Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

#BlueKayakDay #MediterraneoDaRemare2018: il 15 agosto tutti in canoa e kayak per #NoPlastic

Il 15 agosto 2018 è il #BlueKayakDay, evento della Federazione Italiana Canoa Kayak a sostegno di “Mediterraneo da remare” 2018, la campagna nazionale promossa dalla Fondazione [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Animal Geographies/Animal Spaces

Come cambiano i rapporti fra esseri umani e animali nello spazio urbano e nello spazio rurale? Quali sono le conseguenze geografiche delle nostre scelte alimentari? [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su
Concorso fotografico “Obiettivo Terra”
Firma la petizione #OperaUnesco!

#pizzaUnesco
#pizzaUnesco: la Vittoria! L’Arte del Pizzaiuolo Napoletano è Patrimonio dell’Umanità IV ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Cambiamento climatico, una foresta cresce nell’Artico

6 giugno 2012 18:36

In Siberia, lungo un ampia fascia di più di 100.000 km², il bioma tundra, generalmente considerato, a causa del freddo e della tipologia di suolo, inadatto a ospitare un certo tipo di vegetazione, stanno crescendo alberi dell’altezza di un paio di metri. Lo rivela una nuova ricerca condotta da alcuni esperti Britannici e Finlandesi, guidata dal biologo spagnolo Marc Macias-Fauria, della Oxford University. Un processo  che si ritiene possa aumentare con il progressivo riscaldamento di questa parte di Artico.

“Fino a 30 anni fa – spiega  Macias-Fauriagli – alberi erano sconosciuti nella tundra. Oggi Invece tramite immagini da satellite e rilievi sul campo, si è visto che dal 8 al 15% del territorio è colonizzato da cespugli alti come un piccolo albero. Fino a poco tempo fa questi cespugli non crescevano più di un metro di altezza. Unendo dati di temperatura, osservazioni sul campo e immagini da satellite, e calcolando infine il diametro degli anelli del tronco, abbiamo scoperto che il riscaldamento globale è effettivamente la causa principale di questa crescita”.

L’aumento di temperatura porta ad un processo di feedback positivo: gli alberi crescendo rendono la coltre di neve più scura, ciò si traduce in un effetto albedo di minore entità con conseguente aumento di energia assorbita, processo che aumenta ancor più la temperatura.

L’avanzamento della foresta nell’Artico potrebbe far crescere la temperatura a queste latitudini da 1 a 2 °C entro la fine del ventunesimo secolo.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr