal trattamento chimico-fisico del percolato e dei fanghi conferiti dall’Acea nell’ottobre 2004, in violazione dei decreti legislativi 22/97 e 36/2003. Inoltre Rando è accusato di aver violato, nel maggio 2005, le procedure di ammissione in discarica di rifiuti speciali senza che vi fosse la documentazione e senza alcuna verifica degli stessi rifiuti, di cui lo stesso sarebbe anche stato produttore.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr