Concorso Obiettivo Terra 2015
Sostieni Obiettivo Terra
Obiettivo Terra 2014
Get the Flash Player to see the slideshow.
seguici su
fondazioneuniverde su
seguici su google+
Mediterraneo da remare

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Climate change, l'Italia sarà in grado di adattarsi?

Mentre l’Italia é impegnata a seguire il dibattito sulla riforma del Senato, il resto del mondo si concentra  sui dati diffusi dall’IPCC sui cambiamenti climatici, e [...] [leggi tutto]

Rinnovabili: le aziende che rischiano e ce la fanno nonostante la crisi

In seguito alla pubblicazione dei dati del XII rapporto: “Gli italiani e il solare”, abbiamo ricevuto questa interessante testimonianza che abbiamo deciso di pubblicare. ITALIA. [...] [leggi tutto]

La pizza patrimonio dell'Umanità

La pizza, piatto tipico della cucina italiana, o meglio napoletana, ha in sé il potere e l’armonia dei quattro elementi naturali citati su questo sito. [...] [leggi tutto]
login

Registrati

Scarica il modulo per la raccolta firme #pizzaUnesco
Firma la petizione!

L’arte della pizza patrimonio Unesco
Get the Flash Player to see the slideshow.
Green Pride
L’Italia non spenga il sole
archivio

Dal sole energia per tutta Europa

30 luglio 2008 04:50

L’annuncio dato da Arnulf Jaeger-Walden, componente della European Commission’s Institute for Energy, al recente Euroscience Open Forum di Barcellona è di quelli che possono cambiare il mondo: con una mega-installazione di pannelli solari nel Sahara che catturi lo 0.3 % dell’energia termica proveniente dalla nostra stella, si potrebbe far fronte all’intero fabbisogno energetico europeo.

L’idea, di per sé originale è, nella sua apparente semplicità, estremamente geniale: nel Sahara il sole, quando non ci sono tempeste di sabbia è praticamente sempre presente e con un’intensità di molto superiore a quella delle nostre latitudini.

Il progetto prevede la creazione di un’installazione di ampie dimensioni (pari circa alla superficie del Galles) che, mediante distese di pannelli solari, produca energia elettrica sotto forma di corrente continua e di una rete di distribuzione la porti al Vecchio Continente.

Quest’ultima è più facilmente trasportabile anche a grandi distanze rispetto alla corrente alternata attualmente trasferita via elettrodotti grazie al fatto che la perdita dovuta al trasferimento è assai minore.

La griglia necessaria permetterebbe di unire il cuore del Sahara con tutta l’Europa, fornendo energia a costi più contenuti degli attuali e con un basso impatto sull’ambiente.

Jeager-Walden ha già ricevuto il plauso del Presidente francese Nicholas Sarkozy e del Primo Ministro Britannico Gordon Brown.

I maggiori costi da affrontare riguardano,oltre alla realizzazione dell’installazione, la ristrutturazione della rete elettrica di paesi come Italia, Spagna, Grecia e Turchia, i link tra Africa ed Europa, che secondo Jaeger-Walden sarebbero al momento inadeguate.

L’impianto, in grado di generare una potenza compresa tra i 50 ed i 200 Megawatt, avrebbe un costo di 45-50 miliardi di Euro, grazie alla maggiore resa (fino a 3 volte) dei pannelli solari nel Sahara rispetto all’Europa.

La realizzazione dell’installazione in ogni caso, avrebbe dei costi paragonabili a quelli che l’Agenzia Internazionale per l’Energia ha previsto sia necessario comunque investire nei prossimi 30 anni.

Se la gigantesca centrale solare divenisse realtà, si potrebbero sovvertire gerarchie in ambito politico ed economico nell’intero pianeta, dal momento che affluirebbe ricchezza nei disagiati paesi africani, con conseguente parziale eliminazione dal giogo del petrolio.

Tutto questo ovviamente in aggiunta al fatto che l’energia prodotta sarebbe realmente pulita e rinnovabile e l’unica fonte di inquinamento sarebbe data dai pannelli solari esausti che andrebbero smaltiti.

Lo scienziato europeo ha previsto che se il progetto divenisse realtà a breve, già entro il 2050 si potrebbero vederne tangibili benefici.

Fonte

Fonte

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr