Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Animal Geographies/Animal Spaces

Come cambiano i rapporti fra esseri umani e animali nello spazio urbano e nello spazio rurale? Quali sono le conseguenze geografiche delle nostre scelte alimentari? [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
#pizzaUnesco
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Il primo circolo della green economy

15 novembre 2011 13:49

Oggi nasce qui nelle Marche il primo circolo della green economy. L’uscita dalla crisi economica e’ possibile solo con l’economia verde, come dimostra il boom del fotovoltaico passato da 50 a 12mila MW in 3 anni” lo afferma Alfonso Pecoraro Scanio ex ministro dell’ambiente e oggi Presidente della Fondazione UniVerde, che nella splendida cornice del fortino borbonico insieme all’economista di fama internazionale Jeremy Rifkin ha incontrato gli imprenditori regionali della green economy .

Secondo Rifkin: “Con le politiche di austerità questo paese non andrà da nessuna parte, Monti deve lavorare ora per la terza rivoluzione industriale, quella fondata sulla produzione diffusa delle rinnovabili e sulle reti intelligenti. Le Marche, ricche di media e piccola imprenditoria di qualità, sono un luogo ideale per  la trasformazione del sistema e il rilancio dell’economia”. “I Verdi – dichiara il consigliere regionale Adriano Cardogna presente all’incontro – presenteranno una mozione in tal senso all’assemblea regionale”. Si prevede già l’apertura dei prossimi circoli in Emilia Romagna, Umbria, Abruzzo, Lazio, Lombardia, Puglia e Sicilia.

All’incontro erano presenti esponenti dell’imprenditoria, delle professioni, dell’università e della società marchigiana sostenitori della green economy:

  • CLAUDIO VALENTINI – Ecoturismo e Museo dei Colori Narturali – Lamoli di Borgi Pace (PU)
  • BRUNO SEBASTIANELLI – Presidente Cooperativa Agricola Biologica “La Terra e il Cielo” – Arcevia (AN)
  • TEODORO BOLOGNI – Legacoop – Responsabile nazionale Silvicoltura
  • PAOLO ARGALIA – Amministratore Unico Consorzio Marche Verdi Società Cooperativa Agricola e Forestale – Ancona
  • ENRICO LOCCIONI – Presidente Gruppo Loccioni – Angeli di Rosora (AN)
  • LUCIANO BRANDONI – Presidente Brandoni Solare – Castelfidardo (AN)
  • RAFFAELE ZANOLI – Professore ordinario Università Politecnica delle Marche – Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell’Automazione  (DIIGA)
  • FILIPPO ZENOBI – Fattoria biologica e Agriturismo Abbazia S. Salvatore in Valdicastro – Fabriano (AN)
  • GIOVANNI CIMINI – Presidente Western Co – sistemi fotovoltaici – San Benedetto del Tronto (AP)
  • RENATO CIARROCCHI – Titolare Troiani&Ciarrocchi – Monteprandone (AP)
  • LUCA LUCIANI – Titolare Elettro Stella – Monsampolo del Tronto (AP)
  • ALDO ROSCIONI – Titolare Hotel Fortino Napoleonico

In basso è possibile scaricare il Comunicato stampa in PDF:

C.S. Primo forum green economy

Rassegna stampa

Green economy: il nobel Rifkin inaugura il primo circolo dell’economia verde in Italia

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr