Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Animal Geographies/Animal Spaces

Come cambiano i rapporti fra esseri umani e animali nello spazio urbano e nello spazio rurale? Quali sono le conseguenze geografiche delle nostre scelte alimentari? [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
#pizzaUnesco
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

OGM, Pecoraro Scanio: Ordinanza FVG è fuorilegge. Va revocata subito

20 settembre 2013 13:36

Appello alla Serracchiani: faccia sequestro cautelare dei campi OGM.

Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde ed ex Ministro dell’Agricoltura che adottò il bando della coltivazione di OGM, ha dichiarato “In Italia la coltivazione OGM è vietata da oltre un decennio e l’ultimo decreto dell’attuale governo, seppure non abbastanza coraggioso, ribadisce il divieto.
L’ordinanza di un dirigente della regione Friuli Venezia Giulia è quindi palesemente fuorilegge e spero che la Presidente provveda subito a revocarla.”.

Precisa inoltre “Credo che queste coltivazioni OGM vadano eliminate al più presto, ma nel frattempo la Regione dovrebbe provvedere almeno ad un sequestro cautelare chiedendo al corpo forestale di intervenire.”.
Il Presidente della Fondazione UniVerde aggiunge “La Fondazione UniVerde che partecipa alla Task Force anti-OGM riunita proprio oggi a Pordenone ha deciso di sostenere tutte le azioni legali che la Task Force deciderà di adottare per bloccare questo blitz che cerca di imporre de facto un tipo di agricoltura, vietata dalle nostre leggi, rifiutata dalla stragrande maggioranza dei cittadini e degli agricoltori e in palese contrasto con l’interesse nazionale ad un agricoltura il più possibile naturale, biologica e di qualità “.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr