Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

#BlueKayakDay #MediterraneoDaRemare2018: il 15 agosto tutti in canoa e kayak per #NoPlastic

Il 15 agosto 2018 è il #BlueKayakDay, evento della Federazione Italiana Canoa Kayak a sostegno di “Mediterraneo da remare” 2018, la campagna nazionale promossa dalla Fondazione [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Convegno "Paesaggi del vino. Valori, esperienze, rischi, opportunità"

Roma, 25 ottobre 2018. Villa Celimontana (via della Navicella 12). Il 2018 è l’anno del Cibo; una delle sue espressioni con maggiori implicazioni per il [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
Rassegna stampa Concorso fotografico “Obiettivo Terra” 2018
Firma la petizione #OperaUnesco!

#pizzaUnesco
#pizzaUnesco: la Vittoria! L’Arte del Pizzaiuolo Napoletano è Patrimonio dell’Umanità IV ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Quali e quanti rischi “collaterali”?

2 aprile 2009 08:56

Il Presidente di Federparchi Giampiero Sammuri esprime una forte preoccupazione per le gravi conseguenze che l’applicazione di alcune norme, che sarebbero contenute nel Decreto del Governo in materia edilizia, avrebbe su tutti i territori delle Aree protette e sulla credibilità degli strumenti di pianificazione e gestione adottati dai parchi.

In particolare l’associazione unitaria dei parchi riterrebbe inaccettabile la previsione di aumenti automatici di volumetria nelle zone di Riserva e Protezione così definite dalla legge secondo criteri validi a livello internazionale e contenute in piani frutto di processi partecipati, accettati da tutte le istituzioni interessate alla gestione delle aree naturali più preziose e fragili del Paese.

Rischiosissima sarebbe anche, in generale, la procedura prevista dal Decreto. Essa, consentendo  interventi di notevole incremento edilizio e addirittura cambi di destinazione d’uso “in deroga alle disposizioni legislative, agli strumenti urbanistici vigenti e adottati, e ai regolamenti edilizi”, minerebbe concretamente il faticoso, spesso pericoloso, lavoro di recupero della legalità svolto dai tecnici e dagli amministratori dei Parchi. Inoltre, la necessità da parte degli Enti che gestiscono vincoli ambientali e paesaggistici di dimostrare “concretamente” l’incompatibilità dell’intervento con l’interesse pubblico, determinerebbe inevitabilmente un amplissimo margine di contenzioso,  appesantendo senza giustificazione l’opera di salvaguardia della qualità ambientale e paesaggistica svolta dai Parchi.

La Federparchi si augura che le notizie diffuse in merito non corrispondano al reale contenuto del provvedimento e chiede al Ministro dell’Ambiente, all’intero Governo, alle Regioni, al Parlamento, di considerare gli enormi riflessi che avrebbero decisioni come quelle ventilate, così pesanti da mettere in discussione la ragione stessa dell’esistenza di aree naturali da tutelare ora e per il futuro.

(fonte: parks.it)

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr