Mediterraneo da remare
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Sostieni Obiettivo Terra
Scarica gratis il libro in PDF!
Obiettivo Terra 2015
Get the Flash Player to see the slideshow.
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Climate change, l'Italia sarà in grado di adattarsi?

Mentre l’Italia é impegnata a seguire il dibattito sulla riforma del Senato, il resto del mondo si concentra  sui dati diffusi dall’IPCC sui cambiamenti climatici, e [...] [leggi tutto]

Rinnovabili: le aziende che rischiano e ce la fanno nonostante la crisi

In seguito alla pubblicazione dei dati del XII rapporto: “Gli italiani e il solare”, abbiamo ricevuto questa interessante testimonianza che abbiamo deciso di pubblicare. ITALIA. [...] [leggi tutto]

Proposta di risoluzione su mais GM NK603 x T25 resistente al glifosato

Nel corso della riunione del 1° dicembre, la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (COMENVI) del Parlamento europeo ha adottato, con [...] [leggi tutto]
login

Registrati

Osservatorio Europa
Firma la world petition!
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO
Scarica il modulo per la raccolta firme #pizzaUnesco
L’Italia non spenga il sole
seguici su
fondazioneuniverde su
seguici su google+
archivio

PETIZIONE MONDIALE #PIZZAUNESCO

2 aprile 2015 14:03

Alfonso Pecoraro Scanio ha lanciato dal palco dello Smeraldo di Eataly Milano con Oscar Farinetti, patron di Eataly, e Franco Manna, presidente di Rossopomodoro, alla presenza del commissario di Expo, Giuseppe Sala, la petizione mondiale #pizzaUnesco partita sulla piattaforma Change.org (https://www.change.org/pizza) dove si continueranno a raccogliere firme durante i sei mesi di Expo fino al verdetto finale che ci sarà a Parigi. La petizione é rivolta alla direttrice dell’Unesco Irina Bukova e al Comitato Intergovernativo per la Salvaguardia del Patrimonio culturale immateriale Unesco.

Il 26 marzo 2015 la Commissione italiana per l’Unesco ha candidato l’arte dei Pizzaiuoli napoletani per l’iscrizione nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Oltre 300.000 cittadini e tra questi centinaia di personalità, realtà istituzionali, culturali e della società civile, in Italia e nel Mondo, hanno aderito alla petizione che chiedeva questa candidatura.

Iscrivere quest’Arte nella Lista Rappresentativa significa riconoscere il valore di una tradizione sostenibile, attenta alla naturalità, di ingegnosità di uomini e donne che volevano trovare modi gustosi per nutrire le proprie famiglie e la propria comunità e permetterebbe una valorizzazione delle conoscenze tradizionali che hanno costituito le sue origini e che spesso sono minacciate dalla globalizzazione.

Tale candidatura risponde pienamente alle sollecitazioni dell’UNESCO che, soprattutto negli ultimi anni, ha richiesto agli Stati di candidare pratiche ed elementi esempi di sviluppo sostenibile, di integrazione e di dialogo sociale. Per questo la petizione chiede di iscrivere questo elemento culturale nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità UNESCO.

In basso è possibile scaricare il modulo per la raccolta delle firme:

Modulo raccolta firme world petition ITA

In basso è possibile scaricare il modulo per la raccolta firma in inglese:

Modulo raccolta firme world petition ENG



Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr