Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Animal Geographies/Animal Spaces

Come cambiano i rapporti fra esseri umani e animali nello spazio urbano e nello spazio rurale? Quali sono le conseguenze geografiche delle nostre scelte alimentari? [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
#pizzaUnesco
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

A Sud del Pacifico tre atolli completamente rinnovabili

6 aprile 2013 16:15

Tokelau, territorio della Nuova Zelanda, tra i Paesi più remoti e piccoli del mondo, è diventato al cento per cento rinnovabile grazie ai pannelli fotovoltaici. Il sistema solare ha sostituito del tutto il diesel inquinante e costoso.

Il Paese, a Sud dell’Oceano Pacifico, è costituito da tre atolli (Atafu, Fakaofo e Nukunonu) con una superficie di dieci chilometri quadrati, a Nord delle isole di Samoa, raggiungibile solo in barca. Per soddisfare il suo fabbisogno energetico, gli abitanti si affidavano a generatori diesel, una soluzione costosa (ogni giorno circa 200 litri di combustibili fossili che dovevano essere trasportati via nave), altamente inquinante, con un’offerta di corrente poco affidabile che non garantiva una fornitura di 24 ore (in genere solo per 15-18 ore al giorno). In breve tempo, però, Tokelau è diventato uno dei primi Paesi al mondo ad essere alimentato esclusivamente dal fotovoltaico con 4.032 moduli che dalla fine del 2012 forniscono energia in modo affidale per l’intera giornata.

L’intero impianto, con una potenza di 1MW, è tra i più grandi installati  e riesce a generare più energia di quella di cui necessitano i 1.411 abitanti.

Grazie all’uso dei pannelli fotovoltaici, come sostenuto dal Ministero degli Affari esteri e del Commercio che fa finanziato il progetto, i tre atolli hanno difeso il territorio dai possibili rischi legati ai cambiamenti climatici, soprattutto quelli relativi all’innalzamento del mare, dimostrando come la transizione alle fonti di energia rinnovabile è possibile e renda completamente indipendenti dalle fonti fossili.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr