Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Climate change, l'Italia sarà in grado di adattarsi?

Mentre l’Italia é impegnata a seguire il dibattito sulla riforma del Senato, il resto del mondo si concentra  sui dati diffusi dall’IPCC sui cambiamenti climatici, e [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Proposta di risoluzione su mais GM NK603 x T25 resistente al glifosato

Nel corso della riunione del 1° dicembre, la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (COMENVI) del Parlamento europeo ha adottato, con [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su google+
Firma la world petition!
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Scarica il modulo per la raccolta firme #pizzaUnesco
Osservatorio Europa
archivio

Pellet illegale nel Veneto

9 febbraio 2009 05:50

Ventiquattro imprenditori trevigiani e vicentini sono stati denunciati a vario titolo per gestione illecita, traffico di rifiuti e falso documentale. Tre le procure interessate: Bassano del Grappa (Vicenza), Vicenza e Treviso che hanno in carico da fine 2008 i fascicoli dell’indagine iniziata a settembre e che ha preso in esame la filiera del legno, con l’obiettivo di conoscere la destinazione dello smaltimento dei rifiuti. Com’è noto i rifiuti del legno vergine vengono utilizzati per le biomasse, per il legno trattato si deve seguire una particolare procedura. Invece le aziende venete avrebbero destinato i rifiuti di legni lavorati (con colle e vernici) alle società iberiche Fantinato di Rosà e Pst Pedemontana di Tezze sul Brenta per fare pellet e altri prodotti poi messi in commercio. Le due ditte avrebbero movimentato in 6 mesi circa 4.000 tonnellate di rifiuti di legno industriale, con conseguenti emissioni dannose in atmosfera.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr