Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Climate change, l'Italia sarà in grado di adattarsi?

Mentre l’Italia é impegnata a seguire il dibattito sulla riforma del Senato, il resto del mondo si concentra  sui dati diffusi dall’IPCC sui cambiamenti climatici, e [...] [leggi tutto]

Rinnovabili: le aziende che rischiano e ce la fanno nonostante la crisi

In seguito alla pubblicazione dei dati del XII rapporto: “Gli italiani e il solare”, abbiamo ricevuto questa interessante testimonianza che abbiamo deciso di pubblicare. ITALIA. [...] [leggi tutto]

Proposta di risoluzione su mais GM NK603 x T25 resistente al glifosato

Nel corso della riunione del 1° dicembre, la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (COMENVI) del Parlamento europeo ha adottato, con [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su google+
Firma la world petition!
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Scarica il modulo per la raccolta firme #pizzaUnesco
Osservatorio Europa
archivio

Mostra “Bahar: una missione ambientale”

23 novembre 2016 14:52

Martedì 29 Novembre 2016 alle ore 12.00 alla sede della Società Geografica Italiana Onlus in Via della Navicella, 12 – Roma, sarà inaugurata la mostra: “Bahar: una missione ambientale”, Pace e solidarietà per la difesa del Mediterraneo a 10 anni dalla missione in Libano, realizzata dalla Fondazione Univerde in collaborazione con la Società Geografica Italiana, Castalia e Guardia Costiere.

All’incontro interverrà il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera , Ammiraglio Ispettore (CP) Vincenzo Melone*.

Quest’anno, infatti, ricorre il decennale della missione ambientale “Bahar” (“mare” in arabo), organizzata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e realizzata dalla Guardia Costiera con lo scopo di coordinare le operazioni di monitoraggio, bonifica e disinquinamento nell’ambito del disastro ambientale causato dallo sversamento in mare di olio combustibile denso occorso in Libano a causa del bombardamento della centrale termoelettrica di Jieh, a sud di Beirut, avvenuto durante gli atti di guerra del 13 e 15 luglio 2006.

In quella occasione il Ministero dell’Ambiente italiano è stato il primo, tra quelli dei Paesi occidentali, ad accogliere l’appello lanciato dal Ministero dell’Ambiente libanese alla comunità internazionale, intervenendo con una nave e struttura operativa della flotta convenzionata di Castalia Consorzio Stabile S.c.p.A.

Grazie alla collaborazione con la Guardia Costiera e al supporto tecnico-scientifico degli enti APAT e ICRAM (successivamente accorpati nell’ISPRA), delle ARPA regionali dell’Emilia-Romagna, Toscana, Liguria e Sicilia, specializzate nel disinquinamento delle aree costiere, il Ministero è riuscito a portare in Libano gli uomini più preparati e le migliori esperienze italiane nel campo del disinquinamento marittimo.

La Fondazione UniVerde, presieduta da Alfonso Pecoraro Scanio, già Ministro dell’Ambiente e promotore della missione “Bahar”, con questa mostra intende ripercorrere le drammatiche tappe di quella che è stata la prima ed unica missione ambientale italiana all’estero.

Era il 12 settembre 2006 quando la nave italiana ITCG Peluso salpò da Messina alla volta di Beirut con l’obiettivo primario di minimizzare il danno ambientale e ripristinare l’ecosistema. L’attività operativa, svolta in acque territoriali libanesi, ha avuto inizio il giorno 21 settembre 2006 (l’Unità è giunta a Beirut il pomeriggio del 20) e si è prolungata fino al giorno 25 novembre, data della partenza dal porto di Beirut, per rientrare in Italia il 29 novembre 2006.

RSVP: info@fondazioneuniverde.it

In basso è possibile scaricare l’invito in PDF:

Invito mostra Bahar – Roma, 29 novembre 2016

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr