Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Animal Geographies/Animal Spaces

Come cambiano i rapporti fra esseri umani e animali nello spazio urbano e nello spazio rurale? Quali sono le conseguenze geografiche delle nostre scelte alimentari? [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
#pizzaUnesco
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Dall’Oceano Artico previsioni per una nuova glaciazione

10 febbraio 2012 11:48

La superficie del Mar Glaciale Artico, area dell’Oceano Atlantico che si estende intorno al Polo Nord, si è innalzata di 15 cm e ciò desta preoccupazione per le possibili conseguenze ambientali e climatiche sull’intera Europa.
I ricercatori del Centre for Polar Observation and Modelling dell’Università  di Londra, insieme agli studiosi del National Oceanography Centre UK, attraverso l’analisi dei dati registrati dai satelliti Envisat e Ers-2 dell’Agenzia spaziale europea Esa, hanno scoperto un immenso lago di acqua dolce nel mezzo dell’Oceano Artico occidentale che si sta espandendo ininterrottamente da dieci anni. L’acqua dolce c’è sempre stata nell’Artico perché proveniente dai fiumi eurasiatici, ma mai in quantità così rilevanti e in crescente aumento.
Sotto questa “cupola” di acqua si sono concentrati ottomila chilometri cubi di gelida acqua dolce, oltre il 10 % di tutta l’acqua dolce dell’Oceano Artico. Secondo i ricercatori, questo incredibile lago sarebbe stato prodotto dai forti venti artici che avrebbero accelerato la Beaufort Gyre, una grande circolazione oceanica.

Un cambiamento nella direzione dei venti, verificatosi già in passato, potrebbe provocare il deflusso della massa d’acqua raccolta nell’Oceano Atlantico, rallentando così la corrente del Golfo che assicura un clima mite all’Europa. Inoltre, a causa dell’effetto serra di origine antropica, l’acqua dell’Oceano Atlantico si raffredda sempre di più, generando allarme per la possibilità di una nuova glaciazione. Una previsione che ricorda quella del film The Day after tomorrow.
Grazie ai satelliti si potrà monitorare il comportamento dei ghiacci che potrebbero minacciare notevolmente il clima e causare devastanti effetti sull’ambiente.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr