Sostieni Obiettivo Terra
Task Force Per un’Italia libera da Ogm
Mediterraneo da remare
Scarica gratis il libro in PDF!
L’Italia non spenga il sole
2008 L’anno che ha stravolto l’Italia
Green Pride
Guadagnare con il bambù gigante

Appello contro la privatizzazione dell'acqua in Campania

L’acqua pubblica di Napoli è in pericolo, con essa la democrazia e la possibilità di attuare il referendum che abbiamo vinto nel 2011. Alex Zanotelli [...] [leggi tutto]

Il decennale della Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici

A dieci anni dalla prima e unica Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici in Italia, promossa dall’allora Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e che rappresentò un [...] [leggi tutto]

Conferenza stampa #Stopincendi petizione su change.org

CONFERENZA STAMPA Martedì 25 luglio ore 16 Sala stampa della Camera dei Deputati Via della Missione, 4 Roma #Stopincendi petizione su change.org in 20.000 chiedono [...] [leggi tutto]

Proposta di risoluzione su mais GM NK603 x T25 resistente al glifosato

Nel corso della riunione del 1° dicembre, la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (COMENVI) del Parlamento europeo ha adottato, con [...] [leggi tutto]
seguici su
seguici su google+
Firma la world petition!
Scarica il modulo per la raccolta firme #pizzaUnesco
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO III ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO NEL MONDO II ediz.
#PIZZAUNESCO: ORGOGLIO ITALIANO I ediz.
Osservatorio Europa
archivio

I misteri del clima nelle profondità del Mar Morto

23 gennaio 2011 18:08

Sotto questo grande lago, conosciuto per sua salinità, si nascondono i segreti meglio custoditi del nostro Pianeta. Per scoprire queste informazioni, un team di ricercatori guidati dal professor Zvi Ben-Avraham, membro dell’Israel Academy of Sciences and humanities, ha perforato il fondo fino a raggiungere una profondità di circa 380 metri. Gli scienziati hanno rivelato che quando il livello del mare è basso, si formano depositi di sale, quando è alto, invece, non ci sono. Analizzando la loro frequenza è possibile determinare così periodi di siccità e di pioggia.

L’obiettivo dello studio è estrarre materiale per ottenere informazioni sul cambiamento climatico e sui movimenti sismici nella regione, verificatasi mezzo milione di anni fa. Uno dei minerali presenti nell’acqua, l’aragonite, costituito da carbonato di calcio, è in grado di fornire dettagli su elementi che risalgono a 500.000 di anni fa. L’analisi di questi sedimenti consentirà ai ricercatori di fare valutazioni precise sulle condizioni ambientali passate, e previsioni climatiche future.

Dall’analisi del materiale geologico, invece, si ricaveranno modelli sismici della zona, essenziali per la vita degli stessi israeliani, palestinesi e giordani, le cui regioni sono attraversate dal Mar Morto.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Blogplay
  • Twitter
  • Live
  • Meneame
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Tumblr