Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Animal Geographies/Animal Spaces

Come cambiano i rapporti fra esseri umani e animali nello spazio urbano e nello spazio rurale? Quali sono le conseguenze geografiche delle nostre scelte alimentari? [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
#pizzaUnesco
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

1/5 dei vertebrati rischia di scomparire

20 ottobre 2010 09:12

La percentuale di specie vegetali e animali in pericolo d’estinzione sta aumentando, ma gli sforzi per proteggerle sembrano funzionare. Queste sono le conclusioni degli scienziati della IUCN (International union for the conservation of nature) che hanno stilato la nuova lista rossa delle specie minacciate, presentata alla Conferenza delle parti della convenzione sulla biodiversità’ in corso in questi giorni a Nagoya, in Giappone. I dati non sono di certo positivi: delle 25.000 specie studiate circa 1/5 è in pericolo e tra queste il 41% degli anfibi rischia di scomparire. Solo il 13% degli uccelli, invece, ha bisogno di protezione.

Le perdite maggiori si registrano nel Sud-est asiatico dove la distruzione degli habitat, foreste rase al suolo per la coltura di biocombustibili, procede a ritmo sempre più veloce.

Nello studio, però, emerge che i programmi di conservazione hanno avuto un impatto significativo: tantissimi uccelli sono stati salvati e tre specie che vivevano in cattività sono riuscite a tornare nei loro habitat naturali: il condor della California (Gymnogyps californianus), il furetto dai piedi neri (Mustela nigripes) e il cavallo di Przewalski in Mongolia (Equus ferus przewalskii). Il divieto di caccia alle balene ha permesso, inoltre, un aumento delle megattere che al momento non sono più inserite nella lista rossa.

Questi scenari ottimisti non escludono una consistente estinzione e riduzione di specie animali e vegetali ed è proprio quello che la Conferenza dovrebbe evitare, cercando di raggiungere un obbiettivo ambizioso che protegga la nostra biodiversità.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr