Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

#BlueKayakDay #MediterraneoDaRemare2018: il 15 agosto tutti in canoa e kayak per #NoPlastic

Il 15 agosto 2018 è il #BlueKayakDay, evento della Federazione Italiana Canoa Kayak a sostegno di “Mediterraneo da remare” 2018, la campagna nazionale promossa dalla Fondazione [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Animal Geographies/Animal Spaces

Come cambiano i rapporti fra esseri umani e animali nello spazio urbano e nello spazio rurale? Quali sono le conseguenze geografiche delle nostre scelte alimentari? [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
Firma la petizione #OperaUnesco!

#pizzaUnesco
#pizzaUnesco: la Vittoria! L’Arte del Pizzaiuolo Napoletano è Patrimonio dell’Umanità IV ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Una rete globale per calcolare la Co2

31 gennaio 2011 14:32

Per analizzare le emissioni di Co2 di ciascun Paese, un’azienda statunitense: Earth Networks nei prossimi 5 anni investirà 25 milioni di dollari nell’installazione di 100 rilevatori di ultima tecnologia, utili a calcolare il biossido di carbonio. L’obiettivo è creare una grande rete globale di monitoraggio. 50 centraline saranno situate negli Stati Uniti, altre 25 in Europa e nel resto del mondo.

I ricercatori stanno valutando le zone migliori dove collocarle, in base alla posizione geografica.

Questa rete su larga scala consentirà di avere informazioni dettagliate sulle emissioni a livello mondiale di tutti i Paesi, anche di quelli che non parteciperanno al progetto, come la Cina perchè basterà fissare i sensori in Giappone, in Corea o nel sud-est Asiatico per ottenere informazioni anche sul territorio cinese. Questa nuova tecnologia, infatti, utilizza le misurazioni dei livelli di gas e i modelli metereologici per rintraccaiare la prvenienza delle sostanze inquinanti.

Anche la comunità scientifica ha accolto in modo favorevole questa nuova missione, e i dati saranno del tutto trasparenti e utili ai fini di ricerche e studi sul clima.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr