Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Parte l’8 edizione della campagna nazionale “Mediterraneo da remare” con focus “No plastic”

(ROMA, 28 giugno 2018) È stata presentata questa mattina, dalla sede galleggiante di Marevivo, l’8a edizione di “Mediterraneo da remare”, la campagna nazionale di sensibilizzazione alla tutela [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Animal Geographies/Animal Spaces

Come cambiano i rapporti fra esseri umani e animali nello spazio urbano e nello spazio rurale? Quali sono le conseguenze geografiche delle nostre scelte alimentari? [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
Firma la petizione #OperaUnesco!

#pizzaUnesco
#pizzaUnesco: la Vittoria! L’Arte del Pizzaiuolo Napoletano è Patrimonio dell’Umanità IV ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Le piogge condizionano i venti

18 febbraio 2012 22:18

Le piogge diminuiscono la velocità del vento perchè spazzano via dall’atmosfera una quantità importante di energia cinetica contenuta nelle correnti aeree. A causa del riscaldamento climatico del nostro Pianeta le precipitazioni tenderanno ad aumentare e, di conseguenza,  la velocità media del vento subirà un calo.

Lo studio è stato condotto da un ricercatore dellUniversità di New York e da una ricercatrice della NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration) ed è stato pubblicato sulla rivista Science.Gli studiosi si sono serviti dei dati delle precipitazioni ottenuti dalle misure radar realizzate dal satellite meteorologico della NASA adibito al programma di osservazioni TRMM (Tropical Rainfall Measurement Mission).

I dati raccolti sono stati successivamente analizzati per calcolare la dissipazione di energia cinetica provocata dalla pioggia nell’area intertropicale e in quelle subtropicali dell’emisfero Nord e dell’emisfero Sud. Per valutare la dissipazione di energia cinetica si è fatto riferimento all’attrito e alla micro-turbolenza atmosferica generata dalle gocce di pioggia quando passano attraverso l’atmosfera fino a posarsi sul suolo.  I valori finali rilevati sono  di piccola entità rispetto ai flussi energetici complessivi esistenti in atmosfera, ma piuttosto significativi se si considerano solo i flussi di energia cinetica.

L’energia cinetica si origina da squilibri di pressione generati a loro volta da differenza di temperature tra le zone più calde equatoriali e quelle più fredde polari. A causa del riscaldamento climatico la temperatura aumenterà di più ai poli che all’equatore diminuendo così lo squilibrio barico che è la causa della forza del vento.
A tali risultati sono pervenuti  gli studiosi dell’ ENEA in Italia.
La riduzione della ventosità è  dovuta quindi sia a una minore produzione di energia cinetica globale, sia alla maggior frequenza  delle precipitazioni. Ciò potrebbe avere effetti negativi per l’utilizzo degli impianti eolici.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr