Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Proposta di risoluzione su mais GM NK603 x T25 resistente al glifosato

Nel corso della riunione del 1° dicembre, la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (COMENVI) del Parlamento europeo ha adottato, con [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su google+
Firma la world petition!
Scarica il modulo per la raccolta firme #pizzaUnesco
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

Rete dei Parchi

17 marzo 2009 06:00

Prosegue l’impegno del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena nella cooperazione transfrontaliera e nella collaborazione con le altre aree protette sarde. Si è infatti svolto recentemente a S. Teresa l’incontro inaugurale del progetto “Re.Tra.Parc.”, la rete transfrontaliera di parchi del Nord Sardegna e della Corsica. E’ stato il Comune di S. Teresa di Gallura ad ospitare l’incontro, al quale hanno partecipato anche i rappresentanti del Parco Regionale di Porto Conte, del Parco Nazionale dell’Asinara, della Provincia di Sassari – che svolge il ruolo di capofila nel progetto – e dell’ Office de l’Environnement de la Corse.

Il progetto “Re.Tra.Parc.” è nato nel corso dell’anno 2008 a seguito di una lunga serie di incontri tra le istituzioni e gli enti partecipanti, che già da tempo avevano manifestato l’esigenza di collaborare su specifiche questioni; fondamentale in tal senso si è dimostrato il ruolo della Provincia di Sassari, che ha dato al gruppo la necessaria spinta propulsiva e ha fornito un prezioso supporto nella predisposizione e nella presentazione del progetto.

“Re.Tra.Parc.” si è infatti classificato al primo posto dell’asse “natura-cultura” del primo bando “P.O. Marittimo 2007-2013”, aggiudicandosi fondi per oltre due milioni di euro, i quali saranno ripartiti tra i vari enti coinvolti nel progetto, che oltre ad essere fortemente innovativo nei contenuti potrà in futuro anche essere aperto all’ingresso di nuovi soggetti istituzionali. Al centro del progetto è infati un concetto di “rete” che non deve essere concepito come semplice sommatoria degli interventi realizzati da ciascun partner, bensì come luogo di scambio delle “migliori pratiche” e quindi come strumento affinché ciascun partner possa apprendere tecniche e metodi per la valorizzazione del proprio territorio, elevando così i propri standard. Inoltre, dovranno essere individuati criteri e parametri omogenei nel monitoraggio scientifico, nell’educazione ambientale e, più in generale, per tutto ciò che riguarda la fruizione del territorio.

Il Presidente del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena, Giuseppe Bonanno, vuole ricordare la compattezza e la forte motivazione dei partner di “Re.Tra.Parc.”; proprio per valorizzare il lavoro di équipe i lavori del gruppo sono proseguiti per due giornate sull’isola dell’Asinara, con riunioni tecniche nelle quale saranno definite in dettaglio le azioni che saranno poste in essere da ciascun soggetto. Oltre ad individuare quindi i singoli ambiti di intervento, in cui ogni partner diverrà capofila per in uno specifico settore, sono stati definiti gli elementi della “cabina di regia” che dovrà agevolare proprio la diffusione della conoscenza che ciascun partner acquisirà e dovrà trasferire agli altri partecipanti.

E proprio nel “trasferimento della conoscenza” è da individuarsi il valore aggiunto del progetto, un circolo virtuoso che consentirà di sfruttare al massimo le risorse economiche impiegate e di porre le basi per la presentazione di ulteriori progetti in ambito comunitario.

Il Presidente del Parco di La Maddalena, Giuseppe Bonanno, ha voluto ringraziare il Sindaco di S. Teresa di Gallura, Bardanzellu, per aver aperto le porte del Salone del Consiglio Comunale di S. Teresa alla prima riunione ‘ufficiale’ del progetto, evidenziando come il Comune di S. Teresa si collochi proprio al centro della Rete, in una posizione tale da consentire un agevole collegamento con tutti gli enti coinvolti nel progetto ed augurandosi che in futuro possa essere prevista la partecipazione dei singoli comuni all’interno del progetto, anche in vista di sviluppi più ambiziosi: “Il Sindaco Bardanzellu è stato particolarmente lungimirante nel riconoscere la necessità che i comuni cerchino la massima cooperazione con altri enti per cercare di creare nuove opportunità di sviluppo. Le popolazioni dei comuni rivieraschi possono così comprendere quale sia la convenienza dell’esistenza di parchi ed altre tipologie di aree protette, un’operazione culturale più che una mera imposizione di norme o leggi.”

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr