Mediterraneo da remare
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Sostieni Obiettivo Terra
Scarica gratis il libro in PDF!
Obiettivo Terra 2015
Get the Flash Player to see the slideshow.
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Climate change, l'Italia sarà in grado di adattarsi?

Mentre l’Italia é impegnata a seguire il dibattito sulla riforma del Senato, il resto del mondo si concentra  sui dati diffusi dall’IPCC sui cambiamenti climatici, e [...] [leggi tutto]

Rinnovabili: le aziende che rischiano e ce la fanno nonostante la crisi

In seguito alla pubblicazione dei dati del XII rapporto: “Gli italiani e il solare”, abbiamo ricevuto questa interessante testimonianza che abbiamo deciso di pubblicare. ITALIA. [...] [leggi tutto]

Proposta di risoluzione su mais GM NK603 x T25 resistente al glifosato

Nel corso della riunione del 1° dicembre, la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (COMENVI) del Parlamento europeo ha adottato, con [...] [leggi tutto]
login

Registrati

Osservatorio Europa
Firma la world petition!
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO
Scarica il modulo per la raccolta firme #pizzaUnesco
L’Italia non spenga il sole
seguici su
fondazioneuniverde su
seguici su google+
archivio

Dall’Unione Europea all’Italia si spinge sull’acceleratore della Green Economy

26 gennaio 2016 11:55

Avv. Maurizia Venezia*

Parallelamente all’approvazione da parte del Parlamento italiano in via definitiva del cd “Collegato ambientale” che contiene misure per la green economy e il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali, anche dall’Unione Europea arriva una programmazione per il 2016 che mostra grande attenzione a tutti quegli studi, misure ed attività che coniughino sviluppo economico e sostenibilità ambientale.

Se infatti nella legislazione italiana viene introdotto per la prima volta il termine “Green Economy” con   disposizioni che riguardano la valutazione di impatto ambientale, la gestione dei rifiuti, la blue economy, la prevenzione del dissesto idrogeologico, gli appalti verdi, 35 milioni per la mobilità sostenibile e 1,8 milioni di euro per le Aree Marine Protette, oltre a un sostanzioso pacchetto di norme che puntano a favorire il riuso dei materiali, che darà impulso a un comparto industriale in costante crescita, in Europa,  sono stati pubblicati moltissimi bandi volti a valorizzare le risorse professionali ed imprenditoriali operanti nel settore.

Ecco la nostra selezione delle opportunità più interessanti:

Titolo: Italia-Parma: «raccolta e analisi di dati sui residui di pesticidi per polline e nettare». Numero: 2015- 253-462299 Procedura: aperta Ente appaltante: Autorità europea per la sicurezza alimentare,  Parma PR, ITALIA. Descrizione: L’obiettivo della pubblicazione della presente procedura d’appalto è quello di integrare le nuove prove disponibili nel regime di valutazione dei rischi in modo che sia più realistico. Gli incarichi previsti dal presente bando comprendono l’analisi di dati e la generazione di dati per coprire i dati mancanti nella relativa area. Importo: 70 000 EUR Scadenza: 15 febbraio 2016

Titolo: Germania-Colonia: fornitura di elettricità da fonti di energia rinnovabili per l’immobile Germania. Numero: 2015- 253-462300 Procedura: aperta Ente appaltante: Agenzia europea per la sicurezza aerea, Colonia, GERMANIA. Descrizione: Alimentazione elettrica, fornitura di elettricità da fonti di energia rinnovabili per la nuova sede dell’Agenzia nell’immobile «Neue Direktion Köln, NDK,», Germania. Dall’1.5.2016 al 31.12.2019. Scadenza: 12 febbraio 2016

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr