Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Proposta di risoluzione su mais GM NK603 x T25 resistente al glifosato

Nel corso della riunione del 1° dicembre, la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (COMENVI) del Parlamento europeo ha adottato, con [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su google+
Firma la world petition!
Scarica il modulo per la raccolta firme #pizzaUnesco
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Un rifugio verde ad alta quota

4 febbraio 2011 10:57

A 3.817 metri di altitudine, nei pressi del Monte Bianco, sarà realizzato il primo rifugio di montagna sostenibile ed ecologico. L’elettricità sarà garantita attraverso pannelli solari e il riscaldamento da celle termiche. A forma cilindrica, per resistere alle forti raffiche di vento, il rifugio “verde” sarà costruito in modo del tutto ecosostenibile, con 192 pezzi di legno di 550 chili ciascuno che formano la struttura principale del “Refuge du Goûter”, e potrà ospitare fino a un massimo di 120 persone.

Per i servizi igienici, poiché il sistema di compostaggio è possibile solo al piano terra, gli architetti hanno adottato un metodo di trattamento di residui umidi molto simile a quello utilizzato sulle navi, con una capacità di aspirazione che riduce lo scarico dell’acqua almeno quattro volte al giorno. I rifiuti liquidi, invece, si depureranno mediante un trattamento biologico. Per il momento i lavori sono fermi, ma il progetto sarà completato e nell’estate 2012.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr