Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Proposta di risoluzione su mais GM NK603 x T25 resistente al glifosato

Nel corso della riunione del 1° dicembre, la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (COMENVI) del Parlamento europeo ha adottato, con [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su google+
Firma la world petition!
Scarica il modulo per la raccolta firme #pizzaUnesco
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Specie aliene e cambiamenti climatici: un binomio contro natura

15 ottobre 2010 16:16

Le specie invasive e i cambiamenti climatici rappresentano le due minacce più pericolose per il mondo naturale. Il loro effetto combinato può essere devastante non solo per l’ambiente ma anche per l’economia. A sostenerlo è il nuovo rapporto pubblicato dal Programma mondiale sulle specie invasive (Gisp) finanziato dalla Banca mondiale. Nello studio si definiscono i legami esistenti tra le specie aliene e il riscaldamento del Pianeta e cosa è necessario fare per mitigare l’impatto che questi due fenomeni potrebbero avere.

La relazione: “Invasive species, climate change and ecosystem based adaptation: addressing multiple drivers of global change” sollecita i governi a integrare la prevenzione e la gestione delle specie invasive con le azioni che intraprendono per mitigare I cambiamenti climatici, perché generalmente questi due fattori vengono tenuti separati.

Secondo gli esperti i danni causati dalle specie non autoctone sono oltre 1.400 miliardi di dollari ogni anno, pari al 5% dell’economia mondiale, una percentuale molto vicina alle perdite causate dal global warming. Per questi motivi gli autori hanno invitato i delegati della Convenzione della Nazioni Unite sulla diversità biologica che si sta svolgendo in questi giorni a Nagoya, in Giappone, a prendere seriamente in considerazione l’azione combinata dei due fattori per potere salvare la biodiversità del nostro Pianeta e le risorse naturali necessarie alla nostra sopravvivenza.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr