Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Animal Geographies/Animal Spaces

Come cambiano i rapporti fra esseri umani e animali nello spazio urbano e nello spazio rurale? Quali sono le conseguenze geografiche delle nostre scelte alimentari? [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
Firma la petizione #OperaUnesco!

#pizzaUnesco
#pizzaUnesco: la Vittoria! L’Arte del Pizzaiuolo Napoletano è Patrimonio dell’Umanità IV ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Neapolitan pizza is art, la petizione a Londra

9 novembre 2014 20:30

La petizione per richiedere che l’arte della pizza sia inserita nella “Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell’umanità” dell’Unesco volerà a Londra il 14 Novembre nella pizzeria RossoPomodoro, Covent Garden, Monmouth st 50-52.

Proprio nella capitale multietnica inglese, dove è possibile trovare cibo proveniente da ogni angolo del Pianeta, il presidente della Fondazione UniVerde, Alfonso Pecoraro Scanio, già Ministro dell’Agricoltura e dell’Ambiente, rilancerà la raccolta firme per sbloccare la pratica, ancora in attesa di esame dal 2011, e formalizzare così la candidatura al Comitato Intergovernativo dell’Unesco.

«La petizione – sottolinea Alfonso Pecoraro Scanio –  è rivolta a tutti coloro che amano la specialità gastronomica più conosciuta e diffusa del pianeta, simbolo del paese Italia e dell’incontro culturale degli italiani nel mondo. Occorre perciò difendere l’origine italiana di quest’arte, la qualità degli ingredienti e l’economia legata alle sane tradizioni nate dalle sapienti mani dei pizzaiuoli napoletani. Il riconoscimento dell’arte della pizza quale patrimonio dell’umanità da parte dell’Unesco è un’occasione unica per difendere il Made in Italy dal moltiplicarsi delle contraffazioni alimentari».

All’evento, realizzato in partnership con Coldiretti, Associazione Pizzaiuoli napoletani e Change.org parteciperà anche Franco Manna, Presidente di Rossopomodoro e Leonardo Simonelli, Presidente della Camera di Commercio italiana a Londra.

Trai i sostenitori della petizione anche il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti che ha firmato la petizione in occasione della 14° edizione del Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione organizzato da Coldiretti a Villa d’Este di Cernobbio.

L’appuntamento è alle ore 18 locali. RSVP: info@rossopomodoro.co.uk

È ancora possibile firmare la petizione su Change.org #pizzaunesco qui: http://chn.ge/1y241Uv

In basso è possibile scaricare il materiale  in PDF:

Unesco pizza with bleeding.pdf

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr