login

Registrati

Green Pride
Sostieni Obiettivo Terra
Obiettivo Terra 2014
Get the Flash Player to see the slideshow.
seguici su
fondazioneuniverde su
seguici su google+
Mediterraneo da remare

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Climate change, l'Italia sarà in grado di adattarsi?

Mentre l’Italia é impegnata a seguire il dibattito sulla riforma del Senato, il resto del mondo si concentra  sui dati diffusi dall’IPCC sui cambiamenti climatici, e [...] [leggi tutto]

Rinnovabili: le aziende che rischiano e ce la fanno nonostante la crisi

In seguito alla pubblicazione dei dati del XII rapporto: “Gli italiani e il solare”, abbiamo ricevuto questa interessante testimonianza che abbiamo deciso di pubblicare. ITALIA. [...] [leggi tutto]

La pizza patrimonio dell'Umanità

La pizza, piatto tipico della cucina italiana, o meglio napoletana, ha in sé il potere e l’armonia dei quattro elementi naturali citati su questo sito. [...] [leggi tutto]
Scarica il modulo per la raccolta firme #pizzaUnesco
Firma la petizione!

L’arte della pizza patrimonio Unesco
Get the Flash Player to see the slideshow.
L’Italia non spenga il sole
archivio

Pellet illegale nel Veneto

9 febbraio 2009 05:50

Ventiquattro imprenditori trevigiani e vicentini sono stati denunciati a vario titolo per gestione illecita, traffico di rifiuti e falso documentale. Tre le procure interessate: Bassano del Grappa (Vicenza), Vicenza e Treviso che hanno in carico da fine 2008 i fascicoli dell’indagine iniziata a settembre e che ha preso in esame la filiera del legno, con l’obiettivo di conoscere la destinazione dello smaltimento dei rifiuti. Com’è noto i rifiuti del legno vergine vengono utilizzati per le biomasse, per il legno trattato si deve seguire una particolare procedura. Invece le aziende venete avrebbero destinato i rifiuti di legni lavorati (con colle e vernici) alle società iberiche Fantinato di Rosà e Pst Pedemontana di Tezze sul Brenta per fare pellet e altri prodotti poi messi in commercio. Le due ditte avrebbero movimentato in 6 mesi circa 4.000 tonnellate di rifiuti di legno industriale, con conseguenti emissioni dannose in atmosfera.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr