Sostieni Obiettivo Terra
Obiettivo Terra 2014
Get the Flash Player to see the slideshow.
seguici su
fondazioneuniverde su
seguici su google+
Mediterraneo da remare
Green Pride

Come salvare i nostri oceani dai rifiuti?

Slat Boyant, un giovane olandese, fondatore di Ocean Cleanup Foundation, ha presentato un nuovo dispositivo tecnologico ed efficace che consente di pulire e riciclare circa [...] [leggi tutto]

Climate change, l'Italia sarà in grado di adattarsi?

Mentre l’Italia é impegnata a seguire il dibattito sulla riforma del Senato, il resto del mondo si concentra  sui dati diffusi dall’IPCC sui cambiamenti climatici, e [...] [leggi tutto]

A giugno in Italia il picco delle rinnovabili

16 giugno 2013: ricordatevi questa data. Perché quel giorno, per la prima volta e per un paio d’ore, tra le 14 e le 15, in [...] [leggi tutto]

Task Force Per un'Italia libera da Ogm

Sabato 5 aprile ci sarà una prima mobilitazione nazionale della Task Force: “Per un’Italia libera da Ogm”, promossa da una coalizione di 39 associazioni tra [...] [leggi tutto]
login

Registrati

L’Italia non spenga il sole
Firma la petizione #salvArte
#salvArte
archivio

I coralli di Haiti stanno morendo

6 settembre 2011 08:30

L’85 per cento della barriera corallina di Haiti, meta negli anni ‘70 e ‘80 dei sub per la sua straordinaria bellezza, è stata distrutta dall’uomo. Tra le cause, si legge sul New York Times, la pesca eccessiva, lo sfruttamento e il cambiamento climatico. A lanciare l’allarme un gruppo di eco-sub responsabili che si sono immersi per controllare lo stato della barriera.

Il degrado ambientale, la deforestazione, l’erosione e l’inquinamento sono molto diffuse ad Haiti, e in molti casi è difficile rimediare. Per decenni l’ambiente marino ha sofferto in silenzio. La splendida barriera corallina è stata da sempre un’attrazione per i subacquei di tutto il mondo che ora non potranno più vederla a causa dello scempio dell’uomo.

«É la peggior pesca eccessiva che abbia visto in qualsiasi parte del mondo» denuncia Gregor Hodgson, direttore di Reef Check, ONG della California che monitora la salute della barriera corallina a livello internazionale. Dopo il terremoto, Hodgson è volato ad Haiti per ispezionare lo stato delle profondità marine e verificare i danni subiti, ma ha scoperto che i fondali erano privi di pesci e di coralli.

Una perdita per la popolazione locale che vive di pesca, circa 54.000 pescatori hanno diminuito le loro catture, per il turismo e per l’ecosistema marino. Haiti, però, è l’unico litorale dei Caraibi che non ha ancora istituito aree marine protette in cui la pesca è limitata e off-limits. Reef Check ha chiesto al governo di creare parchi marini per la crescita e la riproduzione delle specie e sta coinvolgendo nuovi volontari per avviare programmi di protezione.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr